Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 8 gennaio 2016, n. 128. Nell’ambito della responsabilità civile automobilistica, qualora la domanda di risarcimento sia circoscritta alla condanna diretta dell’assicuratore, il relativo procedimento prosegue nelle forme ordinarie, e la circostanza che vi partecipi, per effetto del litisconsorzio necessario, l’assicurato sottoposto a liquidazione coatta amministrativa, non attiva alcuna vis attractiva all’interno della procedura concorsuale: la pronuncia non potrà incidere né sulla massa attiva, né avere influenza sulla par condicio creditorum

89

Cassazione 15

Suprema Corte di Cassazione

sezione III

sentenza 8 gennaio 2016, n. 128

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Presidente

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. D’AMICO Paolo – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 9048/2013 proposto da:

(OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SCARL IN LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA in persona dei commissari liquidatori Dott. (OMISSIS) e Dott. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dagli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS) giusta procura speciale a margine del controricorso;

(OMISSIS) SPA in persona del suo legale rappresentante e procuratore ad negotia Dr. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS) giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 531/2012 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA, depositata il 13/12/2012, R.G.N. 691/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 16/10/2015 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI;

udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;

udito l’Avvocato (OMISSIS);

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PRATIS Pierfelice, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato nell’ottobre 1991, (OMISSIS) dedusse di avere riportato gravi lesioni a seguito di un sinistro stradale avvenuto il (OMISSIS) sul raccordo autostradale (OMISSIS) e convenne in giudizio la (OMISSIS) (quale proprietaria di uno dei mezzi coinvolti) e la sua assicuratrice (OMISSIS) s.p.a., oltre a (OMISSIS) e alla (OMISSIS) s.p.a., per ottenere il risarcimento dei danni subiti.

Il Tribunale di Perugia accolse parzialmente la domanda accertando un concorso colposo paritario dell’attore e della (OMISSIS) e rigettando ogni pretesa avanzata nei confronti della Cooperativa e della (OMISSIS).

La Corte di Appello dispose la separazione del giudizio relativo alla domanda proposta dall’ (OMISSIS) contro la Cooperativa e l’ (OMISSIS) da quello concernente la domanda formulata nei confronti della (OMISSIS) e della (OMISSIS) e defini’ il primo giudizio dichiarandone la nullita’ per non essere stato integrato il contraddittorio nei confronti del Commissario liquidatore della (OMISSIS), posta in liquidazione coatta amministrativa sin dal dicembre 1990.

Riassunta la causa dall’ (OMISSIS), il Tribunale di Perugia respinse nuovamente le domande proposte nei confronti della Cooperativa e della (OMISSIS).

In riforma di tale sentenza, la Corte di Appello ha dichiarato improcedibile la domanda svolta dall’ (OMISSIS) nei confronti di entrambe le convenute, rilevando che la procedura concorsuale era gia’ in atto al momento dell’introduzione della causa e che l’accertamento del credito risarcitorio non avrebbe potuto essere effettuato che nell’ambito di tale procedura.

Ricorre per cassazione l’ (OMISSIS) affidandosi a quattro motivi; resistono, con distinti controricorsi, la (OMISSIS) in l.c.a. e la (OMISSIS) s.p.a..

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Dato atto che la Cooperativa era stata posta in liquidazione coatta amministrativa con Decreto Ministeriale del 15 dicembre 1990, la Corte di Appello ha affermato che, qualora venga proposta una domanda di risarcimento del danno nei confronti del proprietario del veicolo e del suo assicuratore della responsabilita’ civile, “il fallimento del primo, o comunque la sua messa in liquidazione coatta amministrativa, comporta l’improseguibilita’ di qualsiasi domanda sia nei suoi confronti sia nei confronti del suo assicuratore… con conseguente devoluzione al Tribunale fallimentare mediante istanza di ammissione al passivo”.

Ha aggiunto che “a nulla rileva la possibilita’ di azione diretta del danneggiato nei confronti della compagnia di assicurazione in quanto,

comunque, l’eventuale risarcimento deve entrare nella massa attiva della procedura concorsuale essendo poi riconosciuto al danneggiato un privilegio sull’indennita’ dovuta dall’assicuratore ai sensi dell’articolo 2767 c.c.”.

Ha concluso pertanto che ricorreva un’ipotesi di improcedibilita’ della domanda, “non risultando, tra l’altro, alcuna rinuncia espressa da parte dell’ (OMISSIS) a far valere le sue pretese nei riguardi della procedura concorsuale”, atteso che “la rinuncia a parte della domanda, quale formulata dalla difesa nel corso dell’odierna udienza, non ha alcuna rilevanza in quanto non e’ stata fatta dalla parte personalmente ne’ da un procuratore speciale e, comunque, non e’ stata accertata dalle altre parti”.

2. Col primo motivo (“violazione e falsa applicazione delle disposizioni del Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267, articoli 52 e 201”), il ricorrente assume che “nella disciplina di cui alla L.F., articolo 52, rientrano solamente le posizioni incidenti sul patrimonio dell’impresa in liquidazione coatta amministrativa” e rileva che, in difetto di eccezioni di inoperativita’ della polizza di assicurazione relativa al veicolo della Cooperativa, “la domanda dell’ (OMISSIS) non potra’ mai incidere sulla massa creditoria, poiche’, in ipotesi di accoglimento, la stessa spieghera’ i suoi effetti direttamente nei confronti della Compagnia garante, la quale, a sua volta, non gode di alcuna possibilita’ di agire in regresso o per la restituzione di quanto corrisposto”.

2.1. Col secondo motivo (“violazione e falsa applicazione della disposizione dell’articolo 112 c.p.c., in riferimento all’articolo 360”), il ricorrente evidenzia che “da sempre aveva proposto anche domanda separata nei confronti della sola (OMISSIS) per chiedere, in ogni caso la condanna anche non in solido con il proprietario del veicolo” e si duole che la Corte non si sia pronunciata su di essa, benche’ egli vi avesse insistito in sede di discussione, dopo aver rinunciato alla domanda di condanna della Cooperativa.

2.2. Il terzo motivo (“violazione e falsa applicazione della Legge n. 990 del 1969, articolo 18, e dell’articolo 2767 c.c.”) censura la sentenza nella parte in cui ha affermato che l’eventuale risarcimento da parte dell’assicurazione sarebbe dovuto confluire in ogni caso nella massa attiva della procedura concorsuale, fatto salvo il privilegio spettante al danneggiato ai sensi dell’articolo 2767 c.c.: assume, al contrario, il ricorrente che il risarcimento dovuto a seguito di azione diretta Legge n. 990 del 1969, ex articolo 18, non e’ soggetto alla disciplina dell’articolo 2767 c.c., e, prima ancora, che gli importi dovuti dall’assicuratore non entrano nella massa attiva della procedura concorsuale dell’assicurato.

2.3. Col quarto motivo (“violazione e falsa applicazione degli articoli 84, 306, 345 e 346 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3”), l’ (OMISSIS) si duole dell’erronea valutazione della precisazione della domanda effettuata dal difensore in sede di discussione avanti alla Corte di Appello ed evidenzia che “non di rinuncia si e’ trattato, ma di mera modificazione della domanda in senso riduttivo e, pertanto, consentita anche in grado di appello e manifestazione del potere difensivo del procuratore”, e tale da non dover essere accettata dalle controparti.

3. La controversia pone la questione della possibilita’, per il danneggiato da fatto rientrante nell’ambito di operativita’ della disciplina della r.c.a., di agire con azione diretta nei confronti dell’assicuratore in caso di sottoposizione a procedura concorsuale del proprietario del mezzo coinvolto.

Cio’ comporta la necessita’ di valutare se e con quali modalita’ possano contemperarsi l’esigenza di assicurare la maggior tutela possibile alle vittime della strada (cfr. Cass. n. 274/2015) con la previsione del litisconsorzio processuale necessario fra assicuratore ed assicurato e col principio dell’attrazione nella procedura concorsuale delle pretese incidenti sulla massa.

4. Va innanzitutto sgomberato il campo dall’errore in cui e’ incorsa la Corte quando ha sostenuto che l’eventuale risarcimento dovesse entrare nella massa attiva della procedura concorsuale, fatto salvo il privilegio spettante al danneggiato sull’indennita’ versata.

Va, infatti, condiviso il principio secondo cui “il privilegio di cui all’articolo 2767 c.c., avente ad oggetto l’indennita’ dovuta dall’assicuratore all’assicurato e la cui previsione e’ ispirata all’esigenza di sottrarre il terzo al concorso dei creditori chirografari dell’assicurato, trova applicazione solo nel settore dell’assicurazione volontaria e non anche con riguardo all’assicurazione obbligatoria della responsabilita’ civile derivante dalla circolazione dei veicoli e dei natanti, in cui la Legge 24 dicembre 1969, n. 990, riconosce al danneggiato l’azione diretta per il risarcimento del danno nei confronti dell’assicuratore” (Cass. n. 5172/2010).

Ne consegue la fondatezza del terzo motivo.

5. Egualmente fondato e’ il quarto motivo – che si esamina di seguito per pregiudizialita’ logica – in quanto erroneamente la Corte ha ritenuto che la riduzione dell’originaria domanda compiuta dal difensore dell’ (OMISSIS) in sede di precisazione delle conclusioni (allorquando non ha reiterato la richiesta di condanna solidale della Cooperativa e dell’assicuratrice ed ha insistito sulla sola domanda – inizialmente subordinata – di condanna della assicuratrice) integrasse un’ipotesi di rinuncia agli atti del giudizio ex articolo 306 c.p.c., (come tale, riservata alla parte o ad un suo procuratore speciale e richiedente l’accettazione della controparte) anziche’ un’ipotesi di rinuncia ad un capo della domanda, rientrante nei poteri del difensore.

E’ noto, infatti, che rientra nei poteri del difensore la rinuncia ad un singolo capo della domanda o la riduzione delle originarie domande, trattandosi di attivita’ che costituisce esercizio della “discrezionalita’ tecnica che gli compete nell’impostazione della lite e che lo abilita a scegliere in relazione anche agli sviluppi della causa la condotta processuale da lui ritenuta piu’ rispondente all’interesse del proprio rappresentato” (Cass. n. 2572/1998; cfr. anche Cass. n. 140/2002).

Ne consegue che, avendo il difensore dell’ (OMISSIS) validamente rinunciato ai capi dell’originaria domanda che richiedevano la condanna della Cooperativa (ex articolo 2054 c.c., comma 3), l’unica domanda su cui la Corte avrebbe dovuto pronunciarsi era quella di condanna diretta dell’assicuratrice (Legge n. 990 del 1969, ex articolo 18).

6. Passando, ora, all’esame di primi due motivi, deve sottolinearsi che:

– il litisconsorzio necessario processuale ed unilaterale previsto dalla Legge n. 990 del 1969, articolo 23, (applicabile ratione temporis), che comporta la necessita’ che al giudizio promosso dal danneggiato con l’azione diretta contro l’assicuratore partecipi anche il proprietario del veicolo responsabile del danno e che integra una deroga al principio della facoltativita’ del litisconsorzio in materia di obbligazioni solidali, e’ volto a “rafforzare la posizione processuale dell’assicuratore ai fini dell’opponibilita’ all’assicurato dell’accertamento della responsabilita’” (Cass. n. 26041/2005);

– la partecipazione dell’assicurato al giudizio promosso dal danneggiato contro l’assicuratore e’ dunque giustificata dalla necessita’ di conseguire un accertamento idoneo a costituire giudicato, che si realizza per effetto della partecipazione dell’assicurato al giudizio, a prescindere dalla proposizione – da parte del danneggiato – di un’autonoma domanda risarcitoria nei suoi confronti (ex articolo 2054 c.c., comma 3) e, dunque, anche in difetto di una siffatta domanda.

Tanto premesso e venendo a considerare le possibili interferenze fra il litisconsorzio necessario Legge n. 990 del 1969, ex articolo 23, e la procedura concorsuale cui sia sottoposto l’assicurato, deve ulteriormente rilevarsi che:

– questa Corte ha avuto modo di affermare che, “quando sia stata proposta una domanda di risarcimento del danno da sinistro stradale nei confronti del proprietario del veicolo che ha causato il danno e del suo assicuratore della responsabilita’ civile, il fallimento del primo comporta l’improseguibilita’ di qualsiasi domanda di condanna sia nei suoi confronti, sia nei confronti del suo assicuratore della responsabilita’ civile, con conseguente devoluzione al tribunale fallimentare, mediante istanza di ammissione al passivo, a meno che il danneggiato, dopo che il giudizio e’ stato interrotto e riassunto nei confronti della curatela, non rinunci ad ogni pretesa nei confronti del fallimento, ovvero dichiari formalmente che la richiesta condanna nei confronti del fallito deve intendersi eseguibile solo nell’ipotesi in cui questi dovesse ritornare in bonis” (Cass. n. 10640/2012; in senso analogo, gia’ Cass. n. 17035/2011);

– con cio’ si e’ voluto evidentemente affermare che, ove la domanda sia limitata alla condanna diretta dell’assicuratore, la circostanza che al giudizio partecipi (per effetto del litisconsorzio necessario) l’assicurato sottoposto a procedura concorsuale (in persona del curatore fallimentare o del commissario liquidatore), non rende operante la vis attractiva della procedura, giacche’ la pronuncia giudiziale non potra’ incidere sulla massa e influire sulla par condicio creditorum;

– in un’ipotesi siffatta non si pone, dunque, alcuna esigenza di attrazione della causa nell’ambito della procedura concorsuale, con conseguente improcedibilita’ del giudizio risarcitorio, che – al contrario – potra’ proseguire, fino al suo naturale epilogo, nelle forme dell’ordinario procedimento contenzioso.

6.1. Facendo concreta applicazione degli anzidetti principi e considerazioni al caso in esame, ritiene il Collegio che erroneamente la sentenza impugnata abbia dichiarato l’improcedibilita’ del giudizio, atteso che:

– la domanda risarcitoria, pur originariamente proposta – in via cumulativa – sia nei confronti dell’assicurazione (Legge n. 990 del 1969, ex articolo 18) che della Cooperativa (ex articolo 2054 c.c., comma 3) e’ stata validamente ridotta (per quanto osservato al punto 5) alla sola richiesta di risarcimento da parte dell’assicurazione;

– con cio’, la partecipazione al giudizio dei commissari liquidatori della Cooperativa non risulta finalizzata ad un’eventuale condanna, ma unicamente a conseguire un accertamento della responsabilita’ opponibile alla proprietaria del mezzo (da far valere nei confronti della Cooperativa, ove dovesse tornare in bonis);

– non determinandosi, pertanto, alcuna interferenza fra il giudizio risarcitorio e la procedura concorsuale, non v’e’ ragione alcuna per ritenere che la domanda di condanna della (sola) assicuratrice debba essere esaminata nell’ambito della procedura concorsuale dell’assicurata.

Da cio’ consegue che anche i primi due motivi vanno accolti.

7. La sentenza va dunque cassata, con rinvio la Corte di Appello di Perugia che, in diversa composizione, procedera’ a nuovo esame della causa e provvedera’ anche in ordine alle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, cassa e rinvia, anche per le spese di lite, alla Corte di Appello di Perugia, in diversa composizione.