Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 8 settembre 2015, n. 17752. Sulle modalità di quantificazione del danno che sia dipeso da inadempimento contrattuale; quando sia possibile allegare i criteri per il suo accertamento, non si può addivenire ad una liquidazione dello stesso in via equitativa

46

Cassazione 12

Suprema Corte di Cassazione

sezione II

sentenza 8 settembre 2015, n. 17752

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Luigi – Presidente

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – rel. Consigliere

Dott. NUZZO Laurenza – Consigliere

Dott. MATERA Lina – Consigliere

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 8245-2010 proposto da:

(OMISSIS) SRL (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) SRL (OMISSIS);

– intimato –

nonche’ da:

(OMISSIS) SRL (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);

– controricorrente e ricorrente incidentale –

e contro

(OMISSIS) SRL (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 931/2009 della CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il 31/03/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/06/2015 dal Consigliere Dott. GAETANO ANTONIO BURSESE;

udito l’Avvocato (OMISSIS) difensore del ricorrente che si riporta agli atti depositati e chiede l’accoglimento del ricorso principale;

udito l’Avvocato (OMISSIS) con delega depositata in udienza dell’Avvocato (OMISSIS), difensore del resistente che si riporta agli atti depositati;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio che ha concluso per l’accoglimento del ricorso principale; rigetto incidentale.

 

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

 

1 – Con atto notificato il 30.3.2004 la (OMISSIS) srl conveniva in giudizio avanti al Tribunale di Sondrio, la (OMISSIS) srl deducendo di avere convenuto con la medesima l’acquisto di due espositori, senza pero’ che il relativo contratto avesse mai avuto esecuzione. Precisava di aver gia’ corrisposto alla convenuta la somma di euro 5164,56, a titolo di acconto per una precedente fornitura, per cui il saldo prezzo ammontava a euro 624,23. Chiedeva dunque l’attrice la condanna della convenuta (OMISSIS) srl all’adempimento del contratto o, in subordine, la risoluzione del contratto stesso per inadempimento della medesima convenuta, e la condanna al risarcimento dei danni che indicava in euro 5.164,56.

Si costituiva la (OMISSIS) srl chiedendo il rigetto della domanda siccome infondata. Sosteneva che le parti non avevano concluso alcun contratto avente ad oggetto i due espositori di cui faceva cenno l’attrice, in quanto la sua offerta relativa a tali manufatti non era stata accettata dall’attrice. Faceva pero’ presente di aver concluso , sempre con l’attrice, altro contratto in data (OMISSIS) avente ad oggetto la fornitura e il montaggio di mobili per una sala mostra, al quale contratto aveva dato regolare esecuzione predisponendo gli arredi concordati; che la (OMISSIS) non era receduta dal contratto, ma si era limitata a chiederne la sospensione;chiedeva quindi dichiararsi la risoluzione di tale contratto in data (OMISSIS), per inadempimento della controparte.

Il Tribunale adito, rigettava la domanda di parte attrice e dichiarava la risoluzione del contratto per grave inadempimento della medesima; stabilendo che l’acconto di euro 5164,56 rimanesse alla convenuta (OMISSIS) srl a titolo di risarcimento del danno, cosi’ liquidato in via equitativa. Avverso la sentenza proponeva appello la (OMISSIS) chiedendone la riforma; resisteva la societa’ appellata; l’adita Corte d’Appello di Milano, con sentenza n. 931/2009, in riforma dell’impugnata sentenza rigettava la domanda risarcitoria formulata da (OMISSIS) srl, che condannava a restituire all’appellante la somma di euro 5165,57, oltre interessi. Sosteneva la corte milanese che la soc. (OMISSIS) srl, pur avendo dato la prova dell’esistenza del contratto in data (OMISSIS) non aveva pero’ provato l’ammontare dei danni subiti, ne’ era possibile nella fattispecie liquidare il danno – come aveva fatto il primo giudice – in via equitativa , in quanto la prova del danno non era impossibile, ne’ eccessivamente difficoltosa, non ricorrevano dunque i presupposti voluti dall’articolo 1226 c.c..

2- Per la cassazione di tale sentenza ricorre la (OMISSIS) srl sulla base di 2 mezzi; resiste con controricorso la (OMISSIS), che ha formulato altresi’ ricorso incidentale sulla base di n. 4 mezzi, illustrati da memoria ex articolo 378 c.p.c..

 

MOTIVI DELLA DECISIONE

 

A) RICORSO PRINCIPALE.

1 – Con il primo motivo del ricorso l’esponente (OMISSIS) srl, denuncia il vizio di motivazione:

lamenta che il giudice distrettuale, dopo aver riconosciuto la conclusione, la validita’ e l’efficacia del contratto del (OMISSIS), nonche’ la sua risoluzione per inadempimento della (OMISSIS), ha tuttavia ritenuto che essa (OMISSIS) non aveva dato la prova dei danni subiti. In realta’ tale prova era stata data tramite i testi escussi i quali avevano confermato l’esistenza di questi danni consistenti nell’approvvigionamento di materiali per predisporre la struttura dell’arredamento convenuto, poi rimasti invenduti.

2 – Con il secondo motivo viene eccepita la violazione dell’articolo 1226 c.c.; secondo la ricorrente erano presenti i presupposti voluti dalla legge ai fini di una liquidazione equitativa del danno. Il motivo e’ corredato del seguente quesito:

“Dica … se la determinazione del danno patito da (OMISSIS), certamente provato nell’an e consistente nell’approvvigionamento dei materiali necessari e nella predisposizione della struttura dell’arredamento della sala mostre ordinata da (OMISSIS) … rimaste tutte invendute presso i magazzini della ricorrente, oltre che ne tre viaggi presso la sede della (OMISSIS) a (OMISSIS), erroneamente considerata dalla Corte d’Appello di Milano non suscettibile di valutazione equitativa, sia di particolare difficolta’, ovvero impossibile, tale da legittimare il Giudice, tenuto conto anche della peculiarita’ del caso concerto, a provvedere alla liquidazione dello stesso danno patito in via equitativa, in applicazione del disposto dall’articolo 1226 c.c.”. Le due doglianze – scrutinate congiuntamente attesa la loro stretta connessione – non sono fondate.

Invero non e’ stata colta la vera ratio decidendi del giudice distrettuale, il quale non ha negato l’avvenuta prova del danno (an debeatur), ma ha solo affermato che nella fattispecie, mancavano i presupposti per la sua liquidazione (quantum) in via equitativa, con specifico riferimento alla somma di euro 5.164,57, gia’ liquidata dal primo giudice. L’esercizio del potere discrezionale di liquidare il danno in via equitativa, conferito al giudice dagli articoli 1226 e 2056 c.c. presuppone che sia provata l’esistenza di danni risarcibili e che risulti obiettivamente impossibile o particolarmente difficile, per la parte interessata, provare il danno nel suo preciso ammontare (Cass. Sez. 6 -L, Ordinanza n. 27447 del 19/12/2011). Ora secondo la corte territoriale nella fattispecie la prova di alcune circostanze (importo dei materiali e dei manufatti ecc.) non era impossibile e nemmeno eccessivamente difficoltosa per (OMISSIS) ai fini di una precisa liquidazione del danno, per cui non sussistevano gli estremi per una liquidazione equitativa del danno cosi’ come previsto dagli articoli 1226 e 2056 c.c..

Questa S.C. ha invero ribadito a questo riguardo, che l’esercizio del potere discrezionale del giudice di liquidare il danno in via equitativa, a lui conferito dagli articoli 1226 e 2056 c.c., espressione del piu’ generale potere di cui all’articolo 115 c.p.c., da luogo non gia’ ad un giudizio di equita’, ma ad un giudizio di diritto caratterizzato dalla cosiddetta equita’ giudiziale correttiva od integrativa, che, pertanto, presuppone che sia provata l’esistenza di danni risarcibili e che risulti obiettivamente impossibile o particolarmente difficile, per la parte interessata, provare il danno nel suo preciso ammontare; non e’ possibile, invece, in tal modo surrogare il mancato accertamento della prova della responsabilita’ del debitore o la mancata individuazione della prova del danno nella sua esistenza. (Cass.Sez. 3, Sentenza n. 10607 del 30/04/2010; Cass. 3, Sentenza n. 20990 del 12/10/2011);

B) RICORSO INCIDENTALE.

1 – Passando in esame il ricorso incidentale proposto dalla (OMISSIS), con il primo motivo di denunzia la violazione o falsa applicazione dell’articolo 134 c.p.c.: “omessa indicazione dei motivi della sentenza ; la sentenza del Tribunale e’ nulla perche’ contenente un inserimento fotostatico della comparsa conclusionale della controparte”.

Il motivo e’ corredato dal seguente quesito di diritto:

“Dica … se, nel caso di integrale trascrizione ed inserimento in forma di copia fotostatica di porzioni della comparsa conclusionale … senza approfondimento alcuno in ordine alle ragioni per le quali si e’ ritenuto di condividere la tesi prospettata dalla medesima parte, il giudice incorra in un vizio di motivazione in diritto delle decisione ex articolo 132 c.p.c., n. 4”.

La doglianza non ha pregio.

Si osserva infatti che su tale punto la corte ha puntualmente rilevato che in ogni caso il primo giudice ha autonomamente dato conto delle ragioni di fatto e di diritto del suo convincimento, sia pure riferendosi per relationem agli scritti della convenuta. Si osserva peraltro che anche nell’ipotesi d’invalidita’ della sentenza di primo grado, la Corte d’Appello avrebbe comunque motivato in via autonoma la decisione stessa.

2 – Con il 2 motivo (assistito da quesito di diritto) l’esponente denuncia la violazione e falsa applicazione dell’articolo 1326 c.c.; confuta la tesi dell’esclusione dell’avvenuta stipula del 2 contratto; sostiene che in realta’ doveva ritenersi concluso anche il contratto avente ad oggetto la fornitura dei 2 espositori, in quanto la (OMISSIS) aveva imputato l’acconto (che gia’ aveva versato per il primo contratto) alla nuova fornitura e nessuna contestazione era stata mossa da controparte. Il quesito di diritto e’ il seguente:

“Dica… se, nel caso in cui la proposta contrattuale inoltrata dal preponente venga accettata imputando a parziale compensazione del corrispettivo concordato una somma di danaro, della quale detiene sine titulo la disponibilita’ ed in assenza di obiezioni ad opera della controparte, il contratto possa essere considerato validamente concluso ai sensi dell’articolo 1326 c.c., comma 1 nel momento in cui il preponente ha ricevuta la detta conferma dell’accettante”.

La doglianza non e’ fondata.

La Corte territoriale infatti lo ha correttamente escluso, perche’ la controproposta della (OMISSIS) implicava il computo, in conto prezzo, dall’acconto versato in occasione del rapporto precedente. Insomma all’offerta della (OMISSIS) mancava una pedissequa accettazione della (OMISSIS), la cui accettazione non conforme costituiva in realta’ una nuova proposta che controparte non aveva accettato.

3 – Con il 3 motivo si denuncia la violazione e falsa applicazione degli articoli 115, 116 e 210 c.p.c.; “errata valutazione della prova precostituita”: si tratta del documento (capitolato) del (OMISSIS) prodotto in sola copia fotostatica dalla (OMISSIS) per provare i danni che era stato disconosciuto. Mancata considerazione che l’ordine di esibizione dell’originale era rimasto inevaso, impedendo cosi’ alla parte di poter proporre rituale querela di falso.

La corte avrebbe poi erroneamente attribuito efficacia vincolante ad una mera trattava contrattuale.

Il quesito di diritto a corredo del ricorso e’ il seguente:

“Dica … se, in caso di produzione di una copia fotostatica di scrittura, adempiuto l’ordine di esibizione imposto dal Giudice ex articolo 210 c.p.c., cosi’ impedendo alla parte di proporre rituale querela di falso …, il Giudice debba trarre argomenti di prova dal comportamento riservato dalla parte cui l’ordine era rivolto; dica altresi’, se contestata l’errata applicazione dell’articolo 1321 c.c. per avere erroneamente attribuito efficacia vincolante ad una mera trattativa contrattuale, incorra in violazione del disposto di cui agli articoli 115 e 116 c.p.c. il giudice che dichiari l’inadempimento di una delle parti per non avere adempiuto la propria – presunta – obbligazione”.

La doglianza non ha pregio.

Invero tale censura non appare pertinente rispetto la ratio decidendi posta a fondamento della decisione: il giudicante ha ribadito infatti che il disconoscimento del predetto documento era intervenuto tardivamente in quanto non era stato effettuato alla prima udienza di comparizione. Egli ha poi sottolineato: “in ogni caso – la prova della conclusione di contratto si rinviene … dall’istruttoria orale e non dal documento di cui sopra, la cui eventuale mancata valenza probatoria non avrebbe effetto sulla ricostruzione della vicenda quale e’ stata formulata dal primo giudice e quale viene ora recepita anche dalla Corte”.

4 – Con il 4 motivo si denuncia il vizio di motivazione con riferimento al fatto che non sono state prese in esame le ragioni da essa addotte che impedivano di considerare il documento del (OMISSIS) alla stregua di un valido ed efficace contratto, mentre invece si tratta di una mera trattativa contrattuale, al piu’ di “un contratto preparatorio”.

La doglianza non e’ fondata. A parte i profili d’inammissibilita’ in quanto tale documento non e’ stato trascritto (in spregio del principio di autosufficienza del ricorso) e della mancanza del “momento di sintesi” ex articolo 366 bis c.p.c., si osserva che sul punto la Corte ha congruamente motivato, richiamandosi alle risultanze istruttorie (dichiarazione dei testi ecc.) per cui tale doglianza non puo’ avere rilievo in questa sede di legittimita’.

5 – Conclusivamente: va rigettato il ricorso principale e quello incidentale.

Stante la reciproca soccombenza, le spese di questo giudizio di legittimita’ sono compensate.

 

P.Q.M.

 

rigetta il ricorso principale e quello incidentale; compensa le spese processuali.