Condominio e la delibere di spesa

49

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|11 novembre 2021| n. 33482.

Condominio e la delibere di spesa.

In tema di condominio, per quanto attiene alle delibere di spesa, sono nulle le deliberazioni con le quali, a maggioranza, siano stabiliti o modificati i generali criteri di ripartizione delle spese previsti dalla legge o dalla convenzione, da valere per il futuro, trattandosi di materia che esula dalle attribuzioni dell’assemblea previste dall’articolo 1135, nn. 2 e 3, del Cc, e che è sottratta al metodo maggioritario; sono, invece, meramente annullabili le deliberazioni aventi ad oggetto la ripartizione in concreto tra i condomini delle spese relative alla gestione delle parti e dei servizi comuni adottate senza modificare i criteri generali previsti dalla legge o dalla convenzione, ma in violazione degli stessi, trattandosi di deliberazioni assunte nell’esercizio delle dette attribuzioni assembleari, che non sono contrarie e norme imperative, cosicché la relativa impugnazione va proposta nel termine di decadenza previsto dall’articolo 1137, comma 2, del Cc.

Ordinanza|11 novembre 2021| n. 33482. Condominio e la delibere di spesa

Data udienza 24 giugno 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Condominio – Opposizione a decreto ingiuntivo emesso per la riscossione di contributi condominiali – Valutazione dell’annullabilità della delibera assembleare a condizione che sia dedotta in via di azione ex art. 1137, co. 2 c.c. e non in via di eccezione – Esclusione della nullità della delibera che ripartisce un debito gravante sul condominio senza modificare i criteri di riparto delle spese dettati dalla legge – Rigetto

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere

Dott. TEDESCO Giovanni – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 5542-2019 proposto da:
(OMISSIS), difeso da se stesso ed elettivamente domiciliato in (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
CONDOMINIO (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende giusta procura in calce al controricorso;
– controricorrenti –
avverso la sentenza n. 300/2019 del TRIBUNALE di ROMA, depositata l’8/1/2019;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 24/06/2021 dal Consigliere Dott. MAURO CRISCUOLO; Lette le memorie depositate dal ricorrente.

Condominio e la delibere di spesa

MOTIVI IN FATTO ED IN DIRITTO DELLA DECISIONE

(OMISSIS) ha proposto appello averso la sentenza del giudice di Pace di Roma n. 11168 del 3 aprile 2018, con la quale era stata rigettata l’opposizione proposta avverso il decreto ingiuntivo emesso in favore del Condominio in Roma alla via Nomentana n. 903, per il pagamento della somma di Euro 1927,96.
Nella resistenza del condominio, il Tribunale adito, con la sentenza n. 300 dell’8 gennaio 2019, ha rigettato il gravame, con condanna dell’appellante al rimborso delle spese del grado. Il Tribunale rilevava che la questione oggetto dell’appello era relativa alla asserita nullita’ della delibera assembleare del 14 aprile 2016, con la quale il condominio aveva ripartito tra tutti i condomini la somma necessaria all’amministratore per ripianare un debito del condominio, che aveva altresi’ determinato il pignoramento delle somme giacenti sul conto corrente condominiale.
A detta dell’appellante, tale delibera era affetta da nullita’, in quanto l’oggetto della stessa esulava dalle competenze dell’assemblea, come chiaramente si ricavava dalla decisione delle Sezioni Unite n. 4806/2005.
Secondo il giudice di appello pero’ tale delibera non poteva reputarsi affetta da nullita’, in quanto non era estranea alle finalita’ condominiali, atteso l’evidente interesse del condominio a liberarsi del vincolo scaturente dall’intervenuto pignoramento.
Ne derivava che la delibera aveva validamente approvato il riparto del debito senza che fosse stata impugnata nel termine di cui all’articolo 1137 c.c., sicche’ non poteva ora essere posta in discussione.
Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso (OMISSIS) sulla base di tre motivi, illustrati da memorie.
Il Condominio intimato ha resistito con controricorso.

 

Condominio e la delibere di spesa

Il primo motivo di ricorso denuncia la violazione degli articoli 112, 132 e 161 c.p.c. per avere il Tribunale deciso oltre i limiti della domanda, formulando d’ufficio controdeduzioni ed eccezioni, laddove ha affermato che l’assemblea avrebbe legittimamente deliberato sul riparto delle spese necessarie per estinguere il debito nei confronti di coloro che avevano assoggettato a pignoramento il conto corrente condominiale, in contrasto con i principi invece affermati dalla Corte di cassazione nella sentenza n. 4806/2005 delle Sezioni Unite.
Il secondo motivo denuncia l’omessa e insufficiente motivazione con la violazione dell’articolo 132 c.p.c., comma 2, n. 4, e dell’articolo 111 Cost., comma 6, in quanto la sentenza ha rigettato l’opposizione del ricorrente omettendo ogni motivazione circa l’iter logico che sorregge tale statuizione, non avvedendosi che la delibera e’ in realta’ affetta da nullita’ radicale e non poteva essere quindi adottata dall’assemblea.
I motivi, che vanno congiuntamente esaminati per la loro connessione, sono infondati.
In primo luogo, e’ inammissibile la deduzione del vizio di cui all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, sia perche’ formulata sulla base della vecchia formulazione della norma, non piu’ applicabile ratione temporis, sia in ragione dell’applicabilita’, in presenza di una cd. doppia conforme, della prescrizione di cui all’articolo 348 ter c.p.c., u.c., che preclude la deduzione del vizio de quo.
Va del pari disattesa la censura quanto alla nullita’ della sentenza per difetto di motivazione.

 

Condominio e la delibere di spesa

In primo luogo, preme rilevare che, proprio a seguito della riformulazione dell’articolo 360 c.p.c., ed al fine di chiarire la corretta esegesi della novella, sono intervenute le Sezioni Unite della Corte che con la sentenza del 7 aprile 2014 n. 8053, hanno ribadito che la riformulazione dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, disposta dal Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, articolo 54, conv. in L. 7 agosto 2012, n. 134, deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’articolo 12 preleggi, come riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimita’ sulla motivazione. Pertanto, e’ denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in se’, purche’ il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali. Tale anomalia si esaurisce nella “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, nella “motivazione apparente”, nel “contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili” e nella “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione, ed e’ solo in tali ristretti limiti che puo’ essere denunziata la violazione di legge, sotto il profilo della violazione dell’articolo 132, comma 2, n. 4.
Nella fattispecie, atteso il tenore della sentenza impugnata, deve escludersi che ricorra un’ipotesi di anomalia motivazionale riconducibile ad una delle ipotesi che, come sopra esposto, in base alla novella consentono alla Corte di sindacare la motivazione, atteso che nella vicenda in esame il Tribunale ha adeguatamente argomentato circa la non ricorrenza di una causa di nullita’ della delibera sulla scorta della quale e’ stata approvata la spesa al cui recupero e’ stato finalizzato il decreto ingiuntivo opposto, avendo escluso che la delibera intendesse perseguire delle finalita’ estranee a quelle condominiali.

 

Condominio e la delibere di spesa

Nel resto la doglianza e’ destituita di fondamento, occorrendo a tal fine richiamare quanto di recente affermato dalle Sezioni Unite di questa Corte, nella sentenza n. 9839/2021, con la quale, rivedendo in parte le conclusioni alle quali erano pervenute nella sentenza n. 4806/2005, hanno specificato che, se e’ pur vero che nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo emesso per la riscossione di contributi condominiali, il giudice puo’ sindacare la nullita’, dedotta dalla parte o rilevata d’ufficio, della deliberazione assembleare posta a fondamento dell’ingiunzione, l’annullabilita’ di tale deliberazione, puo’ essere valutata a condizione che quest’ultima sia dedotta in via di azione – mediante apposita domanda riconvenzionale di annullamento contenuta nell’atto di citazione in opposizione ai sensi dell’articolo 1137 c.c., comma 2, nel termine perentorio ivi previsto, e non in via di eccezione.
Con specifico riferimento alla patologia delle delibere assembleari, e’ stato poi precisato che sono affette da nullita’, deducibile in ogni tempo da chiunque vi abbia interesse, le deliberazioni dell’assemblea dei condomini che mancano ab origine degli elementi costitutivi essenziali, quelle che hanno un oggetto impossibile in senso materiale o in senso giuridico dando luogo, in questo secondo caso, ad un “difetto assoluto di attribuzioni” – e quelle che hanno un contenuto illecito, ossia contrario a norme imperative, o all’ordine pubblico, o al buon costume; al di fuori di tali ipotesi, le deliberazioni assembleari adottate in violazione di norme di legge o del regolamento condominiale sono semplicemente annullabili e l’azione di annullamento deve essere esercitata nei modi e nel termine di cui all’articolo 1137 c.c.
In particolare, per quanto attiene alle delibere di spesa, si e’ chiarito che sono nulle le deliberazioni con le quali, a maggioranza, siano stabiliti o modificati i generali criteri di ripartizione delle spese previsti dalla legge o dalla convenzione, da valere per il futuro, trattandosi di materia che esula dalle attribuzioni dell’assemblea previste dall’articolo 1135 c.c., nn. 2 e 3, e che e’ sottratta al metodo maggioritario; sono, invece, meramente annullabili le deliberazioni aventi ad oggetto la ripartizione in concreto tra i condomini delle spese relative alla gestione delle parti e dei servizi comuni adottate senza modificare i criteri generali previsti dalla legge o dalla convenzione, ma in violazione degli stessi, trattandosi di deliberazioni assunte nell’esercizio delle dette attribuzioni assembleari, che non sono contrarie e norme imperative, cosicche’ la relativa impugnazione va proposta nel termine di decadenza previsto dall’articolo 1137 c.c., comma 2.
Nella specie, emerge che, a seguito di una sentenza, il condominio era stato ritenuto responsabile dei danni provocati a determinati soggetti che, al fine di conseguire quanto loro riconosciuto in sentenza, avevano provveduto a pignorare le somme depositate sul conto corrente condominiale.
La delibera del 14 aprile 2016, sulla quale si fonda il decreto ingiuntivo opposto, e’ intervenuta a ripartire, peraltro secondo la quota millesimale di spettanza di ogni singolo condominio (e quindi conformemente al criterio dettato dalla legge) il debito del condominio, onde consentire la liberazione del conto corrente dal vincolo del pignoramento, essendo quindi stata richiesta in via monitoria al De Marco la quota dallo stesso dovuta in base ai millesimi di proprieta’.
Alla luce di tale prospettazione dei fatti, quale emergente dalla stessa esposizione del ricorrente, risulta evidente come non ricorra una causa di nullita’ della delibera assemblare che si e’ limitata a ripartire un debito gravante sul condominio, senza peraltro alcuna volonta’ di immutare in maniera permanente i criteri di riparto dettati dalla legge.
Inoltre, anche laddove volesse ravvisarsi una annullabilita’ della delibera stessa, non avendo il ricorrente fatto valere la sua invalidita’ in via riconvenzionale, e’ preclusa la possibilita’ per il giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo ogni valutazione in merito alla stessa.
Ne’ infine appaiono configurabili le violazioni di carattere processuale di cui alla rubrica del primo motivo, posto che avendo lo stesso ricorrente invocato la nullita’ della delibera di riparto delle spese, posta a sostegno del decreto opposto, la sentenza impugnata era chiaramente sollecitata a verificare se i vizi dedotti potessero dar vita ad una nullita’ della delibera (questa si’ suscettibile di rilievo anche da parte del giudice dell’opposizione), non potendosi configurare la violazione dell’articolo 112 c.p.c. sol perche’ le tesi difensive del ricorrente non abbiano trovato accoglimento ad opera del Tribunale.
Il terzo motivo di ricorso denuncia la violazione o falsa applicazione degli articoli 91 e 113 c.p.c. nonche’ del Decreto Ministeriale n. 127 del 2004.
Si lamenta che il Tribunale ha liquidato le spese di lite in Euro 2.300,00 oltre IVA e CPA in maniera eccessiva, senza tenere conto dell’attivita’ difensiva svolta dalla difesa del condominio e senza valutare l’entita’ della somma richiesta in via monitoria.
Il motivo e’ inammissibile per assoluta genericita’.

 

Condominio e la delibere di spesa

Questa Corte ha affermato, ancorche’ in relazione al previgente sistema tariffario che (Cass. n. 30716/2017) la parte, la quale intenda impugnare per cassazione la liquidazione delle spese, dei diritti di procuratore e degli onorari di avvocato, per pretesa violazione dei minimi tariffari, ha l’onere di specificare analiticamente le voci e gli importi considerati in ordine ai quali il giudice di merito sarebbe incorso in errore, con la conseguenza che deve ritenersi inammissibile il ricorso che contenga il semplice riferimento a prestazioni che sarebbero state liquidate in eccesso rispetto alla tariffa massima.
Orbene, tenuto conto del fatto che (Cass. n. 4782/2020) in tema di spese processuali, salvo il rispetto dei parametri minimi e massimi, la determinazione in concreto del compenso per le prestazioni professionali di avvocato e’ rimessa esclusivamente al prudente apprezzamento del giudice di merito, la doglianza in esame si sostanzia nella generica affermazione circa l’eccessiva liquidazione delle spese di lite, senza peraltro puntualmente dettagliare, avuto riguardo al valore della controversia ed alla individuazione delle fasi per le quali e’ maturato il compenso, se la liquidazione stessa abbia o meno ecceduto i massimi tariffari di cui al Decreto Ministeriale n. 55 del 2014.
Il ricorso deve pertanto essere rigettato.
Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo, con attribuzione all’avv. (OMISSIS) dichiaratosene anticipatario.
Poiche’ il ricorso e’ stato proposto successivamente al 30 gennaio 2013 ed e’ rigettato, sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilita’ 2013), che ha aggiunto al T.U., di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, il comma 1-quater – della sussistenza dei presupposti processuali dell’obbligo di versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso delle spese in favore del controricorrente che liquida in complessivi Euro 2.200,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali pari al 15 % sui compensi, ed accessori come per legge, con attribuzione all’avv. (OMISSIS) dichiaratosene anticipatario;
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti processuali per il versamento di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato per il ricorso principale a norma dello stesso articolo 13, articolo 1 bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui