Compromissione e deterioramento di cui al delitto di inquinamento ambientale

7

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 8 febbraio 2019, n. 6264.

La massima estrapolata:

La compromissione e il deterioramento, di cui al delitto di inquinamento ambientale previsto dall’art. 452 bis cod. pen., consistono in un’alterazione, significativa e misurabile, dell’originaria consistenza della matrice ambientale o dell’ecosistema, caratterizzata, nel caso della “compromissione”, da una condizione di squilibrio funzionale, incidente sui processi naturali correlati alla specificità della matrice o dell’ecosistema medesimi e, nel caso del “deterioramento”, da una condizione di squilibrio strutturale, connesso al decadimento dello stato o della qualità degli stessi. Per comprendere la portata di tali termini, non assume decisivo rilievo la rubrica dell’articolo («inquinamento ambientale»), né è di ausilio la definizione di inquinamento contenuta nell’art. 5, comma 1, lettera i-ter), del d.lgs. n. 152 del 2006, perché tale definizione ha portata limitata a quell’ambito; tanto più che, quando lo ha ritenuto necessario a fini definitori, la legge n. 68 del 2015 ha espressamente richiamato il d.lgs. del 2006 o altre disposizioni (Cass. Sez. 3, n. 15865 del 31/01/2017; Sez. 3, n. 46170 del 21/09/2016). Fattispecie: compromissione e deterioramento significativi e misurabili di rilevanti porzioni del suolo e del sottosuolo, derivanti da un’attività di coltivazione di una cava che aveva cagionato una frana di dimensioni pari a 2,5 ha di superficie (157 m di lunghezza e 230 m di larghezza), travolgendo gli edifici di alcune attività commerciali e compromettendo la sicurezza di altri immobili.

Sentenza 8 febbraio 2019, n. 6264

Data udienza 11 ottobre 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSI Elisabetta – Presidente

Dott. CERRONI Claudio – Consigliere

Dott. ANDREAZZA Gastone – Consigliere

Dott. SEMERARO Luca – Consigliere

Dott. ANDRONIO Alessandr – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
avverso l’ordinanza del Tribunale di Palermo del 26 aprile 2018;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Alessandro M. Andronio;
udito il pubblico ministero, in persona del sostituto procuratore generale Romano Giulio, che ha concluso per l’inammissibilita’ del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. – Con ordinanza del 26 aprile 2018, il Tribunale di Palermo ha rigettato la richiesta di riesame presentata dall’indagato avverso il decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip del Tribunale di Termini Imerese il 3 aprile 2018, avente ad oggetto denaro o beni nella disponibilita’ dello stesso indagato fino alla concorrenza di un milione di Euro, in relazione al reato di cui all’articolo 452 bis cod. pen., a lui contestato, in concorso con altro soggetto, quale amministratore unico di una societa’, per avere cagionato abusivamente una compromissione e un deterioramento significativi e misurabili di rilevanti porzioni del suolo e del sottosuolo, svolgendo un’attivita’ di coltivazione di una cava che aveva cagionato una frana di dimensioni pari a 2,5 ha di superficie (157 m di lunghezza e 230 m di larghezza), travolgendo gli edifici di alcune attivita’ commerciali e compromettendo la sicurezza di altri immobili.
2. – Avverso l’ordinanza l’indagato ha proposto, tramite il difensore, ricorso per cassazione, deducendo, con unico motivo di doglianza, l’erronea applicazione agli articoli 452 bis e 452 undecies cod. pen. nonche’ del Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 5, comma 1, lettera i-ter). La dedotta violazione di legge consisterebbe nell’avere ritenuto rientrante nella disposizione incriminatrice una condotta che s’era sostanziata esclusivamente nell’innesco di una frana, ma non in inquinamento ambientale, essendo quest’ultimo definito come l’introduzione di sostanze, vibrazioni, calore o rumore o, piu’ in generale, di agenti fisici o chimici, nell’aria, nell’acqua o nel suolo, che potrebbero nuocere alla salute umana o alla qualita’ dell’ambiente, causare il deterioramento dei beni materiali, oppure danni o perturbazioni a valori ricreativi dell’ambiente o ad altri suoi legittimi usi. E sarebbe pacifico, nel caso di specie, che la frana non aveva introdotto nell’ambiente nessun agente inquinante.

CONSIDERATO IN DIRITTO

3. – Il ricorso non e’ fondato.
La prospettazione difensiva si basa sull’assunto che il delitto di cui all’articolo 452 bis cod pen. sia un reato a condotta vincolata, essendo configurabile solo nel caso della introduzione o immissione in un dato ambiente di agenti nocivi ad esso estranei, e richiama, a tal fine, la rubrica della disposizione, la quale fa riferimento all'”inquinamento ambientale”. Tale assunto si pone, pero’, in contrasto con la giurisprudenza di questa Corte – richiamata dallo stesso ricorrente e fatta propria dal Tribunale del riesame – la quale muove dall’affermazione che la compromissione e il deterioramento, di cui al delitto di inquinamento ambientale previsto dall’articolo 452 bis cod. pen., consistono in un’alterazione, significativa e misurabile, dell’originaria consistenza della matrice ambientale o dell’ecosistema, caratterizzata, nel caso della “compromissione”, da una condizione di squilibrio funzionale, incidente sui processi naturali correlati alla specificita’ della matrice o dell’ecosistema medesimi e, nel caso del “deterioramento”, da una condizione di squilibrio strutturale, connesso al decadimento dello stato o della qualita’ degli stessi (Sez. 3, n. 15865 del 31/01/2017, Rv. 269489 – 01; Sez. 3, n. 46170 del 21/09/2016, Rv. 268059 – 01). E si e’ osservato che, per comprendere la portata di tali termini, non assume decisivo rilievo la rubrica dell’articolo (“inquinamento ambientale”), ne’ e’ di ausilio la definizione di inquinamento contenuta nel Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 5, comma 1, lettera i-ter), perche’ tale definizione ha portata limitata a quell’ambito; tanto piu’ che, quando lo ha ritenuto necessario a fini definitori, la L. n. 68 del 2015 ha espressamente richiamato il Decreto Legislativo del 2006 o altre disposizioni.
4. – Ne consegue il rigetto del ricorso, con condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Per aprire la pagina di facebook @avvrenatodisa
cliccare qui