Ai fini della specificità dei motivi d’appello

23

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|12 febbraio 2021| n. 3679.

Ai fini della specificità dei motivi d’appello richiesta dall’articolo 342 cod. proc. civ., l’esposizione delle ragioni di fatto e di diritto, invocate a sostegno del gravame, possono sostanziarsi anche nella prospettazione delle medesime ragioni addotte nel giudizio di primo grado, purché ciò determini una critica adeguata e specifica della decisione impugnata e consenta al giudice del gravame di percepire con certezza il contenuto delle censure, in riferimento alle statuizioni adottate dal primo giudice.

Ordinanza|12 febbraio 2021| n. 3679

Data udienza 14 dicembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Impugnazioni – Specificità dei motivi d’appello richiesta dall’articolo 342 c.p.c. – Esposizione delle ragioni di fatto e di diritto – Prospettazione delle medesime ragioni addotte nel giudizio di primo grado – Critica adeguata e specifica della decisione impugnata – Possibilità per il giudice del gravame di percepire con certezza il contenuto delle censure

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere

Dott. VARRONE Luca – Consigliere

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 3475-2017 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;
– controricorrente –
e contro
COMUNE DI VASTO;
– intimato –
avverso la sentenza n. 203/2016 del TRIBUNALE di VASTO, depositata il 29/06/2016;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 14/12/2020 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVA.

FATTI DI CAUSA

Con ricorso depositato il 02.10.2012 (OMISSIS) proponeva opposizione innanzi il Giudice di Pace di Vasto avverso un verbale di contestazione di contravvenzione al C.d.S. notificatogli in data 4.7.2012, eccependone la nullita’ per inesistenza della relativa notificazione e per mancata comunicazione del testo originale o di copia autentica dello stesso, redatto in lingua italiana, nonche’ l’erroneita’ della sanzione comminata in concreto.
Si costituiva il Comune di Vasto, chiedendo, di essere autorizzato alla chiamata in causa della (OMISSIS) S.r.l., che aveva curato, su incarico dell’ente locale, la notificazione del verbale, ed instando, nel merito, per il rigetto del ricorso.
Con sentenza n. 315/2013 il Giudice di Pace respingeva l’opposizione, compensando le spese del grado.
Interponeva appello il (OMISSIS), chiedendo l’integrale riforma della decisione impugnata. Si costituiva in secondo grado il Comune di Vasto, eccependo l’infondatezza dell’appello.
Con la sentenza oggi impugnata, n. 203/2016, il Tribunale di Vasto dichiarava l’appello inammissibile ai sensi di quanto previsto dall’articolo 342 c.p.c., condannando l’appellante alle spese del secondo grado.
Propone ricorso per la cassazione di detta decisione (OMISSIS), affidandosi ad un unico motivo di ricorso, preceduto da una premessa relativa all’ammissibilita’ dell’appello erroneamente dichiarato inammissibile dal Tribunale.
Resiste con controricorso (OMISSIS) S.r.l.
Il Comune di Vasto, intimato, non ha svolto attivita’ difensiva nel presente giudizio di legittimita’.
La parte ricorrente ha depositato memoria fuori termine.

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico articolato motivo e la relativa premessa, il ricorrente lamenta la violazione dell’articolo 342 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, perche’ il Tribunale avrebbe erroneamente ritenuto inammissibile l’impugnazione, per presunta genericita’ dei motivi di appello proposti dal (OMISSIS), senza considerare che questi aveva contestato integralmente l’iter logico-argomentativo seguito dal primo giudice ed aveva pertanto chiaramente devoluto al giudice di secondo grado l’intero tema proposto in prima istanza.
Va innanzitutto considerato che, come gia’ affermato da questa Corte, “L’ordinanza di inammissibilita’ dell’appello ex articolo 348 ter c.p.c., se emanata nell’ambito suo proprio, cioe’ per manifesta infondatezza nel merito del gravame, non e’ ricorribile per cassazione, non avendo carattere definitivo, giacche’ il medesimo articolo 348 ter, comma 3 consente di impugnare per cassazione il provvedimento di primo grado. Viceversa, tale ordinanza e’ ricorribile per cassazione ove dichiari l’inammissibilita’ dell’appello per ragioni processuali (nella specie, per genericita’ dei motivi), essa avendo, in tal caso, carattere definitivo e valore di sentenza, in quanto la declaratoria di inammissibilita’ dell’appello per questioni di rito non puo’ essere impugnata col provvedimento di primo grado e, ai sensi dell’articolo 348 bis c.p.c., deve essere pronunciata con sentenza” (Cass. Sez. 6-2, Ordinanza n. 7273 del 27/03/2014, Rv. 630754). In tal caso infatti la decisione del giudice di appello costituisce, secondo le Sezioni Unite di questa Corte, “… una sentenza di carattere processuale che, come tale, non contiene alcun giudizio prognostico negativo circa la fondatezza nel merito del gravame, differendo, cosi’, dalle ipotesi in cui tale giudizio prognostico venga espresso, anche se, eventualmente, fuori dei casi normativamente previsti” (Cass. Sez. U, Sentenza n. 1914 del 02/02/2016, Rv. 638370).
Il ricorso e’ pertanto ammissibile, dovendosi sul punto superare l’eccezione d’inammissibilita’ proposta, peraltro sotto diverso profilo, dalla parte contro ricorrente.
Cio’ posto, nel suo contenuto la censura e’ fondata.
Contrariamente a quanto affermato dal Tribunale, infatti, le doglianze proposte dal (OMISSIS) contenevano una critica sufficientemente dettagliata alle argomentazioni utilizzate dal Giudice di Pace, che consentivano di comprendere pienamente il contenuto dell’appello. La sufficiente specificita’ del gravame, peraltro, risulta confermata dallo stesso Tribunale, che da’ atto afferma che l’appellante aveva ribadito quanto affermato in prima istanza, illustrando le “ragioni che indurrebbero a sostenere la tesi della fondatezza della propria pretesa” (cfr. pag. 3 della sentenza impugnata).
In proposito occorre ribadire il principio secondo cui “Ai fini della specificita’ dei motivi d’appello richiesta dall’articolo 342 c.p.c., l’esposizione delle ragioni di fatto e di diritto, invocate a sostegno del gravame, possono sostanziarsi anche nella prospettazione delle medesime ragioni addotte nel giudizio di primo grado, purche’ cio’ determini una critica adeguata e specifica della decisione impugnata e consenta al giudice del gravame di percepire con certezza il contenuto delle censure, in riferimento alle statuizioni adottate dal primo giudice” (Cass. Sez. 1, Sentenza n. 2814 del 12/02/2016, Rv. 638551; conf. Cass. Sez. 3, Sentenza n. 25218 del 29/11/2011, Rv. 620524).
Poiche’ nel caso di specie il ricorrente aveva riproposto in appello – come lo stesso Tribunale riconosce – le stesse doglianze gia’ formulate in prime cure, implicanti, peraltro, anche la questione della regolarita’ della notificazione del verbale eseguito all’estero (cfr. pag. 7 del ricorso), il Tribunale ha evidentemente errato nel ravvisare l’inammissibilita’ dell’impugnazione.
Il ricorso va pertanto accolto, la sentenza impugnata conseguentemente cassata e la causa rinviata al Tribunale di Vasto, in persona di diverso magistrato, anche per le spese del presente giudizi di legittimita’.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese del presente giudizio di legittimita’, al Tribunale di Vasto, in persona di diverso magistrato.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui