Violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale

74

Corte di Cassazione, sezione prima penale, Sentenza 1 ottobre 2019, n. 40121.

Massima estrapolata:

Non è configurabile il reato di violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale, previsto dall’art. 75 del d.lgs. 6 settembre 2011, n. 159, nei confronti del destinatario di una tale misura, la cui esecuzione sia stata sospesa per effetto di una detenzione di lunga durata, in assenza della rivalutazione dell’attualità e della persistenza della pericolosità sociale, da parte del giudice della prevenzione, al momento della nuova sottoposizione alla misura.

Sentenza 1 ottobre 2019, n. 40121

Data udienza 21 marzo 2019

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BONI Monica – Presidente

Dott. SANTALUCIA Giuseppe – Consigliere

Dott. MAGI Raffaello – Consigliere

Dott. MINCHELLA Antonio – Consigliere

Dott. CAIRO Antonio – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
avverso la sentenza del 01/03/2018 della CORTE APPELLO di CATANZARO;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. ANTONIO CAIRO;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore DI NARDO Marilia, che ha concluso chiedendo;
Il Proc. Gen. conclude per l’annullamento senza rinvio perche’ il fatto non sussiste. udito il difensore.

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza in data 1/03/2018 la Corte di Appello di Catanzaro confermava la decisione emessa dal Tribunale di Crotone il 24/10/2017 con cui, all’esito del celebrato giudizio abbreviato, dichiarava (OMISSIS) colpevole del reato di cui al Decreto Legislativo n. 159 del 2011, articolo 75, comma 2, perche’, essendo sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, violava la prescrizione di non rincasare dopo le ore 21:00 e di non uscire prima delle ore 7:00 in quanto, all’esito di molteplici controlli, in data (OMISSIS) non era nella propria abitazione in orario notturno. La Corte Territoriale, dunque, confermava la condanna alla pena di anni due di reclusione.
2. Ricorre per cassazione (OMISSIS) a mezzo del proprio difensore di fiducia e con un unico motivo di ricorso lamenta vizio di motivazione circa il passaggio in cui la Corte di appello di Catanzaro dava per presupposta la pericolosita’ sociale del ricorrente senza effettuare un accertamento attuale e concreto della pericolosita’, presupposto necessario per l’applicazione della misura stessa.
La misura di prevenzione della sorveglianza speciale, disposta nei confronti del ricorrente in data 4/04/2013 ed in costanza di detenzione del (OMISSIS), era rimasta sospesa sino alla scarcerazione avvenuta il 21/04/2017. La sottoposizione agli obblighi inerenti la sorveglianza speciale, dunque, era avvenuta in via automatica a decorrere da tale data, senza un ulteriore previo accertamento della sussistenza e dell’attualita’ della pericolosita’ sociale in capo al sottoposto. Il ricorrente, dunque, non riteneva condivisibile l’automatismo degli effetti del provvedimento quando esso avesse trovato esecuzione a distanza di anni dalla sua emanazione, a seguito di una causa sospensiva del provvedimento stesso, soprattutto se dovuta a carcerazione come nel caso di specie. La rivalutazione della attualita’ e della persistenza della pericolosita’ sociale del sottoposto era rimessa alla discrezionalita’ del giudice solo nei casi in cui il periodo di differimento dell’esecuzione della misura stessa fosse stato breve.

OSSERVA IN DIRITTO

1. Il ricorso e’ fondato.
1.1. Dal provvedimento impugnato e dal fascicolo si apprende che la misura di prevenzione della sorveglianza speciale e’ stata disposta in data 4/04/2013 e, in costanza di detenzione del (OMISSIS), e’ rimasta sospesa sino alla data di scarcerazione del 21/04/2017. La sottoposizione agli obblighi inerenti la sorveglianza speciale, dunque, risulta avvenuta in via automatica a decorrere dalla data anzidetta, senza un preventivo e necessario accertamento della sussistenza e dell’attualita’ della pericolosita’ sociale in capo al sottoposto.
Si e’ recuperato, cioe’, l’automatismo degli effetti del provvedimento di controllo della pericolosita’ sociale, pur trovando esso esecuzione a distanza di anni (quattro in particolare) dalla sua emissione e all’esito di un periodo di sospensione dovuto all’esecuzione della pena detentiva.
Sulla questione e’ intervenuta questa Corte che ha spiegato, risolvendo un contrasto di giurisprudenza che non e’ configurabile il reato di violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale, previsto dal Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159, articolo 75, nei confronti del destinatario di una tale misura, la cui esecuzione sia stata sospesa per effetto di una detenzione di lunga durata, in assenza della rivalutazione dell’attualita’ e della persistenza della pericolosita’ sociale, da parte del giudice della prevenzione, al momento della nuova sottoposizione alla misura. La Corte ha rilevato che il Decreto Legislativo n. 159 del 2011, articolo 14, comma 2-ter, introdotto dal L. 17 ottobre 2017, n. 161, articolo 4, comma 1, recante modifiche al Codice antimafia, ha stabilito che la verifica della pericolosita’ debba avvenire ad opera del tribunale, anche d’ufficio, dopo la cessazione della detenzione per espiazione di pena che si sia protratta per almeno due anni (Sez. U, n. 51407 del 21/06/2018, M., Rv. 273952).
Gia’ in precedenza la giurisprudenza di legittimita’ aveva affermato l’incompatibilita’ del momento esecutivo della misura di prevenzione con lo stato di detenzione ed aveva chiarito che la misura stessa potesse avere inizio solo quando lo stato di detenzione fosse cessato (Sez. U, n. 6 del 25/03/1993, Tumminelli, Rv. 194062). Da cio’ discendeva la conseguenza che la misura di prevenzione poteva essere messa in esecuzione anche a distanza di tempo rispetto alla sua deliberazione, senza alcun approfondimento in ordine alla persistente pericolosita’ della persona ad essa sottoposta. Al riguardo, la Corte costituzionale (sentenza 291 del 2013) intervenendo sulla L. 27 dicembre 1956, n. 1423, articolo 12 (ora Decreto Legislativo n. 159 del 2011, articolo 15), ne ha dichiarato l’illegittimita’ nella parte in cui non prevedeva che, nel caso in cui l’esecuzione di una misura di prevenzione personale fosse stata sospesa a causa della detenzione per espiazione di pena, l’organo che aveva adottato il provvedimento di applicazione fosse tenuto a valutare, anche d’ufficio, la persistenza della pericolosita’ sociale nel momento dell’esecuzione della misura.
La Corte costituzionale ha richiamato l’articolo 679 c.p.p. secondo cui, quando una misura di sicurezza diversa dalla confisca e’ stata ordinata con sentenza, o deve essere ordinata successivamente, il magistrato di sorveglianza, su richiesta del pubblico ministero o di ufficio, accerta se l’interessato e’ persona socialmente pericolosa e adotta i provvedimenti conseguenti. Si e’ cosi’ legittimato una sorta di accertamento bifasico, da operare in cognizione, verificando la sussistenza della pericolosita’ al momento della pronuncia della sentenza e, successivamente, a misura disposta, allorquando essa doveva essere messa in esecuzione. Con cio’ valorizzando l’affinita’ tra la misura di scurezza e quella di prevenzione e armonizzandone gli statuti di disciplina.
La stessa Corte di Strasburgo ha ribadito che i requisiti che giustificano l’iniziale applicazione della misura debbano permanere anche durante la sua esecuzione (sentenza del 06/04/2000, Labita c. Italia (§ 195), Grande Camera della Corte EDU che ha accertato la violazione dell’articolo 2, Prot. 4, CEDU).
2. In difetto di accertamento siffatto, non sussiste il reato di cui al Decreto Legislativo n. 159 del 2011, articolo 75, comma 2. In altri termini si ritiene che non abbia efficacia il provvedimento genetico della misura di prevenzione, con la conseguenza che non puo’ configurarsi il fatto penalmente rilevante della sua violazione.
Nel caso di specie, allora, la mancata rinnovazione della verifica della pericolosita’ sociale del (OMISSIS), dopo la scarcerazione, che ha fatto seguito ad una detenzione di quattro anni, escludeva che si potesse configurare il fatto penalmente rilevante ascritto, non essendo stata accertata la pericolosita’ sociale, omissione da reputare alla stregua del difetto di un presupposto strutturale della fattispecie penale e una condizione di applicabilita’ della misura di prevenzione che si assumerebbe violata.
Si tratta di una interpretazione che ha trovato sostegno normativo anche nel Decreto Legislativo n. 159 del 2011, nuovo articolo 14, comma 2-ter, introdotto dalla L. n. 161 del 2017. La disposizione prevede che, dopo la cessazione dello stato di detenzione per espiazione di pena, la verifica della pericolosita’ avviene ad opera del tribunale, anche d’ufficio, dopo la cessazione della detenzione che si e’ protratta per almeno due anni, attraverso un procedimento, nel corso del quale sono assunte le necessarie informazioni. Si valorizza in tal modo l’esigenza di un accertamento dell’attualita’ della pericolosita’ sociale, necessario presupposto sul piano costituzionale e convenzionale, dell’applicazione di una misura di prevenzione. A tale prospettiva interpretativa, fornisce continuita’ la recente pronuncia delle Sezioni Unite secondo cui, l’accertamento della “attualita'” della pericolosita’ e’ necessario, al pari, per coloro che sono indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso (Sez. U, n. 111 30/11/2017, dep. 2018, Gattuso).
3. Alla luce di quanto premesso la sentenza impugnata va annullata senza rinvio perche’ il fatto non sussiste.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perche’ il fatto non sussiste.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui