Tutti i crediti vantati nei confronti dell’imprenditore insolvente

23

Corte di Cassazione, sezione prima civile, Sentenza 22 maggio 2020, n. 9461.

La massima estrapolata:

Nelle procedure concorsuali opera il principio secondo il quale tutti i crediti vantati nei confronti dell’imprenditore insolvente devono essere accertati secondo le norme che ne disciplinano il concorso, sicché la domanda formulata da chi si afferma creditore in sede di cognizione ordinaria, se proposta prima dell’inizio della liquidazione coatta amministrativa, diviene improcedibile e tale improcedibilità sussiste anche se la procedura concorsuale sia stata aperta, dopo una pronuncia di condanna nei confronti dell’impresa insolvente, nel corso del giudizio in Cassazione. (Nella specie la S.C. ha dichiarato improcedibile la domanda di risarcimento del danno proposta dal cliente di un istituto di credito sottoposto a liquidazione coatta amministrativa soltanto nel corso del giudizio di legittimità, dopo che la banca ancora “in bonis” era rimasta soccombente all’esito di un giudizio di condanna in appello).

Sentenza 22 maggio 2020, n. 9461

Data udienza 7 gennaio 2020

Tag – parola chiave: Fallimento ed altre procedure concorsuali – Liquidazione coatta amministrativa – Liquidazione – Effetti – Per i creditori procedimento civile – Domanda di condanna al pagamento di somme – Sentenza di appello – Successiva dichiarazione di sottoposizione alla procedura di liquidazione coatta amministrativa del debitore – Improcedibilità del giudizio – Rilevabilità d’ufficio anche nel giudizio di cassazione – Sussiste – Fattispecie.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente

Dott. SCOTTI Umberto L. C. G. – rel. Consigliere

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso 18947/2016 proposto da:
(OMISSIS), domiciliata in Roma, piazza Cavour, presso la Cancelleria civile della Corte di Cassazione e rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), in forza di procura apposta su foglio separato allegata al ricorso;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS) e rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS) in forza di procura speciale apposta su foglio separato allegata al controricorso;
– controricorrente ricorrente incidentale –
contro
(OMISSIS), domiciliata in Roma, piazza Cavour, presso la Cancelleria civile della Corte di Cassazione e rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS) in forza di procura apposta su foglio separato allegata al ricorso;
– controricorrente al ricorso incidentale –
avverso la sentenza n. 929/2016 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA, depositata il 27/04/2016;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 07/01/2020 dal Consigliere Dott. UMBERTO LUIGI CESARE GIUSEPPE SCOTTI;
uditi gli Avvocati (OMISSIS) e (OMISSIS);
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha chiesto il rigetto del ricorso principale e del ricorso incidentale.

FATTI DI CAUSA

1. Con atto di citazione notificato il 3/11/2005 (OMISSIS) ha convenuto in giudizio (OMISSIS) s.c.a.r.l. dinanzi al Tribunale di Treviso, assumendo di aver con essa concluso un contratto di investimento in fondi per l’ammontare di Euro 257.345,14, in seguito alla sollecitazione della Banca ad aprire un conto fiduciario e lamentando che solo successivamente aveva appreso la tipologia altamente speculativa dell’investimento effettuato; l’attrice ha sostenuto che non le era stato consegnato ne’ il contratto quadro, ne’ alcun documento informativo, ne’ il documento sui rischi generali, e ha chiesto la dichiarazione di nullita’ o l’annullamento o la risoluzione del contratto con il risarcimento del danno.
Si e’ costituita in giudizio la convenuta (OMISSIS), chiedendo il rigetto delle domande avversarie, precisando che (OMISSIS) aveva aderito a una campagna promozionale che prevedeva anche il comodato gratuito di una autovettura per un anno e sostenendo che la documentazione predisposta e consegnata era completa e che l’attrice era stata debitamente informata.
Con sentenza del 14/3/2008 il Tribunale di Treviso ha ritenuto che il contratto inter partes andasse qualificato come collocamento di fondi comuni di investimento, che fossero stati consegnati alla cliente sia il documento rischi generali, sia i prospetti informativi, e che non vi fosse una situazione di conflitto di interessi in capo alla Banca; ha considerato inadeguata l’operazione effettuata dalla signora (OMISSIS), perche’, a fronte delle informazioni fornite dall’attrice, la percentuale azionaria investita nel fondo non avrebbe dovuto superare il 30%; ha ritenuto tuttavia maturata la prescrizione quinquennale, vertendosi in tema di responsabilita’ precontrattuale e quindi extracontrattuale; ha quindi rigettato la domanda e ha condannato l’attrice al pagamento delle spese di lite, in considerazione del rifiuto da parte sua di una offerta transattiva della Banca di versamento della somma di Euro 70.000.
2. Avverso la predetta sentenza di primo grado ha proposto appello (OMISSIS), a cui ha resistito l’appellata (OMISSIS).
La Corte di appello di Venezia con sentenza del 27/4/2016 ha accolto il gravame e ha condannato (OMISSIS) a pagare all’attrice appellante la somma di Euro 83.319,85, oltre interessi legali dal 30/11/2014 al saldo, nonche’ il 50% delle spese processuali del doppio grado e di consulenza tecnica.
Secondo la Corte veneziana, il Tribunale aveva correttamente classificato il servizio offerto dalla Banca come collocamento di prodotti finanziari; per tale servizio la documentazione predisposta era sufficiente e non era necessaria la stipulazione di un contratto quadro ex articolo 30 del Regolamento Consob 11522/1998; non sussisteva una situazione di conflitto di interessi in capo alla Banca; il collocamento era pero’ avvenuto sul presupposto che la componente azionaria dell’investimento non doveva superare il 30%, percentuale in realta’ superata (49,51%); cio’ ingenerava la responsabilita’ contrattuale della Banca soggetta a prescrizione decennale, in concreto non decorsa; il danno risarcibile doveva essere determinato sulla base della perdita del valore di investimento, detratta una quota pari al 30%; altri danni non erano provati.
3. Avverso la predetta sentenza, notificata in data 31/5/2016 alla Banca, con atto notificato il 27/7/2016 ha proposto ricorso per cassazione (OMISSIS), svolgendo quattro motivi.
3.1. Con il primo motivo di ricorso, proposto ex articolo 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, la ricorrente denuncia errori di interpretazione e applicazione dell’articolo 23 TUF, dell’articolo 1, comma 5, TUF, dell’articolo 30 Reg. Consob. 11522/1998, contraddittorieta’, errore e falsa applicazione di legge, assenza o apparente motivazione; nullita’ della sentenza.
La ricorrente contesta la tesi, accolta dalla Corte territoriale, secondo la quale per il servizio di collocamento di strumenti finanziari non era necessaria la redazione per iscritto del contratto quadro ai sensi dell’articolo 23 TUF.
Dal testo dell’articolo 23 applicabile ratione temporis, prima delle modifiche apportate dal Decreto Legislativo 17 settembre 2007, n. 164 e diverso da quello considerato dalla Corte territoriale si evinceva che la forma scritta era prevista per tutti i contratti di fornitura di servizi finanziari, nessuno escluso, e quindi anche per il servizio di cui all’articolo 1, comma 5, TUF. La legge attribuiva alla Consob la facolta’ di indicare forme alternative per alcuni contratti per precise esigenze tecniche o professionali dei contraenti, ma non poteva derogare alla normativa primaria e comunque non lo aveva fatto, poiche’ dell’articolo 30, comma 3 del Regolamento introduceva deroga solo alle disposizioni dello stesso articolo e non gia’ a quanto disposto dalla norma primaria dell’articolo 23 TUF.
3.2. Con il secondo motivo di ricorso, proposto ex articolo 360 c.p.c., n. 4, la ricorrente denuncia violazione in relazione all’interpretazione e applicazione degli articoli 329, 343 e 112 c.p.c. e articolo 29 Reg. Consob. 11522/1998, violazione del principio tantum devolutum quantum appellatum, vizio di ultrapetizione, nullita’ della sentenza, violazione e falsa applicazione dell’articolo 1223 c.c..
La sentenza impugnata, secondo la ricorrente, era nulla perche’ aveva riformato la decisione di primo grado che aveva ritenuto l’operazione effettuata dall’attrice inadeguata sia in relazione alle sue proporzioni (assorbendo l’intera liquidita’ disponibile), sia per l’eccesso di componente azionaria (pag. 4 della sentenza di primo grado), pur in assenza di gravame sul punto, visto che la Banca non aveva impugnato questo capo della sentenza.
La Corte di appello non aveva tenuto conto di questo limite, ritenendo l’operazione adeguata con l’unico inadempimento costituito dal superamento della percentuale azionaria; la violazione della normativa in tema di segnalazione del carattere inadeguato dell’operazione configurava inadempimento grave, legittimante la condanna della Banca all’integrale risarcimento del danno e la risoluzione del contratto, ove esistente; la decurtazione era stata disposta in violazione dell’articolo 1223 c.c., perche’ la ricorrente, sollecitata ad un acquisto inadeguato, non lo avrebbe concluso, se fosse stata correttamente informata.
3.3. Con il terzo motivo di ricorso, proposto ex articolo 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, la ricorrente denuncia violazione in relazione all’interpretazione e applicazione dell’articolo 23, comma 6, TUF, dell’articolo 2697 c.c., dell’articolo 21 TUF, dell’articolo 27 Regolamento Consob 11522/1998 in tema di informazioni su operazioni in conflitto di interessi, inadempimento degli obblighi di diligenza, contraddittorieta’, errore e falsa applicazione di legge, assenza o apparente motivazione; violazione dell’articolo 111 Cost. e articolo 132 c.p.c.; nullita’ della sentenza.
In ordine al denunciato conflitto di interessi, determinato dal fatto che (OMISSIS), in funzione di precisi accordi con la (OMISSIS) emittente, aveva intrapreso una campagna promozionale di collocazione dei fondi, per cui aveva interesse economico, oggetto di motivo di appello, la Corte territoriale aveva eluso l’obbligo motivazionale che le incombeva, richiamando la sentenza di primo grado con mere affermazioni di stile, prive di concreta capacita’ esplicativa. In ogni caso era evidente l’interesse della Banca poiche’ essa agiva in funzione di precisi accordi commerciali e con interesse al positivo andamento delle vendite.
3.4. Con il quarto motivo di ricorso, proposto ex articolo 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, la ricorrente denuncia violazione in ordine all’interpretazione e applicazione dell’articolo 23, comma 6 TUF, dell’articolo 2697 c.c., articoli 115 e 116 c.p.c., articolo 21 TUF, articoli 26, 28 e 36 del Reg. Consob. 11522/1998, in tema di informazione attiva e passiva; inadempimento degli obblighi di diligenza, contraddittorieta’, errore e falsa applicazione di legge, assenza o apparente motivazione; violazione dell’articolo 111 Cost. e articolo 132 c.p.c.; nullita’ della sentenza.
La ricorrente ricorda di aver addebitato alla Banca la violazione dei suoi obblighi informativi circa la componente di rischio dell’operazione, a prescindere dalla diversa censura relativa all’adeguatezza e aveva proposto appello sul punto. La Corte di appello, nell’escludere la violazione, non si era pronunciata sulla contestata inesistenza della prova della consegna del documento generale sui rischi dei prodotti finanziari, attestata da una clausola di mero stile esistente su tutti i modelli; era inoltre del tutto apparente la motivazione circa l’adeguatezza informativa dei prospetti relativi ai prodotti collocati. Era la Banca ad essere tenuta a dimostrare di aver adempiuto in modo diligente ed adeguato ai doveri informativi a suo carico in modo tale da mettere il consumatore in grado di effettuare un investimento consapevole.
3.5. Con atto notificato il 5/10/2016 ha proposto controricorso e ricorso incidentale (OMISSIS), chiedendo la dichiarazione di inammissibilita’ o il rigetto dell’avversaria impugnazione e instando, a sua volta, con il supporto di un motivo, per la cassazione della sentenza di secondo grado.
3.6. Con il motivo di ricorso incidentale, la Banca ricorrente denuncia violazione o falsa applicazione di legge in tema di contratto in relazione agli articoli 1321, 1337 c.c. e in tema di prescrizione, con violazione altresi’ dell’articolo 111 Cost. e articolo 132 c.p.c., omessa motivazione con nullita’ della sentenza e omesso esame di fatto decisivo.
Secondo la ricorrente incidentale, il superamento del limite del 30% non poteva costituire causa di nullita’ del negozio di collocamento e nemmeno poteva giustificare una responsabilita’ contrattuale, ma, semmai solo una responsabilita’ precontrattuale; non era dato capire su quali basi la Corte veneta avesse accertato l’esistenza di un accordo per cui l’investimento avrebbe avuto un limite rigido all’acquisto di azioni; il limite del 30% infatti era contenuto nella scheda finanziaria della sig.ra (OMISSIS) che lo aveva indicato negli obiettivi di investimento.
3.7. Con controricorso notificato il 4/11/2016 la ricorrente ha resistito al ricorso incidentale avversario.
3.8. Entrambe le parti hanno depositato memoria ex articolo 378 c.p.c..
In particolare, la controricorrente (OMISSIS) ha dato atto con la memoria di essere stata ammessa alla procedura di liquidazione coatta amministrativa con Decreto Ministeriale Economia e Finanze 25 giugno 2017, n. 186, evocando “tutte le conseguenze che ne derivano anche ai sensi dell’articolo 83 TUB”.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. La controricorrente (OMISSIS) ha dato atto con la memoria illustrativa ex articolo 378 c.p.c., di essere stata ammessa alla procedura di liquidazione coatta amministrativa con Decreto Ministeriale Economia 25 giugno 2017, n. 186 (e quindi nel corso del giudizio di legittimita’), senza produrre materialmente il predetto decreto, comunque puntualmente indicato negli estremi identificativi, senza subire alcuna contestazione da controparte, ne’ in memoria, ne’ alla pubblica udienza del 7/1/2020, ove la circostanza e’ stata segnalata anche nella relazione ex articolo 379 c.p.c., comma 1.
2. Il Decreto Legislativo 1 settembre 1993, n. 385, articolo 83, i primi tre commi, recante il Testo Unico Bancario, in tema di effetti del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa per la banca, per i creditori e sui rapporti giuridici preesistenti dispongono:
“1. Dalla data di insediamento degli organi liquidatori ai sensi dell’articolo 85, e comunque dal sesto giorno lavorativo successivo alla data di adozione del provvedimento che dispone la liquidazione coatta, sono sospesi il pagamento delle passivita’ di qualsiasi genere e le restituzioni di beni di terzi. La data di insediamento dei commissari liquidatori, con l’indicazione del giorno, dell’ora e del minuto, e’ rilevata dalla Banca d’Italia sulla base del processo verbale previsto all’articolo 85, comma 1.
2. Dal termine indicato nel comma 1, si producono gli effetti previsti dagli articoli 42, 44, 45 e 66, nonche’ dalle disposizioni del titolo II, capo III, sezione II e sezione IV della L. Fall., articolo 23.
3. Dal termine previsto nel comma 1, contro la banca in liquidazione non puo’ essere promossa ne’ proseguita alcuna azione, salvo quanto disposto dagli articoli 87, 88, 89 e articolo 92, comma 3, ne’, per qualsiasi titolo, puo’ essere parimenti promosso o proseguito alcun atto di esecuzione forzata o cautelare. Per le azioni civili di qualsiasi natura derivanti dalla liquidazione e’ competente esclusivamente il tribunale del luogo dove la banca ha la sede legale (OMISSIS)”.
3. La messa in liquidazione coatta amministrativa della Banca, al pari della dichiarazione di fallimento, non determina l’interruzione del processo di legittimita’.
In generale, infatti, l’intervenuta modifica della L. Fall., articolo 43, per effetto del Decreto Legislativo n. 5 del 2006, articolo 41, nella parte in cui stabilisce che “l’apertura del fallimento determina l’interruzione del processo”, non determina l’interruzione del giudizio di legittimita’, posto che in quest’ultimo, dominato dall’impulso d’ufficio, non trovano applicazione le comuni cause di interruzione del processo previste in via generale dalla legge (Sez. 1, n. 27143 del 15/11/2017, Rv. 646008-01; Sez. 1, n. 7477 del 23/03/2017, Rv. 645844-01; Sez. L, n. 21153 del 13/10/2010, Rv. 614856-01; Sez. U, n. 14385 del 21/06/2007, Rv. 598042-01); lo stesso principio vale per la liquidazione coatta amministrativa (Sez. lav., 22/03/2004, n. 5699; Sez. U, n. 6224 del 23/10/1986, Rv. 448482-01; Sez.U., 17/02/1983, n. 1196).
4. Ai sensi della L. Fall., articolo 200, dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa si applicano gli articoli 42, 44, 45, 46 e 47; ai sensi dell’articolo 201 si applicano le disposizioni del titolo II, capo III, sezione II e sezione IV e le disposizioni dell’articolo 66, intendendosi sostituiti nei poteri del tribunale e del giudice delegato l’autorita’ amministrativa che vigila sulla liquidazione, nei poteri del curatore il commissario liquidatore e in quelli del comitato dei creditori il comitato di sorveglianza.
Si applica quindi alla liquidazione coatta anche la L. Fall., articolo 52, secondo cui ogni credito, anche se munito di diritto di prelazione o trattato ai sensi dell’articolo 111, comma 1, n. 1), nonche’ ogni diritto reale o personale, mobiliare o immobiliare, deve essere accertato secondo le norme stabilite dal Capo V, salvo diverse disposizioni della legge.
Secondo la giurisprudenza consolidata di questa Corte, nella disciplina concernente la formazione dello stato passivo contenuta nella legge fallimentare per la liquidazione coatta amministrativa, opera il principio per cui tutti i crediti verso l’imprenditore insolvente, ivi compresi quelli prededucibili, vanno fatti valere e devono essere accertati secondo le norme che ne disciplinano il concorso, sicche’ il creditore non puo’ agire giudizialmente prima della definizione della fase amministrativa di formazione e verifica del passivo davanti agli organi della procedura, ma deve azionare in quella sede il suo credito, poi tutelabile davanti al giudice in via di opposizione avverso lo stato passivo. Ne consegue che la domanda formulata in sede di cognizione ordinaria, se proposta prima dell’inizio della procedura concorsuale, diventa improcedibile, e tale improcedibilita’ e’ rilevabile d’ufficio, anche nel giudizio di cassazione, discendendo da norme inderogabilmente dettate a tutela del principio della par condicio creditorum. (Sez. L, n. 17327 del 11/10/2012, Rv. 624216-01; vedi anche Sez. L, n. 15066 del 19/06/2017, Rv. 644779-01; Sez. L, n. 19271 del 20/08/2013, Rv. 628412-01; Sez. 3, n. 5662 del 09/03/2010, Rv. 611746-01; Sez. 3, n. 27679 del 21/11/2008, Rv. 605618-01).
Non diversamente, quindi, da quanto previsto per l’accertamento di un credito nei confronti del fallimento, devoluto alla competenza esclusiva del giudice delegato L. Fall., ex articoli 52 e 93, con la conseguenza che, ove la relativa azione sia proposta nel giudizio ordinario di cognizione, deve esserne dichiarata d’ufficio, in ogni stato e grado, anche nel giudizio di cassazione, l’inammissibilita’ o l’improcedibilita’, a seconda che il fallimento sia stato dichiarato prima della proposizione della domanda o nel corso del giudizio, trattandosi di una questione litis ingressus impediens, con l’unico limite preclusivo dell’intervenuto giudicato interno, laddove la questione sia stata sottoposta od esaminata dal giudice e questi abbia inteso egualmente pronunciare sulla domanda di condanna rivolta nei confronti del fallimento, e del giudicato implicito, ove l’eventuale nullita’ derivante da detto vizio procedimentale non sia stata dedotta come mezzo di gravame avverso la sentenza che abbia deciso sulla domanda, cio’ in ragione del principio di conversione delle nullita’ in motivi di impugnazione ed in armonia con il principio della ragionevole durata del processo (Sez. 3, n. 24156 del 04/10/2018, Rv. 651126-01).
5. In materia bancaria la norma speciale prevista dal sopracitato articolo 83 del Testo Unico, con l’inequivocabile disposto del comma 3, esclude che contro la banca in liquidazione coatta possa essere promossa – o, come nella fattispecie, proseguita – alcuna azione, salvo quanto disposto dagli articoli 87, 88, 89 e articolo 92, comma 3, in tema di opposizioni allo stato passivo, e, per qualsiasi titolo, possa essere promosso o proseguito alcun atto di esecuzione forzata o cautelare.
Lo stesso articolo 83, comma 2, sancisce inoltre, quale conseguenza della messa in liquidazione coatta dell’istituto bancario, gli effetti previsti dagli articoli 42, 44, 45 e 66, nonche’ dalle disposizioni del titolo II, capo III, sezione II e sezione IV della legge fallimentare (fra cui il ricordato L. Fall., articolo 52).
La L. Fall., articolo 96, comma 2, n. 3, seconda parte, non e’ richiamato dall’articolo 83 TUB e in ogni caso i commissari liquidatori non hanno proseguito il giudizio di impugnazione.
Di conseguenza, ogni credito, inclusi quelli oggetto del presente giudizio in fase di impugnazione, deve essere accertato, nel rispetto della par condicio, tramite la procedura di ammissione al passivo e l’eventuale giudizio di opposizione.
6. Pertanto questa Corte deve dichiarare improcedibile la domanda.
Le ragioni della pronuncia impongono la compensazione delle spese di lite.

P.Q.M.

La Corte:
decidendo sul ricorso, dichiara improcedibile la domanda e compensa le spese del giudizio.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui