Presidente OLDI Paolo

/Tag: Presidente OLDI Paolo

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 9 aprile 2015, n. 14576. Pur a seguito delle modifiche dal D.L. n. 92 del 2014, poi convertito con modificazioni dalla L. n. 117 del 2014, nel caso di impossibilità di mantenimento della misura di massimo rigore, il giudice deve verificare la praticabilità di diverse e più attenuate forme di restrizione nel perdurare di esigenze cautelari già ravvisate

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 9 aprile 2015, n. 14576 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 10 marzo 2015, n. 10117. I reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale rientrano nel campo di applicazione del nuovo comma 2° bis dell’articolo 275 del Cpp, come sostituito dal Dl 92/2014, il quale prevede che il giudice prima di disporre la misura cautelare deve valutare se, all’esito del giudizio, la pena detentiva irrogata possa essere superiore ai tre anni e solo in questo caso può disporre la custodia in carcere. Nel caso di specie, la Cassazione ha accolto il ricorso di un uomo cui era stata disposta la custodia in carcere perché indagato di aver distratto somme, veicoli e merci della propria società poi fallita, oltre ad aver sottratto e distrutto le relative scritture contabili

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 10 marzo 2015, n. 10117 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 3 marzo 2015, n. 9250. Ai fini dell’applicabilità dell’art. 216, comma 1, n. 2, l. fall, l’elemento oggettivo della fattispecie è integrato quando la ricostruzione del patrimonio sia resa impossibile dalle modalità di tenuta delle scritture contabili, ma anche quando l’omissione di diligenza dell’imputato abbia creato difficoltà tali da ostacolare gli accertamenti; mentre l’elemento soggettivo deve essere ricostruito in termini di dolo generico, essendo sufficiente la consapevolezza che la confusa tenuta della contabilità renderà impossibile la ricostruzione del patrimonio

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V SENTENZA 3 marzo 2015, n. 9250 Fatto e diritto   Propone ricorso per cassazione L.G. , avverso la sentenza della Corte d'appello di Milano, [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 18 marzo 2015, n. 11409. Il limite immanente all’esercizio del diritto di critica

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 18 marzo 2015, n. 11409 Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del 6.4.2011 il Tribunale di Rimini confermava la sentenza con la quale, [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 18 marzo 2015, n. 11406. Il delitto di sostituzione di persona qualsiasi condotta ingannevole tesa a far attribuire all’agente, da parte del soggetto passivo, un falso nome o un falso stato o false qualità personali cui la legge attribuisce specifici effetti giuridici, richiedendosi, sotto il profilo dell’elemento soggettivo del reato, il dolo specifico, consistente nel fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio patrimoniale o non patrimoniale o anche di recare ad altri un danno

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 18 marzo 2015, n. 11406 Fatto e diritto 1. Con sentenza pronunciata il 12.3.2013 la corte di appello di Catania confermava la sentenza [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 3 marzo 2015, n. 9266. È configurabile il concorso in bancarotta fraudolenta documentale per i sindaci che si limitano a effettuare verifiche formali sui conti della società senza approfondire la realtà dietro il semplice dato formale. Il concorso non è invece ipotizzabile per il responsabile del controllo interno della Spa che omette di effettuare un effettivo monitoraggio dell’attività della società. Costui può essere accusato di omessa vigilanza. Lo ha affermato la Cassazione chiarendo che la posizione dell’auditor non può essere assimilata a quella dei responsabili della tenuta della contabilità

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 3 marzo 2015, n. 9266 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 4 febbraio 2015, n. 5317. Si configura il reato di bancarotta per dissipazione se la vendita di merce sottocosto è sistematica, non invece se la stessa vendita sia funzionale alle esigenze dell’impresa e il venditore non abbia la consapevolezza di diminuire in tal modo il patrimonio per scopi del tutto estranei alla società. Nel caso di specie, la Cassazione ha accolto il ricorso degli amministratori di una Srl, operativa nel settore dell’abbigliamento, accusati di aver dissipato il patrimonio, sulla scorta del risultato negativo dato dalla differenza tra il valore della merce e l’ammontare dei ricavi di esercizio

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 4 febbraio 2015, n. 5317 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 13 febbraio 2015, n. 6444. Nell’archiviare con decreto un procedimento penale nonostante l’opposizione proposta dal denunciante, ai sensi del secondo comma dell’articolo 410 cod. proc. pen., il giudice è chiamato a motivare specificamente in ordine sia alla infondatezza della notizia di reato che alle cause della inammissibilità dell’opposizione suddetta per omessa indicazione dell’oggetto delle investigazioni suppletive e/o dei relativi elementi di prova; in difetto, si produce una violazione delle regole del contraddittorio. Il giudice, nel valutare l’ammissibilità dell’opposizione, deve limitarsi ai soli profili di pertinenza e di specificità degli atti di indagine richiesti, senza valutarne la capacità probatoria, non potendo anticipare valutazioni di merito in ordine alla fondatezza o all’esito delle indagini suppletive indicate, in quanto l’opposizione è preordinata esclusivamente a sostituire il provvedimento de plano con il rito camerale. Ai fini di una eventuale declaratoria di inammissibilità dell’opposizione possono rilevare le situazioni in cui la superfluità delle investigazioni e la non idoneità delle stesse a determinare modificazioni sostanziali del quadro probatorio appaiano di immediata evidenza

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 13 febbraio 2015, n. 6444 Ritenuto in fatto 1. Con il decreto indicato in epigrafe il Gip dei Tribunale di Rimini disponeva l'archiviazione, [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 8 gennaio 2015, n. 485. Il reato di cui all’articolo 612 bis c.p. prevede eventi alternativi, la realizzazione di ciascuno dei quali e’ idoneo a integrarlo, essendo quindi configurabile quando il comportamento minaccioso o molesto, posto in essere con condotte reiterate, abbia cagionato nella vittima o un grave e perdurante stato di turbamento emotivo ovvero abbia ingenerato un fondato timore per l’incolumita’ propria o di un prossimo congiunto o di persona alla medesima legata da relazione affettiva ovvero ancora abbia costretto la vittima ad alterare le proprie abitudini di vita; bastando, comunque, a integrare la reiterazione quale elemento costitutivo del reato anche due sole condotte di minaccia o di molestia. Ai fini della configurabilita’ del delitto di atti persecutori, pertanto, e’ sufficiente anche il verificarsi di uno solo degli eventi previsti nell’articolo 612 bis c.p., per cui, anche in presenza di un certificato medico volto a comprovarne la sussistenza, come nel caso in esame, non si ritiene necessario che tali eventi sfocino in una patologia conclamata, che puo’ assumere rilevanza solo nell’ipotesi di concorso formale con il delitto di lesioni ex articolo 582 c.p.

  Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 8 gennaio 2015, n. 485 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli [...]