pena accessoria

/Tag: pena accessoria

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 21 aprile 2016, n. 16638. Sussiste assoluta autonomia e diversità ontologica tra le ipotesi sanzionatorie di cui all’art.222 C.d.S. di portata generale e riferibile alla commissione di un reato colposo di danno con violazione delle norme sulla circolazione stradale e la guida in stato di ebbrezza, aggravata dal fatto di avere provocato un incidente stradale con conseguente turbativa alla sicurezza della circolazione; entrambe tali ipotesi determinano l’applicazione della revoca della patente di guida in ragione del diverso, ma ugualmente penetrante profilo di danno alla persona, e di pericolo di pregiudizio alla circolazione che rispettivamente determinano, laddove il richiamo operato alI’art.222 C.d.S. dalla disposizione normativa dell’art.186 comma II bis, lungi da significare la necessità di una interpretazione congiunta delle due disposizioni, stà al contrario ad attestare la rispettiva autonomia e il differente ambito di applicazione delle due norme

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza 21 aprile 2016, n. 16638 Ritenuto in fatto 1. II Tribunale di Verona con sentenza 22.9.2014 con motivazione contestuale aveva accolto la richiesta [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 8 ottobre 2015, n. 40360. La durata della pena accessoria deve essere sempre parametrata a quella della pena principale. Qualora non sia predeterminata per legge, la durata delle pene accessorie temporanee deve sempre essere parametrata alla durata della pena principale, trovando applicazione il disposto di cui all’art. 37 c.p.

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 8 ottobre 2015, n. 40360 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 22 giugno 2015, n. 26201. Il sistema di pene accessorie previste per chi compie reati contro l’integrità sessuale dei minori consente di applicare la sospensione dall’esercizio di una professione o di un’arte solo quando vi sia un concreto collegamento tra misura e reati commessi, imponendo al giudice di merito l’esplicita motivazione sul punto

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 22 giugno 2015, n. 26201   REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli [...]

Corte di Cassazione, S.U.P., sentenza 12 febbraio 2015, n. 6240. L’applicazione di una pena accessoria extra o contra legem da parte del giudice della cognizione può essere rilevata, anche dopo il passaggio in giudicato della sentenza, dal giudice dell’esecuzione, purché essa sia determinata per legge (o determinabile, senza alcuna discrezionalità) nella specie e nella durata, e non derivi da un errore valutativo del giudice della cognizione

Suprema Corte di Cassazione S.U.P. sentenza 12 febbraio 2015, n. 6240 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE UNITE PENALI Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 21 settembre 2012, n. 36591. In riferimento alla pene accessorie dei reati tributari devono essere stabilite nella misura ritenuta più idonea dal giudice di merito

  SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III PENALE Sentenza 21 settembre 2012, n. 36591 Svolgimento del processo 1. Il Tribunale di Brescia con sentenza del 24 settembre 2010 ha condannato [...]