Circostanze attenuanti equivalenti all’aggravante

/Tag: Circostanze attenuanti equivalenti all'aggravante

Corte di Cassazione, sezione V penale, ordinanza 16 febbraio 2017, n. 7402

Rimesso alle sezioni unite il quesito se è possibile o meno riconoscere l'effetto estensivo alla dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione indipendentemente all'epoca di perfezionamento della stessa in rapporto [...]

Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 8 luglio 2015, n. 29061. I dati di carattere informatico contenuti in un computer, in quanto rappresentativi di cose, rientrano nella nozione di “prove documentali”. L’estrazione di tali dati da un supporto informatico, tuttavia, è una operazione di natura meccanica e ripetibile infinite volte, non essendovi quindi i presupposti per configurarla quale accertamento tecnico irripetibile ai sensi dell’art. 360 c.p.p. La Legge n. 48 del 18 marzo 2008, infatti, ha previsto la possibilità di estrarre copia dei predetti dati informatici con modalità idonee a garantire la conformità dei dati acquisiti a quelli originali; occorrerà quindi esaminare in concreto, nell’ambito del procedimento di valutazione della prova, la eventuale avvenuta alterazione dei dati originali e la corrispondenza di quelli estratti rispetto ai dati autentici

Suprema Corte di Cassazione sezione II sentenza 8 luglio 2015, n. 29061 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 28 novembre 2014, n. 49735. Risponde di omicidio colposo ai danni del figlio la donna che ha consentito che il bambino viaggiasse sull’auto condotta da un soggetto in grave stato di alterazione alcolica e nella piena consapevolezza di tale condizione e che ha altresì omesso di assicurare il bambino al seggiolino e alle cinture di sicurezza durante tutto il tragitto compiuto, per aver tenuto una condotta dotata di efficacia causale rispetto all’evento e connotata, sul piano soggettivo, dalla violazione di elementari regole di prudenza e diligenza, oltre che di specifiche regole di condotta imposte dal codice della strada (art. 172, comma 10), che essa quale genitore responsabile era specificamente tenuta ad osservare

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza 28 novembre 2014, n. 49735 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUARTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]