bancarotta impropria

/Tag: bancarotta impropria

I reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale (articolo 216 e articolo 223, comma 1, L. Fall.) e quello di bancarotta impropria di cui all’articolo 223, comma 2, n. 2, L.F. hanno ambiti diversi

Corte di Cassazione, sezione prima penale, Sentenza 7 maggio 2018, n. 19789 La massima estrapolata I reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale (articolo 216 e articolo 223, comma 1, [...]

Corte di Cassazione, sezione quinta penale, sentenza 17 ottobre 2017, n. 47834. In tema di bancarotta fraudolenta patrimoniale ed ai fini dell’esclusione della natura distrattiva di un’operazione infragruppo

In tema di bancarotta fraudolenta patrimoniale, per escludere la natura distrattiva di un'operazione infragruppo, l'interessato deve fornire la dimostrazione del vantaggio compensativo per il gruppo. Sentenza 17 ottobre 2017, n. [...]

In tema di bancarotta fraudolenta impropria, nell’ipotesi di fallimento causato da operazioni dolose non determinanti un immediato depauperamento della società, la condotta di reato è configurabile quando la realizzazione di tali operazioni si accompagni, sotto il profilo dell’elemento soggettivo, alla prevedibilità del dissesto come effetto della condotta antidoverosa. Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 6 maggio 2016, n.18980.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V SENTENZA 6 maggio 2016, n.18980 Ritenuto in fatto Con sentenza emessa in data 14.10.2014 la Corte d’Appello di Milano, confermava la sentenza emessa dal [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 12 gennaio 2016, n. 890. Nell’attuale formulazione dell’art. 2621 c.c., il riferimento ai “fatti materiali” oggetto di falsa rappresentazione non esclude la rilevanza penale degli enunciati valutativi, anch’essi idonei ad assolvere una funzione informativa laddove intervengano in contesti che implichino l’accettazione di parametri di valutazione normativamente determinati o tecnicamente indiscussi. Ne consegue che integra il reato di bancarotta fraudolenta impropria “da reato societario”, la omessa svalutazione dei crediti in sofferenza, attuata nella consapevolezza della impossibilità o estrema difficoltà della loro riscossione, trattandosi di condotta dotata di capacità decettiva, che consente una mendace rappresentazione di solidità patrimoniale e finanziaria della società e la prosecuzione di ingiustificati prelievi dalle casse sociali

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V SENTENZA 12 gennaio 2016, n. 890 RITENUTO IN FATTO G.F. era chiamato a rispondere, innanzi al Tribunale di Alessandria, dei reati di seguito indicati: [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 30 luglio 2015, n. 33774. A differenza di quanto operato con la riforma del 2002 (che aveva apportato delle parziali modifiche alla condotta di falso in bilancio, con attribuzione di rilevanza penale all’esposizione di “fatti materiali non rispondenti al vero ancorché oggetto di valutazioni”), la nuova previsione dell’art. 2621 cod. civ. riformata nel 2015 ha fatto ricorso solo alla locuzione “fatti materiali non rispondenti al vero”, non replicando la precisazione contenuta nel previgente art. 2621 e nel vigente art. 2638 cod. civ., con l’intento di lasciar fuori dalla fattispecie le valutazioni estimativa che, pertanto, non sono più previste come reato

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 30 luglio 2015, n. 33774 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Carica Altri Articoli