Sono attribuite alla giurisdizione del giudice amministrativo le controversie risarcitorie per l’occupazione appropriativa

18

Corte di Cassazione, civile,
Sentenza|28 gennaio 2021| n. 1919.

Sono attribuite alla giurisdizione del giudice amministrativo le controversie risarcitorie per l’occupazione appropriativa instaurate a partire dal 10 agosto 2000 non già perché la dichiarazione di pubblica utilità sia di per sé idonea ad affievolire il diritto di proprietà, ma perché ricomprese nella giurisdizione esclusiva in materia urbanistico-edilizia, mentre la stessa giurisdizione è attribuita dall’art. 53 del DPR n. 327 del 2001, se la dichiarazione di pubblica utilità sia intervenuta a partire dal 1° luglio 2003.

Sentenza|28 gennaio 2021| n. 1919

Data udienza 3 novembre 2020

Integrale

Conflitto di giurisdizione – Controversie per danno da occupazione appropriativa ante 1998 e nel periodo 1998 – 2000 – Competenza del giudice ordinario – Controversie iniziate dopo l’anno 2000 – Competenza del giudice amministrativo – Ratio

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Primo Presidente

Dott. RAIMONDI Guido – Presidente di Sez.

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente di Sez.

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere

Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso 6481/2019 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;
– ricorrente –
contro
COMUNE DI VIAGRANDE;
– intimato –
per la risoluzione del conflitto negativo di giurisdizione tra le sentenze nn. 421/2005 del TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA SICILIA depositata il 11/03/2005 e la n. 111/2018 della CORTE D’APPELLO di CATANIA depositata il 18/01/2018.
Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 03/11/2020 dal Consigliere Dott. MARIA ACIERNO;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FRESA Mario, che ha concluso per l’accoglimento della domanda principale e la declaratoria della giurisdizione del giudice amministrativo;
udito l’Avvocato (OMISSIS), per delega dell’avvocato (OMISSIS).

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

1. La Corte d’Appello di Catania, investita dell’impugnazione della pronuncia del Tribunale omonimo che aveva declinato la propria giurisdizione in relazione alla domanda proposta da (OMISSIS), in qualita’ di erede di (OMISSIS), volta al riconoscimento della responsabilita’ del Comune di Viagrande per l’illegittima occupazione ed ablazione di fondi di sua proprieta’ ed alla condanna dell’ente al risarcimento nella misura del valore venale dei fondi stessi, confermava la statuizione del giudice di primo grado, affermando che la giurisdizione fosse di spettanza del giudice amministrativo. Nella specie, il Comune aveva provveduto tempestivamente alla dichiarazione di pubblica utilita’ ma ad essa non era seguito il decreto di esproprio ne’ erano iniziati i lavori relativi alle opere da eseguire. Cio’ aveva dato luogo alla fattispecie della cd. occupazione acquisitiva, fondata su un iniziale legittimo esercizio del potere pubblico cui tuttavia non fa seguito il regolare svolgimento del procedimento ablatorio nei termini di legge.
2. (OMISSIS), che aveva provveduto all’instaurazione del procedimento davanti al giudice ordinario, all’esito della pronuncia di difetto di giurisdizione del giudice amministrativo, emessa dal T.A.R. Catania, coperta da giudicato, ha promosso ex articolo 362 c.p.c., n. 2, conflitto reale negativo di giurisdizione.
2.1 A sostegno del ricorso ha affermato che alla luce della giurisprudenza piu’ recente la giurisdizione deve ritenersi appartenente al giudice amministrativo il quanto la fattispecie dedotta in giudizio si caratterizza per l’esercizio del potere amministrativo in forma provvedimentale nella fase iniziale del procedimento e non si sostanzia in un mero comportamento materiale. In subordine ove si seguisse un orientamento della giurisprudenza di legittimita’ meno recente, chiede che venga affermata la giurisdizione del giudice ordinario.
3. In primo luogo deve essere affrontata la questione dell’ammissibilita’ del ricorso per conflitto negativo di giurisdizione.
3.1 Ritiene il Collegio alla luce del piu’ recente orientamento di queste S.U. (Ord. n. 8246 del 2018), deve ritenersi ammissibile il ricorso per conflitto negativo di giurisdizione nell’ipotesi in cui il giudice ordinario ed il giudice amministrativo abbiano entrambi negato con sentenza la propria giurisdizione sulla medesima controversia, pur senza sollevare essi stessi d’ufficio il conflitto, essendosi in presenza non di un conflitto virtuale di giurisdizione, risolvibile con istanza di regolamento preventivo ex articolo 41 c.p.c., ma di un conflitto reale negativo di giurisdizione, denunciabile alle sezioni unite della Corte di cassazione, ai sensi dell’articolo 362 c.p.c., comma 2, n. 1, in ogni tempo e, quindi, indipendentemente dalla circostanza che una delle due pronunce in contrasto sia passata in giudicato. La richiesta subordinata di affermazione della giurisdizione del giudice ordinario, non costituisce ostacolo alla proposizione del conflitto di giurisdizione, in quanto non costituisce comportamento processuale volto a superare la questione di giurisdizione in funzione univoca di ottenere una pronuncia di merito. La indicazione, peraltro subordinata, si colloca all’interno di iniziative processuali di parte volte alla pregiudiziale individuazione del giudice munito di giurisdizione.
3.2 Deve essere affermata la giurisdizione del giudice amministrativo alla luce del costante orientamento di questa Corte cosi’ massimato: Le controversie risarcitorie per il danno da occupazione appropriativa, iniziate in periodo antecedente al 1 luglio 1998, rientrano nella giurisdizione del giudice ordinario, secondo l’antico criterio di riparto diritti soggettivi-interessi legittimi, al pari delle medesime controversie, se iniziate nel periodo dal 1 luglio 1998 al 10 agosto 2000, data di entrata in vigore della L. n. 205 del 2000, per effetto della sentenza n. 281 del 2004, della Corte costituzionale, che, ravvisando nel Decreto Legislativo n. 80 del 1998, articolo 34, anteriormente alla riscrittura operata con la L. n. 205 del 2000, articolo 7, un eccesso di delega, ha dichiarato l’incostituzionalita’ delle nuove ipotesi di giurisdizione esclusiva. Sono, invece, attribuite alla giurisdizione del giudice amministrativo, le controversie risarcitorie per l’occupazione appropriativa instaurate a partire dal 10 agosto 2000, data di entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 80 del 1998, articolo 34, come riformulato dalla L. n. 205 del 2000, articolo 7, non gia’ perche’ la dichiarazione di pubblica utilita’ sia di per se’ idonea ad affievolire il diritto di proprieta’, ma perche’ ricomprese nella giurisdizione esclusiva in materia urbanistico-edilizia, mentre la stessa giurisdizione e’ attribuita dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 327 del 2001, articolo 53, se la dichiarazione di pubblica utilita’ sia intervenuta a partire dal 1 luglio 2003, data di entrata in vigore del t. u. espropriazioni. (S.U. 3660 del 2014).
3.3. Nella specie la controversia e’ sorta nel 2005. Vi e’ stato l’originario esercizio legittimo del potere provvedimentale della P.A. che successivamente ha perso di efficacia ma la condotta appropriativa si colloca del tutto all’interno dell’esercizio della potesta’ amministrativa e, “ratione materiae; all’interno della giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo Decreto Legislativo n. 104 del 2010, ex articolo 133, comma 1, lettera g (e “ratione temporis” Decreto Legislativo n. 80 del 1998, articolo 34 e L. n. 205 del 2000, articolo 7).
Non vi e’ statuizione sulle spese processuali in mancanza di difese della parte intimata.

P.Q.M.

Dichiara la giurisdizione del giudice amministrativo.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui