Provocazione di sinistro stradale ed Alcoltest

1

Corte di Cassazione, penale, Sentenza|10 novembre 2021| n. 40550.

Provocazione di sinistro stradale ed Alcoltest.

In tema di guida in stato di ebbrezza, la violazione dell’obbligo di dare avviso della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia al conducente da sottoporre a prelievo ematico presso una struttura sanitaria, finalizzato all’accertamento del tasso alcolemico esclusivamente su richiesta dalla polizia giudiziaria, determina una nullità di ordine generale a regime intermedio che può essere tempestivamente dedotta, a norma del combinato disposto degli artt. 180 e 182, comma 2, cod. proc. pen., fino al momento della deliberazione della sentenza di primo grado ma che deve ritenersi sanata, ai sensi dell’art. 183 cod. proc. pen., qualora l’imputato formuli una richiesta di rito abbreviato.

Sentenza|10 novembre 2021| n. 40550. Provocazione di sinistro stradale ed Alcoltest

Data udienza 3 novembre 2021

Integrale

Tag – parola: Guida in stato di ebbrezza alcolica – Provocazione di sinistro stradale – Alcoltest – Avviso ex art. 114 disp.att. c.p.p. – Omissione – Nullità di ordine generale a regime intermedio – Deducibilità – Deve essere tempestiva – Si ritiene sanata qualora l’imputato formuli richiesta di rito abbreviato

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Patrizia – Presidente

Dott. FERRANTI Donatella – Consigliere

Dott. BRUNO Mariarosaria – Consigliere

Dott. DAWAN Daniela – Consigliere

Dott. PICARDI Francesca – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
avverso la sentenza del 19/02/2020 della CORTE APPELLO di TRIESTE;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Dr. FRANCESCA PICARDI;
trattato il processo con le modalita’ della trattazione scritta.

Provocazione di sinistro stradale ed Alcoltest

RITENUTO IN FATTO

1.La Corte di Appello di Trieste, in parziale modifica della sentenza di primo grado, ha assolto (OMISSIS) dal reato di cui al capo B (ex Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285, articolo 186, comma 7 e articolo 187, comma 8, rifiuto di sottoporsi agli accertamenti per la determinazione di presenza di alcool nel sangue), perche’ il fatto non sussiste ed ha rideterminato la pena in mesi 6 di arresto ed Euro 1.500,00 di ammenda per il reato di cui al capo A (ex Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285, articolo 186, comma 2, lettera c, guida in stato di ebbrezza, tasso alcolemico 2,34 g/l, aggravato dalla provocazione di un sinistro, in data (OMISSIS)).
2. Avverso tale sentenza ha proposto tempestivo ricorso per cassazione, a mezzo del difensore, l’imputato, che ha dedotto: 1) l’erronea applicazione dell’articolo 603 c.p.p., in quanto la Corte di appello ha acquisito, nel corso del giudizio, svoltosi con rito abbreviato, documentazione sanitaria (invero consistente in una dichiarazione attuale e non in certificazioni risalenti all’epoca del fatto), mancante nel fascicolo del pubblico ministero, a carico dell’imputato, necessaria per colmare le lacune probatorie della fase delle indagini, mentre nel giudizio abbreviato i poteri di integrazione probatoria d’ufficio possono essere usati solo in bonam partem, essendo incompatibili con la scelta dell’imputato di accedere al rito abbreviato; 2) la violazione di legge, non potendo ritenersi sanata la nullita’ dell’accertamento irripetibile, relativo alla presenza di alcool nel sangue, derivante dall’omesso avviso ex articolo 114 disp. att. c.p.p., che e’ una nullita’ di ordine generale a regime intermedio, tempestivamente dedotta, dalla scelta dei rito.
3. La Procura Generale presso la Corte di Cassazione ha concluso per l’inammissibilita’ del ricorso.
Il ricorrente ha insistito per il suo accoglimento.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso e’ infondato.
2. Deve essere esaminato pregiudizialmente il secondo motivo, avente ad oggetto la ritenuta sanatoria della nullita’ derivante dall’omesso avviso ex articolo 114 disp.att.c.p.p., che e’ assorbente rispetto al primo, atteso che la sanatoria esclude il rilievo della nullita’ e consente di fondare la condanna, senza alcuna limitazione, sull’accertamento posto in essere.
La censura e’ infondata, atteso che, secondo il condivisibile orientamento della prevalente giurisprudenza di legittimita’, in tema di guida in stato di ebbrezza, la violazione dell’obbligo di dare avviso della facolta’ di farsi assistere da un difensore di fiducia al conducente da sottoporre prelievo ematico presso una struttura sanitaria, finalizzato all’accertamento del tasso alcolemico esclusivamente su richiesta dalla polizia giudiziaria, determina una nullita’ di ordine generale a regime intermedio che puo’ essere tempestivamente dedotta, a norma del combinato disposto dell’articolo 180 c.p.p. e articolo 182 c.p.p., comma 2, fino al momento della deliberazione della sentenza di primo grado ma che deve ritenersi sanata, ai sensi dell’articolo 183 c.p.p., qualora l’imputato formuli una richiesta di rito abbreviato (tra le tante, cfr. Sez. 4, n. 24087 del 28/02/2018, Massardi, Rv. 272959 – 01; v. anche Sez. 4, n. 16131 del 14/3/2017, Nucciarelli, Rv. 269609). Difatti, nel giudizio abbreviato sono rilevabili e deducibili solo le nullita’ di carattere assoluto e le inutilizzabilita’ c.d. patologiche, con la conseguenza che l’irritualita’ dell’acquisizione dell’atto probatorio e’ neutralizzata dalla scelta negoziale delle parti di tipo abdicativo, che fa assurgere a dignita’ di prova gli atti di indagine compiuti senza rispetto delle forme di rito (cosi’ Sez. 2, n. 19483 del 16/4/2013, Avallone ed altri, Rv. 256038, che ha ritenuto irrilevante l’omissione dell’avviso di deposito degli atti concernenti intercettazioni telefoniche in favore di uno dei difensori dell’imputato, non essendo compresa la disposizione che lo prescrive, cioe’ l’articolo 268, comma 4, tra le norme la cui violazione comporta il divieto di utilizzazione, posto dall’articolo 271 c.p.p., comma 1; Sez. 6, n. 44844 del 1/10/2007, Arosio ed altro, Rv. 238030, in relazione all’omessa notifica dell’avviso di fissazione dell’udienza ad uno dei due difensori dell’imputato; Sez. 5, n. 46046 del 6/6/2012, Paludi ed altro, Rv. 254081 e gia’ Sez. 3 n. 29240 del 9/6/2005, Fiero, Rv. 232374, in un caso di giudizio abbreviato in cui e’ stata ritenuta corretta l’utilizzazione di un’intercettazione telefonica non trascritta ritualmente, a seguito di consulenza tecnica ex articolo 268 c.p.p., ma riprodotta su cosiddetto “brogliaccio”; Sez. 3, n. 7336 del 31/1/2014, La Neve, Rv. 258813, in relazione all’omesso espletamento dell’interrogatorio a seguito dell’avviso di cui all’articolo 415-bis c.p.p., benche’ sollecitato dall’imputato; Sez. 3, n. 19454 del 27/03/2014, Onofrio, Rv. 260377, in relazione all’omessa notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari, che determina una nullita’ a regime intermedio della richiesta di rinvio a giudizio, la quale rimane sanata dalla presentazione da parte dell’imputato della richiesta di giudizio abbreviato; Sez. 2, n. 39474 del 3/7/2014, Acquavite ed altri, Rv. 260786, nel caso dell’omesso espletamento dell’interrogatorio a seguito dell’avviso di cui all’articolo 415-bis c.p.p., benche’ sollecitato dall’imputato; Sez. 1, n. 19948 del 5/5/2010, Merafina, Rv. 247566; Sez. 2, n. 13465 del 22/3/2016, Candita, Rv. 266748 relativamente all’invalidita’ della notifica del decreto di citazione a giudizio dell’imputato, conseguente alla sua effettuazione con modalita’ diverse da quelle previste).
Ne’ tale orientamento puo’ ritenersi superato dalle recenti decisioni di Sez. 4, n. 21552 del 29/04/2021, Garbini, Rv. 281333, che non si riferisce ad un giudizio abbreviato, come confermato dalla prima censura formulata dal ricorrente, con cui si e’ denunciata la mancata remissione in termini per accedere al rito abbreviato, e Sez. 4, n. 8862, del 19/02/2020, Zanni, Rv. 278676, che non affronta affatto il problema della sanatoria della nullita’ in conseguenza della scelta del rito abbreviato e non contiene, pertanto, alcuna argomentazione idonea a ribaltare il consolidato orientamento formatosi.
Peraltro, tale orientamento giurisprudenziale e’ oggi confluito nell’articolo 438 c.p.p., comma 6-bis, ai sensi del quale la richiesta di giudizio abbreviato proposta nell’udienza preliminare determina la sanatoria delle nullita’, sempre che non siano assolute, e la non rilevabilita’ delle inutilizzabilita’, salve quelle derivanti dalla violazione di un divieto probatorio.
3. Solo per completezza, in ordine alla prima censura, avente ad oggetto l’esercizio dei poteri di integrazione probatoria di ufficio del giudice di appello nel giudizio abbreviato, va ricordata la recente Sez. 6, n. 17360 del 13/04/2021, Prevete, Rv. 280968 – 01, secondo cui, in tema di giudizio abbreviato, l’integrazione probatoria disposta dal giudice ai sensi dell’articolo 441 c.p.p., comma 5, puo’ riguardare anche la ricostruzione storica del fatto e la sua attribuibilita’ all’imputato, atteso che gli unici limiti a cui e’ soggetto l’esercizio del relativo potere sono costituiti dalla necessita’ ai fini della decisione degli elementi di prova di cui viene ordinata l’assunzione e dal divieto di esplorare itinerari probatori estranei allo stato degli atti formato dalle parti – in motivazione, la Corte ha precisato che la scelta unilaterale del rito alternativo da parte dell’imputato non puo’ fondare alcuna aspettativa circa un preteso diritto ad essere giudicati sulla sola base degli atti disponibili al momento dell’ordinanza di ammissione del rito, essendo rimesso al giudice di valutare l’eventuale incompletezza delle indagini e la conseguente impossibilita’ di decidere allo stato degli atti, disponendo la necessaria integrazione istruttoria. Tale principio va letto congiuntamente a quello secondo cui nel giudizio abbreviato d’appello il giudice puo’ esercitare il potere officioso di integrazione probatoria, perche’ la previsione dell’articolo 441 c.p.p., comma 5, che attribuisce tale potere al giudice del rito abbreviato in primo grado, e’ estensibile, con gli stessi limiti, a quello del grado successivo, e la sua valutazione discrezionale circa la necessita’ della prova non e’ censurabile in sede di legittimita’, se congruamente motivata (Sez. 2, n. 35987 del 17/06/2010, Melillo, Rv. 248181).
4.In conclusione, il ricorso deve essere rigettato ed il ricorrente condannato al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui