Ove sia tempestivamente impugnato il decreto di trasferimento immobiliare

18

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|21 ottobre 2022| n. 31255.

Ove sia tempestivamente impugnato il decreto di trasferimento immobiliare

In tema di processo esecutivo, ove sia tempestivamente impugnato ex art. 617 c.p.c. il decreto di trasferimento immobiliare (per vizi relativi al procedimento di vendita o per vizi suoi propri) e l’opposizione risulti fondata, il decreto deve essere dichiarato inefficace anche in pregiudizio dei diritti dell’aggiudicatario, nonostante sia stato trascritto, non operando il disposto dell’art. 2929 c.c., che riguarda solo gli atti esecutivi precedenti alla vendita o all’assegnazione.

Ordinanza|21 ottobre 2022| n. 31255. Ove sia tempestivamente impugnato il decreto di trasferimento immobiliare

Data udienza 6 ottobre 2022

Integrale

Tag/parola chiave: Espropriazione immobiliare – Decreto di trasferimento – Illegittimità in presenza di provvedimento di differimento per difetto di comunicazione e successiva sospensione del procedimento esecutivo ex art. 624 bis cpc

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RUBINO Lina – Presidente

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere

Dott. CONDELLO Pasqualina A. P. – Consigliere

Dott. TATANGELO Augusto – rel. Consigliere

Dott. ROSSI Raffaele – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso iscritto al numero 4935 del ruolo generale dell’anno 2020 proposto da:
(OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS)), rappresentato e difeso, giusta procura in calce al ricorso, dall’avvocato (OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS));
– ricorrente –
nei confronti di:
(OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS)) rappresentata e difesa, giusta procura in calce al controricorso, dagli avvocati (OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS)), e (OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS));
– controricorrente –
nonche’
(OMISSIS) PLC, (C.F.: (OMISSIS)), in persona del legale rappresentante pro tempore;
(OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS));
– intimati –
per la cassazione della sentenza del Tribunale di Velletri n. 1761/2019, pubblicata in data 14 ottobre 2019;
udita la relazione sulla causa svolta alla Camera di consiglio del 6 ottobre 2022 dal Consigliere Dott. Augusto Tatangelo.

Ove sia tempestivamente impugnato il decreto di trasferimento immobiliare

FATTI DI CAUSA

Nel corso di un processo esecutivo per espropriazione immobiliare promosso da (OMISSIS) PLC nei confronti di (OMISSIS) e (OMISSIS), a seguito dell’aggiudicazione di un immobile in favore di (OMISSIS) e dell’emissione del relativo decreto di trasferimento, il debitore esecutato (OMISSIS) ha proposto opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’articolo 617 c.p.c..
L’opposizione e’ stata rigettata dal Tribunale di Velletri.
Ricorre il (OMISSIS), sulla base di due motivi.
Resiste con controricorso la (OMISSIS).
Non hanno svolto attivita’ difensiva in questa sede gli altri intimati.
Il ricorso e’ stato trattato in Camera di consiglio, in applicazione degli articoli 375 e 380 bis.1 c.p.c..
Parte ricorrente ha depositato memoria ai sensi dell’articolo 380 bis.1 c.p.c..

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo del ricorso si denunzia “violazione o falsa applicazione dell’articolo 112 c.p.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3”.
Con il secondo motivo si denunzia “violazione o falsa applicazione degli articoli 177, 487, 534 ter e 591 ter c.p.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3”.
I due motivi del ricorso sono logicamente e giuridicamente connessi e possono, quindi, essere esaminati congiuntamente. Il ricorrente espone che il giudice dell’esecuzione aveva emesso – su istanza concorde delle parti – un provvedimento di differimento (di 60 giorni) di un esperimento di vendita gia’ fissato e aveva poi confermato tale differimento, a seguito di istanza del debitore, dopo che, per un difetto di comunicazione, il professionista delegato aveva tenuto ugualmente la vendita e aggiudicato l’immobile in favore della (OMISSIS); era stata inoltre, successivamente, sospesa l’esecuzione per 24 mesi, ai sensi dell’articolo 624 bis c.p.c., ancora su istanza concorde delle parti. Cio’ nonostante, successivamente, lo stesso giudice dell’esecuzione aveva revocato il provvedimento di differimento della vendita ed emesso il decreto di trasferimento dell’immobile aggiudicato in favore della (OMISSIS).
Secondo il ricorrente tale revoca non era possibile e non poteva sanare, retroattivamente, il vizio dell’aggiudicazione avvenuta in violazione dell’originario provvedimento di differimento della vendita, emesso su istanza concorde delle parti.
Il ricorso e’ fondato.
1.1 In primo luogo, l’aggiudicazione era avvenuta in pendenza dell’efficacia del provvedimento del giudice dell’esecuzione di differimento della vendita e, quindi, in violazione di tale provvedimento: essa era, pertanto, nulla e tale nullita’ non era certo suscettibile di sanatoria, ex post, in quanto il divieto dello svolgimento della vendita prima della data indicata dal giudice dell’esecuzione aveva gia’ esplicato i suoi effetti, determinando una situazione analoga a quella del provvedimento cui e’ stata data esecuzione e rendendo irreversibilmente invalida l’attivita’ esecutiva effettuata in sua pendenza.
Inoltre, l’aggiudicazione disposta erroneamente dal professionista delegato in favore della (OMISSIS), in violazione del provvedimento di differimento dell’esperimento di vendita emesso dal giudice dell’esecuzione su istanza concorde delle parti, deve in realta’ ritenersi, implicitamente ma inequivocabilmente, revocata dal giudice dell’esecuzione stesso, ai sensi dell’articolo 591 ter c.p.c., con il provvedimento che, su istanza del debitore, aveva confermato il precedente provvedimento di differimento della vendita, dopo che la stessa era intervenuta.
La conferma del differimento della vendita, dopo l’aggiudicazione, non poteva avere altro significato se non quello di fissazione di un nuovo esperimento di vendita, il che presuppone logicamente l’inefficacia di quello gia’ espletato e, quindi, l’implicita revoca della precedente aggiudicazione.
In tale situazione, non solo non era piu’ possibile per il giudice dell’esecuzione revocare il provvedimento di differimento della vendita, ex post, trattandosi di ordinanza emessa sull’accordo delle parti, ma, in ogni caso, una siffatta revoca avrebbe al piu’ potuto comportare che si potesse svolgere immediatamente un nuovo esperimento di vendita (cioe’ senza attendere il decorso dei 60 gg. del disposto differimento), non certo che potesse riacquistare effetti l’aggiudicazione avvenuta in violazione dell’originario divieto, dal momento che la stessa, oltre ad essere avvenuta in modo irreversibilmente invalido e, quindi, del tutto inefficace, era anche stata revocata (sia pure implicitamente).
Di conseguenza, non poteva certamente essere emesso il decreto di trasferimento, senza una nuova e valida aggiudicazione dell’immobile pignorato.
1.2 Diversamente da quanto pare ritenere il tribunale nella sentenza impugnata, non ha alcun rilievo, ai fini della presente controversia, la circostanza che, di fatto, fosse stato emesso il decreto di trasferimento e, tanto meno, che lo stesso fosse stato successivamente anche trascritto, essendo proprio tale decreto oggetto – tra l’altro – della presente opposizione.
E’, in primo luogo, evidente, sul piano logico, che l’accoglimento dell’opposizione agli atti esecutivi proposta avverso il decreto di trasferimento non puo’ certo ritenersi impedito dalla circostanza che lo stesso sia stato emesso e, successivamente, anche trascritto, in quanto cio’ equivarrebbe a sancire l’inammissibilita’ della stessa opposizione agli atti esecutivi avverso tale decreto, il che e’ evidentemente in contrasto con i principi che reggono il processo esecutivo e le relative opposizioni.
Ne’ le disposizioni di cui all’articolo 2929 c.c., potrebbero, nella fattispecie in esame, determinare alcuna salvezza dei diritti dell’aggiudicatario, trattandosi di una nullita’ che riguarda direttamente la vendita e, addirittura, come ripetutamente chiarito, lo stesso decreto di trasferimento.
Va quindi ribadito che, se l’opposizione agli atti esecutivi avverso il decreto di trasferimento venga proposta tempestivamente e risulti fondata (come nella specie), il suo accoglimento impone la dichiarazione di inefficacia del decreto di trasferimento stesso, benche’ esso sia stato frattanto trascritto, e cio’ anche in pregiudizio dei diritti dell’aggiudicatario, trattandosi di vizi attinenti alla fase della vendita.
1.3 In definitiva, si devono affermare e ribadire i seguenti principi di diritto:
– gli atti di esecuzione posti in essere in pendenza della sospensione del processo esecutivo o, comunque, in violazione di uno specifico provvedimento del giudice dell’esecuzione che ne vieti il compimento durante un certo periodo di tempo, sono invalidi e tale invalidita’ non puo’ venir meno, ex tunc, neanche in caso di successiva revoca del provvedimento del giudice dell’esecuzione che aveva disposto il temporaneo divieto, revoca che (sempre che non sia inammissibile per altre ragioni) puo’ avere effetti solo per il futuro, consentendo l’attivita’ vietata ex nunc, ma non puo’ in nessun caso avere effetti retroattivi, in quanto il divieto ha gia’ esplicato, per il passato, i suoi effetti, il che determina una situazione analoga a quella del provvedimento cui e’ stata data esecuzione, rendendo irreversibilmente invalida l’attivita’ esecutiva effettuata in sua pendenza;
– nel caso in cui sia tempestivamente impugnato il decreto di trasferimento immobiliare con opposizione agli atti esecutivi, per vizi relativi al procedimento di vendita ovvero per vizi suoi propri, laddove l’opposizione risulti fondata, essa va accolta e il decreto va dichiarato inefficace, anche in pregiudizio dei diritti dell’aggiudicatario, benche’ esso sia stato eventualmente trascritto in pendenza dell’opposizione.
1.4 La decisione impugnata non risulta conforme a tali principi di diritto e va, quindi, cassata.
Non sono necessari ulteriori accertamenti di fatto per concludere nel senso della nullita’ dei provvedimenti impugnati e, in particolare, del decreto di trasferimento. E’ pertanto possibile decidere la controversia nel merito, ai sensi dell’articolo 384 c.p.c., comma 2, con la dichiarazione dell’inefficacia del decreto di trasferimento (unitamente a quella degli altri atti presupposti impugnati) e la conferma, quindi, della nullita’ dell’aggiudicazione dell’immobile pignorato in favore della (OMISSIS).
3. Il ricorso e’ accolto.
La sentenza impugnata e’ cassata e, decidendo nel merito, l’opposizione e’ accolta e sono, di conseguenza, dichiarati inefficaci l’aggiudicazione dell’immobile pignorato e il decreto di trasferimento dello stesso.
Sussistono, ad avviso della Corte, gravi ed eccezionali motivi idonei a giustificare la integrale compensazione delle spese dell’intero giudizio (di merito e di legittimita’), in considerazione del peculiare e alterno andamento della vicenda processuale e della contraddittorieta’ degli stessi provvedimenti emessi dal giudice dell’esecuzione, cio’ che ha certamente ingenerato una comprensibile confusione nelle parti.

P.Q.M.

La Corte:
accoglie il ricorso e, decidendo nel merito, accoglie l’opposizione e dichiara inefficaci l’aggiudicazione dell’immobile pignorato e il relativo decreto di trasferimento;
dichiara integralmente compensate tra le parti le spese dell’intero giudizio, di merito e di legittimita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Le sentenze sono di pubblico dominio.

La diffusione dei provvedimenti giurisdizionali “costituisce fonte preziosa per lo studio e l’accrescimento della cultura giuridica e strumento indispensabile di controllo da parte dei cittadini dell’esercizio del potere giurisdizionale”.

Benchè le linee guida in materia di trattamento di dati personali nella riproduzione di provvedimenti giurisdizionali per finalità di informazione giuridica non richiedano espressamente l’anonimizzazione sistematica di tutti i provvedimenti, e solo quando espressamente le sentenze lo prevedono, si possono segnalare anomalie, richiedere oscuramenti e rimozioni, suggerire nuove funzionalità tramite l’indirizzo e-mail info@studiodisa.it, e, si provvederà immediatamente alla rimozione dei dati sensibili se per mero errore non sono stati automaticamente oscurati.

Il presente blog non è, non vuole essere, né potrà mai essere un’alternativa alle soluzioni professionali presenti sul mercato. Essendo aperta alla contribuzione di tutti,  non si può garantire l’esattezza dei dati ottenuti che l’utente è sempre tenuto a verificare.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui