Ordinanza con la quale il Tribunale rigettando il reclamo condanni il reclamante alle spese

230

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 1 marzo 2019, n. 6180.

La massima estrapolata:

In tema di procedimenti cautelari, l’ordinanza con la quale il Tribunale, rigettando il reclamo, condanni il reclamante alle spese, non è ricorribile per cassazione ai sensi dell’art. 111 Cost., dovendo il soccombente, che non intenda iniziare il giudizio di merito, opporsi al precetto intimato, o all’esecuzione iniziata, sulla base dell’ordinanza, fermo restando che, nel conseguente giudizio di opposizione, che è giudizio a cognizione piena, la condanna alle spese può essere ridiscussa senza limiti, come se l’ordinanza sul reclamo, che è provvedimento a cognizione sommaria, fosse, sul punto, titolo esecutivo stragiudiziale.

Ordinanza 1 marzo 2019, n. 6180

Data udienza 10 ottobre 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE SECONDA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 9093-2017 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente agli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS) giusta procura in calce al ricorso;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), e rappresentati e difesi giusta procura in calce al controricorso;
– controricorrenti –
e contro
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) S.P.A., (OMISSIS) S.P.A., (OMISSIS) S.P.A.;
– intimati –
avverso l’ordinanza n. 14521/2016 del TRIBUNALE di PALERMO, depositata il 10/10/2016;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 10/10/2018 dal Consigliere Dott. MAURO CRISCUOLO;
Lette le memorie depositate dal ricorrente.

MOTIVI IN FATTO ED IN DIRITTO DELLA DECISIONE

(OMISSIS) proponeva reclamo ex articolo 669 terdecies c.p.c., avverso l’ordinanza del Tribunale di Palermo in composizione monocratica con la quale era stato rigettato il ricorso cautelare in corso di causa volto ad ottenere il sequestro giudiziario dei beni mobili ed immobili relitti, cosi’ come individuati nella sentenza non definitiva emessa dallo stesso tribunale in data 6/3/2015 n. 1580.
Il Tribunale in composizione collegiale, con ordinanza del 10 ottobre 2016 ha rigettato il reclamo, ritenendo che, quanto ai beni mobili, a seguito dell’apposizione dei sigilli era stata disposta la nomina di un custode, il che garantiva che i beni fossero preservati da eventuali atti di diposizione ovvero di dispersione, mentre quanto agli immobili, ancorche’ sussistesse il fumus (non risultando ostativa a tale conclusione la circostanza che si trattava di beni oggetto di donazione, in quanto sempre suscettibili di collazione in natura), tuttavia risultava carente il requisito del periculum in mora, non avendo il reclamante dimostrato in che modo il permanere della detenzione in capo ai resistenti potesse pregiudicare la futura attuazione dell’eventuale pronuncia di accoglimento delle domande attoree.
Per effetto del rigetto del reclamo, condannava altresi’ il reclamante al rimborso delle spese di lite, come liquidate in dispositivo.
Per la cassazione di tale ordinanza ha proposto ricorso (OMISSIS) sulla base di un motivo.
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) resistono con controricorso
(OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) S.p.A., (OMISSIS) S.p.A., (OMISSIS) S.p.A. non hanno svolto difese in questa fase.
Ritiene il Collegio che il ricorso sia inammissibile.
Con il motivo di ricorso si lamenta la violazione ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, articolo 669 septies c.p.c., per avere il Collegio, unitamente al rigetto del reclamo cautelare, disposto altresi’ la condanna del reclamante al pagamento delle spese di lite. Si evidenzia che si trattava di reclamo avverso provvedimento cautelare richiesto in corso di causa, e che a seguito della modifica dell’articolo 669 septies c.p.c., come disposta dalla L. n. 69 del 2009, che ha soppresso la possibilita’ di opposizione avverso il capo del provvedimento cautelare concernente le spese, la sola possibilita’ di adottare una statuizione sul punto e’ data nel caso in cui sia stato rigettato un provvedimento cautelare ante causam.
Nel caso di cautelare in corso di causa e’ lo stesso giudice della cognizione a dover provvedere anche sulle spese dell’incidente cautelare, sicche’, nel caso in cui sia erroneamente adottata una condanna alle spese, deve reputarsi ammissibile il ricorso per cassazione ex articolo 111 Cost., trattandosi dell’unico rimedio a tutela del diritto, ingiustificatamente leso, del soggetto destinatario della relativa condanna.
Il motivo e’ infondato.
Ed, infatti, deve darsi continuita’ al costante orientamento di questa Corte che anche di recente ha ribadito che (cfr. Cass. n. 11800/2012) in tema di procedimenti cautelari, l’ordinanza con la quale il Tribunale, rigettando il reclamo, condanni il reclamante alle spese, non e’ ricorribile per cassazione ai sensi dell’articolo 111 Cost., dovendo il soccombente, che non intenda iniziare il giudizio di merito, opporsi al precetto intimato, o all’esecuzione iniziata, sulla base dell’ordinanza, fermo restando che nel conseguente giudizio di opposizione, che e’ giudizio a cognizione piena, la condanna alle spese puo’ essere ridiscussa senza limiti, come se l’ordinanza sul reclamo, che e’ provvedimento a cognizione sommaria, fosse, sul punto, titolo esecutivo stragiudiziale (conf. Cass. n. 11370/2011).
E’ pur vero che il secondo precedente richiamato attiene ad un’ipotesi di reclamo avverso provvedimento in materia cautelare richiesto ante causam, ma non si ritiene che tale elemento possa avere efficacia discriminante ai fini dell’ammissibilita’ del ricorso ex articolo 111 Cost., essendosi, infatti, ribadita l’inammissibilita’ del ricorso dinanzi a questa Corte dei provvedimenti sulle spese ove il reclamo ex articolo 669-terdecies c.p.c., sia stato proposto avverso il provvedimento reso all’esito della fase cautelare nel caso di procedimenti di nunciazione (cfr. Cass. n. 16259/2017; Cass. n. 4904/2015). In tal caso si e’ osservato che si tratta di procedimento che si articola in due fasi, la prima delle quali, di natura cautelare, si esaurisce con l’emissione di un’ordinanza che concede o nega la tutela interinale, e la seconda, di merito, destinata alla definitiva decisione sull’effettiva titolarita’ della situazione soggettiva azionata e sulla meritevolezza della tutela possessoria o petitoria, situazione questa che richiama quella che sussiste nel caso in cui la richiesta di tutela cautelare sia avanzata in corso di causa.
Ne deriva che anche nel caso qui in esame, poiche’ l’ordinanza de qua conserva i caratteri di provvisorieta’ e non decisorieta’, e’ inidonea ad acquisire, dal punto di vista formale e sostanziale, efficacia di giudicato e non e’, pertanto, ricorribile per cassazione, neppure limitatamente al profilo concernente le spese, la cui contestazione va effettuata in sede di opposizione al precetto intimato su tale titolo ovvero all’esecuzione, ove iniziata sulla base di esso.
Va poi ritenuto che resti impregiudicata, la possibilita’ per il giudice di merito, all’esito del processo a cognizione piena, di rivalutare anche le eventuali statuizioni in punto di spese adottate in merito agli incidenti cautelari, trattandosi di logica conseguenza del carattere di strumentalita’ che ha la tutela cautelare rispetto alla cognizione piena, e che legittima quindi la rivalutazione del carico delle spese di lite, tenuto conto, anche in relazione agli eventuali incidenti cautelari, dell’esito del giudizio di merito, e cio’ ancora piu’ nel caso in cui, come nell’ipotesi di procedimento di sequestro giudiziario, che anche nel caso in cui venga richiesto ante causam, impone la successiva introduzione della causa di merito, il nesso di strumentalita’ sia stato conservato dal legislatore anche a seguito della riforma dell’articolo 669 octies c.p.c., a seguito della novella di cui alla L. n. 80 del 2005.
Il ricorso pertanto deve essere dichiarato inammissibile.
Tuttavia attesa la peculiarita’ della vicenda, si ritiene che ricorrano giusti motivi per disporre con i controcorrenti le compensazione delle spese del grado.
Nulla per le spese atteso che gli intimati non hanno svolto attivita’ difensiva.
Poiche’ il ricorso e’ stato proposto successivamente al 30 gennaio 2013 ed e’ dichiarato inammissibile, sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilita’ 2013), che ha aggiunto al testo unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, il comma 1-quater – della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

P.Q.M.

Dichiara il ricorso inammissibile e compensa le spese;
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, inserito dall’articolo 1, comma 17, L. n. 228 del 2012, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente del contributo unificato dovuto per il ricorso principale a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Per aprire la mia pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui