Omessa manutenzione di una corte comune

40

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|24 giugno 2021| n. 18187.

Omessa manutenzione di una corte comune.

Il condomino, che subisca nella propria unità immobiliare un danno derivante dall’omessa manutenzione delle parti comuni dell’edificio ai sensi degli articoli 1123, 1124, 1125 e 1126 del Cc, assume, quale danneggiato, la posizione di terzo avente diritto al risarcimento nei confronti del condominio, senza tuttavia essere esonerato dall’obbligo, che trova la sua fonte nella comproprietà o nella utilità di quelle e non nella specifica condotta illecita a esso attribuibile, di contribuire a sua volta, in misura proporzionale al valore della rispettiva porzione, alle spese necessarie per la riparazione delle parti comuni dell’edificio e alla rifusione dei danni cagionati.

Ordinanza|24 giugno 2021| n. 18187. Omessa manutenzione di una corte comune

Data udienza 16 aprile 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Condominio – Omessa manutenzione di una corte comune – Danni – Condomino – Posizione di terzo – Diritto al risarcimento nei confronti del condominio

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente

Dott. ABETE Luigi – Consigliere

Dott. SCARPA Antonio – rel. Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 2359-2020 proposto da:
(OMISSIS) S.R.L., rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
CONDOMINIO DI (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 1273/2019 della CORTE D’APPELLO di CATANIA, depositata il 04/06/2019;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 16/04/2021 dal Consigliere ANTONIO SCARPA.

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

1. La (OMISSIS) s.r.l. propone ricorso per cassazione articolato in unico motivo avverso la sentenza della Corte d’appello di Catania n. 1273/2019 del 4 giugno 2019.
Resiste con controricorso il Condominio di (OMISSIS).
2. La Corte di Catania, pronunciando sull’appello avanzato dall’ (OMISSIS) s.r.l. nei confronti del Condominio di (OMISSIS), contro la sentenza 1 agosto 2016 del Tribunale di Catania, ha annullato la delib. assembleare 21 settembre 2012, impugnata ex articolo 1137 c.c. dalla societa’. Tale delibera aveva ripartito la spesa occorrente per risarcire i danni subiti dalla porzione di proprieta’ esclusiva della societa’ attrice a causa dell’omessa manutenzione di una corte comune, danni accertati con sentenza resa dal Tribunale di Catania in data 20 novembre 2009. La pronuncia impugnata, considerata pure la decisione resa da questa Corte con ordinanza n. 12177/2017 del 16 maggio 2017, ha tuttavia affermato la sussistenza dell’obbligo dell’appellante di contribuire anch’essa, quale condomina, alla spesa occorrente per risarcire il danno subito dall’unita’ immobiliare di proprieta’ della (OMISSIS) s.r.l..
3. L’unico motivo di ricorso deduce la violazione dell’articolo 2909 c.c., sostenendo che la sentenza 20 novembre 2009 del Tribunale di Catania avesse condannato al risarcimento l’intera compagine condominiale con l’esclusione, pero’, della attrice danneggiata (OMISSIS) s.r.l..
4. Su proposta del relatore, che riteneva che il ricorso potesse essere rigettato per manifesta infondatezza, con la conseguente definibilita’ nelle forme di cui all’articolo 380-bis c.p.c., in relazione all’articolo 375 c.p.c., comma 1, n. 5), il presidente ha fissato l’adunanza della camera di consiglio.
Le parti hanno presentato memorie.
5. La vicenda trae origine dal ricorso cautelare formulato dall’ (OMISSIS) s.r.l. ed accolto con ordinanza del 24 giugno 2006, e dalla successiva citazione del 17 novembre 2006, con la quale la stessa societa’, proprietaria del piano terra dell’edificio condominiale, aveva chiesto la condanna del Condominio al rimborso delle spese da essa anticipate ed al risarcimento dei danni in relazione al lastrico comune di copertura, costituente la corte interna del fabbricato. Il Tribunale di Catania con sentenza 20 novembre 2009 condanno’ il Condominio di (OMISSIS) al pagamento in favore dell’ (OMISSIS) s.r.l. delle somme anticipate da questa per l’esecuzione dei lavori necessari alle parti comuni (Euro 29.040,00 e Euro 36.274,31) nonche’ ai danni pari ad Euro 18.872,86.
La Corte d’Appello di Catania, con sentenza del 19 maggio 2015, confermo’ la condanna del condominio disposta dal primo giudice, ma ne integro’ la motivazione, specificando che “nel riparto interno, tutte dette spese vanno suddivise secondo i criteri di cui all’articolo 1126 c.c.”.
Proposto ricorso dalla (OMISSIS) s.r.l., questa Corte, con ordinanza n. 12177/2017, cassando la sentenza d’appello, affermo’ invece che fosse applicabile per il riparto l’articolo 1125 c.c., dovendosi procedere alla riparazione di un cortile dell’edificio condominiale, che funge anche da copertura per i locali sotterranei di proprieta’ esclusiva di un singolo condomino. Rispetto all’adempimento dell’obbligo risarcitorio, l’ordinanza n. 12177/2017 chiari’ che il risarcimento dei danni – nella specie causati da infiltrazioni di acqua provenienti dalla corte comune a cagione della sua mancata manutenzione – doveva soggiacere alla regola della responsabilita’ solidale ex articolo 2055 c.c., comma 1, sicche’ i singoli condomini erano solidalmente responsabili rispetto all’obbligo risarcitorio nei confronti del danneggiato.
6. Il ricorso della (OMISSIS) s.r.l. ora in esame e’ infondato in quanto non considera che l’accertamento della responsabilita’ risarcitoria della compagine condominiale per i danni cagionati dall’omessa manutenzione delle parti comuni alla porzione di proprieta’ esclusiva di uno dei condomini, risultante da sentenza definitiva di condanna del condominio, in persona dell’amministratore, non esclude affatto che lo stesso condomino danneggiato rimanga a sua volta gravato pro quota nei confronti del condominio dell’obbligo di contribuzione alla correlata spesa, che trova la sua fonte nella comproprieta’ delle parti comuni dell’edificio e non nella specifica condotta illecita ad esso attribuibile (cfr. Cass. Sez. 2, 14/02/1987, n. 1618; Cass. Sez. 3, 02/04/2001, n. 4797; Cass. Sez. 2, 18/05/2001, n. 6849; Cass. Sez. 3, 08/11/2007, n. 23308).
6.1. Pertanto, la deliberazione assembleare 21 settembre 2012 del Condominio di (OMISSIS), nella parte in cui ha accollato alla (OMISSIS) s.r.l. l’obbligo di contribuire, in proporzione alla sua quota millesimale, alla spesa di riparazione del lastrico della corte interna, dell’intradosso e delle condotte, nonche’ a quella inerente ai danni cagionati, non contrasta con la condanna risarcitoria statuita dal Tribunale di Catania con sentenza 5308/09 del 20 novembre 2009.
7. Va pertanto enunciato il seguente principio di diritto:
Il condomino, che subisca nella propria unita’ immobiliare un danno derivante dall’omessa manutenzione delle parti comuni dell’edificio ai sensi degli articoli 1123, 1124, 1125 e 1126 c.c., assume, quale danneggiato, la posizione di terzo avente diritto al risarcimento nei confronti del condominio, senza tuttavia essere esonerato dall’obbligo, che trova la sua fonte nella comproprieta’ o nella utilita’ di quelle e non nella specifica condotta illecita ad esso attribuibile, di contribuire a sua volta, in misura proporzionale al valore della rispettiva porzione, alle spese necessarie per la riparazione delle parti comuni dell’edificio e alla rifusione dei danni cagionati.
8. Il ricorso va percio’ rigettato, con condanna della ricorrente a rimborsare al controricorrente le spese del giudizio di cassazione nell’importo liquidato in dispositivo.
Sussistono i presupposti processuali per il versamento – ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, -, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per l’impugnazione, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a rimborsare al controricorrente le spese sostenute nel giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 4.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre a spese generali e ad accessori di legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui