Obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti

15

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|17 ottobre 2022| n. 30368.

Obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti

L’obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti nel caso in cui i genitori non abbiano le sostanze per provvedere è indipendente da chi sia il genitore che si trovi in sofferenza economica; tuttavia l’aiuto non può essere richiesto agli ascendenti del genitore che non contribuisca in prima persona al mantenimento dei propri figli nel caso in cui l’altro genitore sia in grado di farlo.

Ordinanza|17 ottobre 2022| n. 30368.  Obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti

Data udienza 4 ottobre 2022

Integrale

Tag/parola chiave: Famiglia – Separazione consensuale – Figlio minore – Assegno di mantenimento – Successione – Ascendenti – Obbligo di mantenimento del nipote – Art. 316 bis c.c. – Obbligazione solidaristica, sussidiaria e subordinata – Grava proporzionalmente su tutti gli ascendenti di parigrado – Cass. 251/2002

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere

Dott. CROLLA Cosmo – rel. Consigliere

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso iscritto al n. 26834/2019 R.G. proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), ( (OMISSIS)) rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS) ( (OMISSIS));
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS) ( (OMISSIS)) che lo rappresenta e difende;
– controricorrente –
avverso DECRETO di CORTE D’APPELLO ROMA n. 51777/2017 depositata il 08/02/2019;
Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 21/06/2022 dal Consigliere COSMO CROLLA.

Obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti

CONSIDERATO IN FATTO

1 (OMISSIS), in proprio e quale erede del defunto coniuge Calafato Lilino, propose ricorso in opposizione averso decreto ex articolo 148 c.c., (divenuto articolo 316 bis c.c., a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 154 del 2013, articolo 4) del 29/10/2010, con il quale il Tribunale di Velletri pose a carico di (OMISSIS) e (OMISSIS) (ascendenti paterni) il pagamento, in favore di (OMISSIS), della somma di Euro 200,00 mensili, quale quota parte della somma di Euro 350,00 posta a carico di (OMISSIS), padre del minore (OMISSIS), domiciliato presso la madre, a titolo di contributo al mantenimento di (OMISSIS). L’ordine giudiziario nei confronti degli ascendenti diretti del padre del minore si era reso necessario in quanto (OMISSIS) da tempo si era reso inadempiente nel pagamento dell’assegno per il contributo al mantenimento del figlio fissato in sede di separazione consensuale e i redditi percepiti dalla madre non erano sufficienti al mantenimento del minore.
2 Il Tribunale rigetto’ il ricorso e la Corte di Appello di Roma adita da (OMISSIS) ha respinto il reclamo osservando: a) che, essendo stato proposto oltre i termini previsti dall’articolo 148 c.c., comma 3, il ricorso andava qualificato come istanza di modifica e revoca delle condizioni economiche regolamentate da decreto sicche’, conformemente a quanto statuito dal primo giudice, non poteva estendersi il contraddittorio anche a (OMISSIS), madre di (OMISSIS), rimasta estranea procedimento conclusosi con l’emissione del decreto ex articolo 148 c.p.c., non tempestivamente opposto; b) che le condizioni economiche della (OMISSIS) erano rimaste pressocche’ immutate in quanto il lieve incremento reddituale era stato compensato dalle maggiori esigenze materiali connaturate alla crescita del minore; c) che la situazione economica della reclamante non era peggiorata avendo la stessa incrementato il gia’ cospicuo patrimonio immobiliare a seguito della morte del marito e della mancata accettazione dell’eredita’ paterna da parte del figlio (OMISSIS).

4. (OMISSIS) ricorre per Cassazione affidandosi a due motivi illustrati con memoria. (OMISSIS) ha svolto difese depositando controricorso mentre e’ rimasto intimato (OMISSIS).

Obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti

RITENUTO IN DIRITTO

1. Con il primo motivo (OMISSIS) denuncia la violazione degli articoli 316 bis e 2697 c.c., articoli 112 e 115 c.p.c., nonche’ omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio ed oggetto di discussione tra le parti, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5; si sostiene che, promosso da parte della ricorrente il giudizio di modifica e/o revoca provvedimento con il quale veniva imposto agli ascendenti l’obbligo di contribuzione per il mantenimento del nipote, la resistente avrebbe dovuto proporre domanda riconvenzionale o appello incidentale per affermare il diritto all’assegno a carico dei nonni paterni. Si duole inoltre la ricorrente della non corretta valutazione da parte della Corte delle condizioni economico-patrimoniali di (OMISSIS).
1.1 Con il secondo motivo viene dedotta la violazione dell’articolo 148 c.c., (ora articolo 316 bis c.c.) e dell’articolo 102, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3,. per aver la Corte di Appello omesso ogni statuizione sulla richiesta di integrazione del contraddittorio nei confronti della nonna materna (OMISSIS).
2. Ritiene il Collegio che la questione di diritto posta nel secondo motivo dal ricorso presenti rilevanza nomofilattica e che, in assenza di precedenti specifici, sia opportuna la decisione in pubblica udienza ex articolo 375 c.p.c., comma 2.
2.1 La norma di riferimento e’ l’articolo 316 bis c.c. (che ha sostituito senza modifiche l’articolo 148 c.c.) a tenore del quale quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, gli altri ascendenti, in ordine di prossimita’, sono tenuti a fornire ai genitori stessi i mezzi necessari affinche’ possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli.

Obbligo degli ascendenti di provvedere in via subordinata solidaristica al mantenimento dei nipoti

2.2 La giurisprudenza che si formata su tale disposizione ha affermato che l’obbligo degli ascendenti di fornire ai genitori i mezzi necessari affinche’ possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli – che investe contemporaneamente tutti gli ascendenti di pari grado di entrambi i genitori – va inteso non solo nel senso che l’obbligazione degli ascendenti e’ subordinata e, quindi, sussidiaria rispetto a quella, primaria, dei genitori, ma anche nel senso che agli ascendenti non ci si possa rivolgere per un aiuto economico per il solo fatto che uno dei due genitori non dia il proprio contributo al mantenimento dei figli, se l’altro genitore e’ in grado di mantenerli; cosi’ come il diritto agli alimenti ex articolo 433 c.c., legato alla prova dello stato di bisogno e dell’impossibilita’ di reperire attivita’ lavorativa, sorge solo qualora i genitori non siano in grado di adempiere al loro diretto e personale obbligo (Cass. 10419/2018, 19015/2011, 20509/2010 e 3402/1995).
2.3 Dunque l’obbligazione solidaristica, sussidiaria e subordinata grava proporzionalmente su tutti gli ascendenti di pari grado indipendentemente da chi sia il genitore che ha creato l’insorgenza dello stato di insufficienza dei mezzi economico (Cass. 251/2002). 2.4 Se cosi’ e’, pur non potendosi configurare sul piano processuale un rapporto di litisconsorzio necessario di tutti gli ascendenti, gli stessi ben possono essere tutti chiamati in giudizio a concorrere, ricorrendo i presupposti di legge, al mantenimento dei nipoti nel caso di impossibilita’ volontaria o non dei genitori involgendo l’obbligo di mantenimento su tutti gli ascendenti di pari grado.
2.5 Nel caso di specie e’ pacifico che nell’originario procedimento solo ai nonni paterni e’ stato imposto di fornire al genitore che provvedeva a mantenere il minore i mezzi necessari (nella forma della versamento di parte del contributo al mantenimento che avrebbe dovuto essere corrisposto dal coniuge) per l’adempimento dei doveri nei confronti del figlio.
2.6 Si tratta di provvedimento che, come riconosciuto dalla decreto della Corte di Appello, pur passato in giudicato e’ sempre soggetto ad istanza di tutti i soggetti interessati (figli coniugi e ascendenti debitori) a revisione per sopravvenuti motivi.
2.7 La Corte sulla domanda della reclamante nonna paterna di estensione dell’obbligo di versamento del contributo al mantenimento del nipote anche alla nonna materna, con conseguente istanza di chiamata in causa di quest’ultima, ha disatteso tali richieste sul presupposto della mancata partecipazione all’originario giudizio dell’ascendente materno.
2.7 La questione giuridica meritevole di essere approfondita riguarda, quindi, la possibilita’ della parte coinvolta nella vicenda familiare relativa all’assegno per il mantenimento del figlio minore (quale e’ l’ascendete tenuto a contribuire per il mantenimento del minore) di proporre domanda di revisione della decisione che gli ha imposto il versamento del contributo deducendo circostanze relative alla ripartizione del carico anche nei confronti dell’ascendente di parte materna che non ha partecipato al procedimento sfociato nel provvedimento di cui si chiede la modifica.

P.Q.M.

Rinvia la causa a nuovo ruolo, disponendone la trattazione in pubblica udienza

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Le sentenze sono di pubblico dominio.

La diffusione dei provvedimenti giurisdizionali “costituisce fonte preziosa per lo studio e l’accrescimento della cultura giuridica e strumento indispensabile di controllo da parte dei cittadini dell’esercizio del potere giurisdizionale”.

Benchè le linee guida in materia di trattamento di dati personali nella riproduzione di provvedimenti giurisdizionali per finalità di informazione giuridica non richiedano espressamente l’anonimizzazione sistematica di tutti i provvedimenti, e solo quando espressamente le sentenze lo prevedono, si possono segnalare anomalie, richiedere oscuramenti e rimozioni, suggerire nuove funzionalità tramite l’indirizzo e-mail info@studiodisa.it, e, si provvederà immediatamente alla rimozione dei dati sensibili se per mero errore non sono stati automaticamente oscurati.

Il presente blog non è, non vuole essere, né potrà mai essere un’alternativa alle soluzioni professionali presenti sul mercato. Essendo aperta alla contribuzione di tutti,  non si può garantire l’esattezza dei dati ottenuti che l’utente è sempre tenuto a verificare.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui