Nel caso in cui sia impugnata con l’appello una sentenza non appellabile

48

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|15 aprile 2021| n. 9868.

Nel caso in cui sia impugnata con l’appello una sentenza non appellabile per legge e come tale impugnabile esclusivamente con il ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’articolo 111 Cost., come nell’ipotesi dell’opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’articolo 617 cod. proc. civ. (o comunque, in virtù del cosidetto principio dell’apparenza, nell’ipotesi in cui l’azione proposta sia qualificata come tale dal giudice di primo grado, indipendentemente dalla sua effettiva natura), e l’appello sia dichiarato inammissibile ai sensi dell’articolo 348-bis, comma 1, cod. proc. civ., essendo stata ritenuta l’insussistenza di ragionevoli probabilità di un suo accoglimento nel merito, la proposizione del ricorso per cassazione ai sensi dell’articolo 348-ter, comma 3, cod. proc. civ., nel termine previsto da tale ultima disposizione, non vale a rimettere in termini il ricorrente ai fini della proposizione del ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’articolo 111 Cost. avverso la sentenza di primo grado, la quale, una volta decorsi i termini di cui agli articoli 325, 326 e 327 cod. proc. civ., deve quindi ritenersi passata definitivamente in giudicato, con conseguente inammissibilità del ricorso per cassazione contro di essa eventualmente avanzato successivamente, ai sensi dell’articolo 348-ter, comma 3, cod. proc. civ.

Ordinanza|15 aprile 2021| n. 9868

Data udienza 26 gennaio 2021

Integrale
Tag/parola chiave: Impugnazioni – Sentenza non appellabile per legge – Appello dichiarato inammissibile – Ex art. 348 – bis, comma 1, c.p.c. – Rimessione in termini del ricorrente ai fini della proposizione del ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’articolo 111 Cost. – Decorrenza dei termini di cui agli articoli 325, 326 e 327 c.p.c. – Sentenza passata in giudicato

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere

Dott. TATANGELO Augusto – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso iscritto al numero 4623 del ruolo generale dell’anno 2019, proposto da:
(OMISSIS), (C.F.: (OMISSIS)) rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS) (C.F.: (OMISSIS));
– ricorrente –
nei confronti di:
(OMISSIS), S.r.l. (C.F.: (OMISSIS)), quale rappresentante di (OMISSIS) S.r.l. (C.F.: (OMISSIS)), in persona dell’amministratore unico, legale rappresentante pro tempore, (OMISSIS) rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS) (C.F.: (OMISSIS));
– controricorrente –
per la cassazione della sentenza della Tribunale di Sassari n. 1302/2017, pubblicata in data 13 ottobre 2017;
udita la relazione sulla causa svolta nella camera di consiglio in data 26 gennaio 2021 dal consigliere Augusto Tatangelo.

FATTI DI CAUSA

(OMISSIS) ha proposto una opposizione nel corso del processo esecutivo per espropriazione immobiliare promosso da (OMISSIS) S.p.A. (nelle cui posizioni soggettive e’ subentrata (OMISSIS) S.r.l., nel corso del giudizio) nei confronti della societa’ (OMISSIS) S.a.s., qualificandola come opposizione di terzo all’esecuzione ai sensi dell’articolo 619 c.p.c..
L’opposizione e’ stata qualificata come opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’articolo 617 c.p.c. ed e’ stata dichiarata inammissibile dal Tribunale di Sassari.
La Corte di Appello di Cagliari – Sezione distaccata di Sassari ha dichiarato inammissibile l’appello del (OMISSIS), ai sensi dell’articolo 348 bis c.p.c..
Ricorre il (OMISSIS) avverso la sentenza di primo grado, sulla base di un unico motivo.
Resiste con controricorso (OMISSIS) S.r.l..
E’ stata disposta la trattazione in camera di consiglio, in applicazione degli articoli 375, 376 e 380 bis c.p.c., in quanto il relatore ha ritenuto che il ricorso fosse destinato ad essere dichiarato inammissibile.
E’ stata quindi fissata con decreto l’adunanza della Corte, e il decreto e’ stato notificato alle parti con l’indicazione della proposta.
Il ricorrente ha fatto pervenire memoria ai sensi dell’articolo 380 bis c.p.c., comma 2.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. In via del tutto pregiudiziale deve rilevarsi l’avvenuto passaggio in giudicato della sentenza di primo grado, ai sensi dell’articolo 324 c.p.c., e la conseguente inammissibilita’ del presente ricorso per cassazione.
Si premette che l’identificazione del mezzo di impugnazione esperibile contro un provvedimento giurisdizionale deve essere operata con riferimento esclusivo alla qualificazione dell’azione proposta effettuata dal giudice “a quo”, sia essa corretta o meno, e a prescindere dalla qualificazione che ne abbiano dato le parti (giurisprudenza costante; ex plurimis: Cass., Sez. U, Sentenza n. 10073 del 09/05/2011, Rv. 616877 – 01; Sez. U, Sentenza n. 4617 del 25/02/2011, Rv. 616599 01; Sez. L, Sentenza n. 13381 del 26/05/2017, Rv. 644992 01; Sez. 3, Sentenza n. 12872 del 22/06/2016, Rv. 640421 01; Sez. L, Sentenza n. 21520 del 22/10/2015, Rv. 637395 01; Sez. 6 – 2, Ordinanza n. 3338 del 02/03/2012, Rv. 621960 – 01; Sez. 3, Sentenza n. 17791 del 30/08/2011, Rv. 619365 – 01; Sez. 2, Sentenza n. 3712 del 15/02/2011, Rv. 616508 – 01; Sez. 3, Sentenza n. 9923 del 26/04/2010, Rv. 612491 – 01; Sez. 2, Sentenza n. 26919 del 21/12/2009, Rv. 610652 – 01; Sez. U, Sentenza n. 2434 del 01/02/2008, Rv. 601595 – 01; Sez. 3, Ordinanza n. 30201 del 23/12/2008, Rv. 606106 – 01; Sez. 3, Sentenza n. 26294 del 14/12/2007, Rv. 601090 – 01; Sez. 3, Sentenza n. 11012 del 14/05/2007, Rv. 597778 – 01; Sez. 3, Sentenza n. 8103 del 02/04/2007, Rv. 597623 – 01; Sez. 3, Sentenza n. 4507 del 28/02/2006, Rv. 588209 – 01).
Poiche’ l’opposizione avanzata dal (OMISSIS) e’ stata espressamente qualificata dal giudice di primo grado (il Tribunale di Sassari) come opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’articolo 617 c.p.c. (ed e’ stata dichiarata inammissibile proprio sulla base di tale qualificazione, in quanto ritenuta proposta tardivamente), l’unico mezzo di impugnazione della stessa era il ricorso straordinario per cassazione, da proporsi ai sensi dell’articolo 111 Cost. nel termine di cui all’articolo 325 c.p.c., comma 2, e articolo 326 c.p.c. ovvero articolo 327 c.p.c., comma 1.
Il (OMISSIS) riferisce invece di avere proposto appello avverso la predetta decisione, appello dichiarato inammissibile ai sensi dell’articolo 348 bis c.p.c., comma 1, dalla Corte di Appello di Cagliarti – Sezione distaccata di Sassari la quale ha ritenuto che lo stesso non avesse ragionevoli probabilita’ di accoglimento nel merito.
Solo a seguito dell’ordinanza della corte di appello ha proposto il presente ricorso per cassazione, ai sensi dell’articolo 348 ter c.p.c., comma 3, e dell’articolo 360 c.p.c., quando pero’ il termine di cui all’articolo 327 c.p.c., comma 1, era ormai definitivamente scaduto (la sentenza di primo grado, come riferisce il ricorrente, e’ stata pubblicata in data 13 ottobre 2017 e non notificata; il presente ricorso e’ stato notificato in data 25 gennaio 2019; il termine di cui all’articolo 327 c.p.c., comma 1, per impugnare la decisione di primo grado era nella specie di sei mesi, avendo il giudizio avuto inizio nel 2016 e dunque scadeva in data 13 aprile 2017), con conseguente avvenuto passaggio in giudicato della sentenza di primo grado.
Non puo’ avere alcun rilievo, in senso contrario, la circostanza che oggi venga proposto effettivamente ricorso per cassazione contro la sentenza di primo grado, ai sensi dell’articolo 348 ter c.p.c., comma 3, in quanto la proposizione di un mezzo di impugnazione radicalmente inammissibile (inammissibilita’ comunque rilevabile, anche di ufficio, nella presente sede, ai sensi dell’articolo 382 c.p.c., comma 3) non puo’ ritenersi idonea ad impedire il passaggio in giudicato della decisione impugnata e, d’altra parte, il ricorso per cassazione puo’ essere proposto avverso la sentenza di primo grado nel termine indicato dall’articolo 348 ter c.p.c., comma 3, esclusivamente nel caso in cui il gravame sia stato dichiarato inammissibile ai sensi dell’articolo 348 bis c.p.c., comma 1, per l’insussistenza di ragionevoli probabilita’ di un suo accoglimento nel merito, ma non nel caso in cui sia stato proposto un appello di per se’ radicalmente inammissibile, avverso sentenza non assoggettabile a tale mezzo di impugnazione, sebbene l’inammissibilita’ non sia stata rilevata dal giudice di secondo grado.
Il presente ricorso va dunque dichiarato inammissibile sulla base del seguente principio di diritto:
“nel caso in cui sia impugnata con l’appello una sentenza non appellabile per legge e come tale impugnabile esclusivamente con il ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’articolo 111 Cost., come nell’ipotesi dell’opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’articolo 617 c.p.c. (o comunque, in virtu’ del cd. principio dell’apparenza, nell’ipotesi in cui l’azione proposta sia qualificata come tale dal giudice di primo grado, indipendentemente dalla sua effettiva natura), e l’appello sia dichiarato inammissibile ai sensi dell’articolo 348 bis c.p.c., comma 1, essendo stata ritenuta l’insussistenza di ragionevoli probabilita’ di un suo accoglimento nel merito, la proposizione del ricorso per cassazione ai sensi dell’articolo 348 ter c.p.c., comma 3, nel termine previsto da tale ultima disposizione, non vale a rimettere in termini il ricorrente ai fini della proposizione del ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell’articolo 111 Cost. avverso la sentenza di primo grado, la quale, una volta decorsi i termini di cui agli articoli 325, 326 e 327 c.p.c., deve quindi ritenersi passata definitivamente in giudicato, con conseguente inammissibilita’ del ricorso per cassazione contro di essa eventualmente avanzato successivamente, ai sensi dell’articolo 348 ter c.p.c., comma 3”.
L’inammissibilita’ del ricorso rende superflua l’esposizione delle censure con lo stesso proposte.
2. Il ricorso e’ dichiarato inammissibile.
Le spese del giudizio di legittimita’ possono essere integralmente compensate tra tutte le parti, sussistendo motivi sufficienti a tal fine, in considerazione della novita’ della questione di natura processuale posta a base della decisione, peraltro oggetto di rilievo di ufficio di questa Corte.
Deve darsi atto della sussistenza dei presupposti processuali (rigetto, ovvero dichiarazione di inammissibilita’ o improcedibilita’ dell’impugnazione) di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17.

P.Q.M.

La Corte:
– dichiara inammissibile il ricorso;
– dichiara integralmente compensate tra le parti le spese del giudizio di legittimita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui