L’art. 702-bis, commi 1 e 4, cod. proc. civ.

20

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|7 gennaio 2021| n. 46.

Poiché l’art. 702-bis, commi 1 e 4, cod. proc. civ., non prevede alcuna specifica sanzione processuale, né in relazione al mancato rispetto del requisito di specifica indicazione dei mezzi di prova e dei documenti di cui il ricorrente ed il resistente intendano, rispettivamente avvalersi, né in relazione alla mancata allegazione di detti documenti al ricorso o alla comparsa di risposta, è ammissibile la produzione documentale eseguita, nell’ambito del procedimento sommario disciplinato dagli artt. 702-bis, e ss. cod. proc. civ., successivamente al deposito del primo atto difensivo e fino alla pronuncia dell’ordinanza di cui all’art. 702-ter cod. proc. civ.

Ordinanza|7 gennaio 2021| n. 46

Data udienza 20 novembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Procedimento civile – Presentazione di documenti nell’ambito del procedimento sommario – Ammissibilità – Dopo il deposito del primo atto difensivo e fino all’ordinanza

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE SECONDA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 4278-2019 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dagli avvocati (OMISSIS) e (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
COMUNE DI SANT’AGATA DE’ GOTI;
– intimato –
avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di BENEVENTO depositata il 21/12/2018;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 20/11/2020 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVA.

FATTI DI CAUSA

Con ricorso ex articolo 702 bis c.p.c. (OMISSIS) evocava in giudizio innanzi il Tribunale di Benevento il Comune di Sant’Agata de’ Goti, invocandone la condanna al pagamento del compenso relativo all’assistenza prestata dal ricorrente in favore dell’ente locale nell’ambito di una controversia civile. Il ricorso veniva iscritto mediante apposita “busta telematica” inviata in data 8.5.2018. Successivamente, una volta ottenuto il numero di ruolo generale del procedimento, il ricorrente depositava con quattro ulteriori invii di “buste telematiche” eseguiti in data 17.5.2018, la documentazione a supporto della propria domanda. Il Comune rimaneva contumace.
Con l’ordinanza impugnata il Tribunale di Benevento rigettava la domanda, sul presupposto che la documentazione avrebbe dovuto essere depositata contestualmente al ricorso introduttivo e che il ricorrente non avesse dimostrato di averne tentato l’inoltro nella stessa data dell’8.5.2018.
Propone ricorso per la cassazione di tale decisione (OMISSIS) affidandosi ad un solo motivo.
Il Comune di Sant’Agata de’ Goti, intimato, non ha svolto attivita’ difensiva nel presente giudizio di legittimita’.

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo il ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione dell’articolo 702 bis c.p.c., della L. n. 794 del 1942, articolo 28, del Decreto Legislativo n. 150 del 2011, articolo 14 e del Decreto Legge n. 179 del 2012, articolo 16 bis, comma 8, convertito in L. n. 221 del 2012, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, perche’ il Tribunale avrebbe erroneamente configurato precluso il deposito della documentazione sulla cui base era stata formulata la richiesta di pagamento in un momento processuale successivo a quello dell’iscrizione al ruolo generale del ricorso contenente la richiesta medesima.
La censura e’ fondata.
L’articolo 702 bis c.p.c., comma 1, stabilisce che il ricorso debba rispettare, tra l’altro, quanto previsto dall’articolo 163 c.p.c., comma 3, n. 5, ovverosia “l’indicazione specifica di mezzi di prova dei quali l’attore intende valersi e in particolare dei documenti che offre in comunicazione”. Analogamente, il comma 4 della medesima disposizione dispone che anche il convenuto debba, con la comparsa di risposta, “indicare i mezzi di cui intende avvalersi e i documenti che offre in comunicazione”.
Nel caso di specie, il ricorrente aveva indicato, nel proprio ricorso introduttivo, i mezzi di prova e i documenti sui quali la richiesta di pagamento era fondata, onde la norma processuale era stata pienamente rispettata. Essa, infatti, non introduce alcuna preclusione istruttoria e non contempla alcuna sanzione processuale, ed in particolare alcuna decadenza, in caso di omessa o incompleta allegazione dei documenti al ricorso.
Il procedimento sommario, infatti, si caratterizza per la peculiare esigenza di celerita’, tanto che l’articolo 702-ter c.p.c., comma 5, prevede che il giudice ha facolta’ di “procedere nel modo piu’ opportuno agli atti di istruzione rilevanti in relazione all’oggetto del provvedimento richiesto”, e quindi di assumere le prove in forma libera, senza, quindi rispettare necessariamente la scansione temporale rigida prevista nel processo civile ordinario
Questa Corte ha affermato che “… le forme, proprie del procedimento sommario, ed in particolare dell’articolo 702 bis c.p.c., i commi 1 e 4 … non valgono a segnare alcuna preclusione istruttoria, e quindi non comportano, in caso di omissione, alcuna decadenza. Al pari che nel rito ordinario, ove non e’ prevista nessuna immediata decadenza per la mancata indicazione dei mezzi di prova negli atti introduttivi del giudizio, stante le ulteriori facolta’ di deduzioni istruttorie consentite nella fase della trattazione (Cass. 15 luglio 2011, n. 15691; Cass. 10 gennaio 2012, n. 81), nemmeno l’articolo 702 bis c.p.c. sancisce, infatti, alcuna preclusione istruttoria, dovendosi al piu’ argomentare sul piano logico che una compiuta articolazione probatoria, operata gia’ in sede di ricorso e di comparsa di risposta, occorra perche’ il giudice possa consapevolmente adoperare in udienza l’eventuale potere di conversione del rito e di fissazione dell’udienza ex articolo 183 c.p.c.. Questa scansione, collegata alla ponderazione dell’eventuale non sommarieta’ dell’istruzione, ai fini dell’articolo 702 ter c.p.c., comma 3, porta ad individuare (in maniera da non accedere alla tesi estrema, secondo cui attore e convenuto sono liberi di svolgere nuove attivita’, istanze e produzioni per l’intero corso del procedimento e sino a che la causa non passi in decisione) proprio nella pronuncia della relativa ordinanza la barriera processuale che impedisce alle parti la formulazione di nuove richieste istruttorie. Ancor meno agevolmente appare allora ravvisabile un momento preclusivo per le deduzioni probatorie con riguardo alle controversie trattate con il rito sommario elencate nel Capo III del Decreto Legislativo n. 150 del 2011, in quanto ad esse neppure si applica dell’articolo 702-ter c.p.c., il comma 3” (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 25547 del 18/12/2015, non massimata, pagg. 10 e 11).
Nel caso di specie, dunque, il ricorrente aveva pienamente rispettato la norma processuale, avendo avuto cura, da un lato, di indicare in modo specifico, in calce al proprio ricorso, i documenti sui quali la pretesa di pagamento era fondata, e, dall’altro lato, di provvedere al loro tempestivo deposito in atti del procedimento, con apposite “buste telematiche” inviate non appena avuto contezza del numero di ruolo generale, e comunque prima dell’udienza fissata per la comparizione delle parti. Ne’ risulta alcuna contestazione del resistente, rimasto contumace nel giudizio di merito, alla produzione documentale di cui si discute.
In definitiva, il ricorso va accolto, la decisione cassata e la causa rinviata al Tribunale di Benevento, in differente composizione, anche per le spese del presente giudizio di legittimita’.
Il giudice di merito dovra’ attenersi al seguente principio di diritto: “Poiche’ l’articolo 702 bis c.p.c., commi 1 e 4, non prevede alcuna specifica sanzione processuale, ne’ in relazione al mancato rispetto del requisito di specifica indicazione dei mezzi di prova e dei documenti di cui il ricorrente e il resistente intendano, rispettivamente, avvalersi, ne’ in relazione alla mancata allegazione di detti documenti al ricorso o alla comparsa di risposta, e’ ammissibile la produzione documentale eseguita, nell’ambito del procedimento sommario disciplinato dagli articoli 702 bis e ss. c.p.c., successivamente al deposito del primo atto difensivo e fino alla pronuncia dell’ordinanza di cui all’articolo 702 ter c.p.c.”.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, cassa l’ordinanza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese del presente giudizio di legittimita’, al Tribunale di Benevento, in differente composizione.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui