La riconducibilità del rapporto di lavoro al contratto di associazione in partecipazione

16

Corte di Cassazione, civile lavoro, Ordinanza|10 novembre 2020| n. 25221.

La riconducibilità del rapporto di lavoro al contratto di associazione in partecipazione con apporto di prestazione lavorativa da parte dell’associato ovvero al contratto di lavoro subordinato con retribuzione collegata agli utili, esige un’indagine del giudice di merito volta a cogliere la prevalenza, alla stregua delle modalità di attuazione del concreto rapporto, degli elementi che caratterizzano i due contratti, tenendo conto, in particolare, che, mentre il primo implica l’obbligo del rendiconto periodico dell’associante e l’esistenza per l’associato di un rischio di impresa, il secondo comporta un effettivo vincolo di subordinazione più ampio del generico potere dell’associante di impartire direttive e istruzioni al cointeressato, con assoggettamento al potere gerarchico e disciplinare di colui che assume le scelte di fondo dell’organizzazione aziendale. (Nella specie, la S.C. ha reputato incensurabile l’accertamento compiuto dal giudice di merito, che aveva desunto il carattere simulato del rapporto di associazione in partecipazione dalla mancata prova della consegna del rendiconto da parte dell’associante).

Data udienza 15 settembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Inps – Contributi previdenziali – Differenza tra contratto di associazione in partecipazione e il contratto subordinato con retribuzione collegata agli utili – Censure inammissibili

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BALESTRIERI Federico – Presidente

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere

Dott. AMENDOLA Fabrizio – rel. Consigliere

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 24355-2015 proposto da:
(OMISSIS), in proprio e quale titolare dell’omonima ditta individuale, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA N. 29, presso l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 784/2014 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA, depositata il 08/04/2015 R.G.N. 15/2012;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 15/09/2020 dal Consigliere Dott. FABRIZIO AMENDOLA.

RILEVATO

CHE:
1. la Corte di Appello di Venezia, con sentenza pubblicata in data 8 aprile 2015, in riforma della pronuncia di primo grado, ha respinto l’opposizione proposta da (OMISSIS) nei confronti dell’INPS che, sulla base di un verbale di accertamento ispettivo del 9 luglio 2007, aveva ritenuto la natura subordinata dei rapporti di lavoro intrattenuti con (OMISSIS) e (OMISSIS) dal 2003 al 2006, disconoscendo i contratti di associazione in partecipazione siglati con le due addette alle vendite;
2. la Corte – in estrema sintesi – ha ritenuto, sulla scorta del materiale probatorio acquisito, che costituisse “argomento insuperabile al fine di affermare il carattere simulato del rapporto di associazione la carenza palesatasi nell’attuazione del rapporto con riguardo all’assenza di un rendiconto, della cui consegna, costituendo obbligo contrattuale in capo all’associante, avrebbe dovuto fornire la dimostrazione lo stesso”;
3. per la cassazione di tale pronuncia ha proposto ricorso la (OMISSIS) con unico articolato motivo; ha resistito l’INPS con controricorso.

CONSIDERATO

CHE:
1. con il ricorso si denuncia: “violazione e falsa applicazione dell’articolo 2549 c.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3”; si critica la Corte territoriale per aver ritenuto che le deposizioni delle lavoratrici interessate “non fossero affidabili”; si eccepisce che “dall’esame delle risultanze delle prove documentali e testimoniali durante il primo grado di giudizio e’ emersa l’assenza di eterodirezione nel caso de quo” e che “dalle dichiarazioni testimoniali… e’ emerso che l’orario rispettato dalle lavoratrici fosse di massima e non rigido”; si deduce che la prova della natura subordinata del rapporto grava sull’INPS e che nella specie mancherebbe “la sottoposizione del prestatore alle specifiche direttive dell’imprenditore”;
in subordine “si chiede che vengano detratti i contributi gia’ versati alla gestione separata”, affermando che “erroneamente” la Corte veneziana avrebbe disatteso la relativa istanza;
2. il motivo, con cui si denuncia un preteso error in iudicando, non puo’ trovare accoglimento;
come noto, infatti, il vizio di violazione o falsa applicazione di norma di diritto, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, ricorre o non ricorre per l’esclusivo rilievo che, in relazione al fatto accertato, la norma non sia stata applicata quando doveva esserlo, ovvero che lo sia stata quando non si doveva applicarla, ovvero che sia stata “male” applicata, e cioe’ applicata a fattispecie non esattamente comprensibile nella norma (tra le molteplici, Cass. n. 26307 del 2014; Cass. n. 22348 del 2007); sicche’ il sindacato sulla violazione o falsa applicazione di una norma di diritto presuppone la mediazione di una ricostruzione del fatto incontestata perche’ e’ quella che e’ stata operata dai giudici del merito; al contrario, laddove si critichi la ricostruzione della vicenda storica quale risultante dalla sentenza impugnata, si e’ fuori dall’ambito di operativita’ dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, e la censura e’ attratta inevitabilmente nei confini del sindacabile esclusivamente ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, nella formulazione tempo per tempo vigente, vizio che appunto postula un fatto ancora oggetto di contestazione tra le parti;
nella specie parte ricorrente, lungi dall’individuare l’errore di diritto in cui sarebbe incorsa la Corte territoriale nell’ascrivere significato all’enunciato normativo contenuto nell’articolo 2549 c.c. che assume violato, si diffonde nel richiamo a risultanze istruttorie, di cui propone una diversa lettura, criticando le valutazioni operate dal giudice che ha il dominio del merito e, nella sostanza, invocando un sindacato precluso a questa Corte Suprema di legittimita’, al di fuori degli angusti limiti imposti dalla novella formulazione dell’articolo 360 c.p.c., n. 5 cosi’ come rigorosamente interpretato da Cass. SS.UU. n. 8053 e n. 8054 del 2014 (con principi costantemente ribaditi dalle stesse Sezioni unite v. n. 19881 del 2014, n. 25008 del 2014, n. 417 del 2015, oltre che dalle Sezioni semplici) di cui parte ricorrente non tiene alcun conto;
peraltro la sentenza impugnata e’ conforme all’orientamento di questa Corte in ordine al contratto di associazione in partecipazione (da ultimo Cass. n. 31007 del 2019); si e’ cosi’ avuto modo di statuire (Cass. n. 1692 del 2015) che “la riconducibilita’ del rapporto di lavoro al contratto di associazione in partecipazione con apporto di prestazione lavorativa da parte dell’associato ovvero al contratto di lavoro subordinato con retribuzione collegata agli utili, esige un’indagine del giudice di merito volta a cogliere la prevalenza, alla stregua delle modalita’ di attuazione del concreto rapporto, degli elementi che caratterizzano i due contratti, tenendo conto, in particolare, che, mentre il primo implica l’obbligo del rendiconto periodico dell’associante e l’esistenza per l’associato di un rischio di impresa, il secondo comporta un effettivo vincolo di subordinazione piu’ ampio del generico potere dell’associante di impartire direttive e istruzioni al cointeressato, con assoggettamento al potere gerarchico e disciplinare di colui che assume le scelte di fondo dell’organizzazione aziendale”; si e’, altresi’, precisato (Cass. n. 1817 del 2013) che “in tema di contratto di associazione in partecipazione con apporto di prestazione lavorativa da parte dell’associato, l’elemento differenziale rispetto al contratto di lavoro subordinato con retribuzione collegata agli utili d’impresa risiede nel contesto regolamentare pattizio in cui si inserisce l’apporto della prestazione da parte dell’associato, dovendosi verificare l’autenticita’ del rapporto di associazione, che ha come elemento essenziale, connotante la causa, la partecipazione dell’associato al rischio di impresa e alla distribuzione non solo degli utili, ma anche delle perdite. Pertanto, laddove e’ resa una prestazione lavorativa inserita stabilmente nel contesto dell’organizzazione aziendale, senza partecipazione al rischio d’impresa e senza ingerenza ovvero controllo dell’associato nella gestione dell’impresa stessa, si ricade nel rapporto di lavoro subordinato in ragione di un generale favor accordato dall’articolo 35 Cost., che tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni” (successiva conf. Cass. n, 4219 del 2018);
cio’ posto, secondo questa Corte – con insegnamento da cui non vi e’ ragione di discostarsi – in tema di distinzione fra contratto di associazione in partecipazione con apporto di prestazione lavorativa da parte dell’associato e contratto di lavoro subordinato con retribuzione collegata agli utili dell’impresa, la riconducibilita’ del rapporto all’uno o all’altro degli schemi predetti esige un’indagine del giudice del merito – volta a cogliere la prevalenza, alla stregua delle modalita’ di attuazione del concreto rapporto, degli elementi che caratterizzano i due contratti – il cui accertamento, se adeguatamente e correttamente motivato, non e’ censurabile in sede di legittimita’ (Cass. n. 24871 del 2008);
4. conclusivamente il ricorso va dichiarato inammissibile, essendo inammissibile anche la richiesta, formulata in via subordinata dalla ricorrente, “che vengano detratti i contributi gia’ versati alla gestione separata”, in quanto si chiede a questa Corte una pronuncia di merito non sorretta da un motivo di censura accolto e neanche specificamente formulato; le spese seguono la soccombenza liquidate come da dispositivo;
ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, occorre dare atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis (cfr. Cass. SS.UU. n. 4315 del 2020).

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese liquidate in Euro 4.000,00, oltre Euro 200,00 per esborsi, accessori secondo legge e spese generali al 15%.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1 quater da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui