La disciplina normativa inderogabile della forma scritta ad substantiam prevista per l’atto costitutivo della società a responsabilità limitata

11

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|19 febbraio 2021| n. 4481.

La disciplina normativa inderogabile della forma scritta ad substantiam prevista per l’atto costitutivo della società a responsabilità limitata non è trasponibile all’atto di recesso, dal momento che l’art. 2473 c.c. stabilisce l’opposto principio della libera determinazione delle ipotesi di recesso e della libertà di forma, salvo l’obbligo di prevederne alcune tipizzate dalla norma e fermi I vincoli convenzionali.

Ordinanza|19 febbraio 2021| n. 4481

Data udienza 27 ottobre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Risarcimento – Società – Conflittualità societaria – Clausola simul stabunt simul cadunt – Operatività – Recesso – Liquidazione quota socio

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco A. – Presidente

Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere

Dott. SCALIA Laura – Consigliere

Dott. FIDANZIA Andrea – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 4732/2015 proposto da:
(OMISSIS) S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al ricorso;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al controricorso;
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 1868/2014 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA, depositata il 06/08/2014;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 27/10/2020 dal Cons. Dott. ACIERNO MARIA.

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

1. (OMISSIS), socio di minoranza della s.r.l. (OMISSIS), ed agente di commercio per la societa’, premesso che nello statuto era contenuta la clausola “simul stabunt simul cadunt” ed essendo uno dei due componenti del Consiglio di amministrazione, avviava procedura arbitrale nei confronti della societa’, con capitale sociale cosi’ ripartito: (OMISSIS), 4%; (OMISSIS) AG, 60%, (OMISSIS) GMBH, il 36%, una volta verificato che nell’assemblea del 14 luglio 2011 l’altro amministratore rassegnava le dimissioni cosi’ determinando la decadenza dell’intero consiglio. Oggetto della domanda arbitrale era l’accertamento del suo diritto al risarcimento del danno per violazione del principio di buona fede in relazione alla strumentale applicazione della clausola simul stabunt simul cadunt, con liquidazione del dovuto ed il riconoscimento del proprio diritto di recesso in forza di un accordo orale provato per testi con condanna al pagamento del quantum. Il lodo accoglieva le domande proposte.
2 La s.r.l. (OMISSIS) lo impugnava ritenendo in primo luogo che gli arbitri avessero deciso secondo diritto e non secondo equita’ come previsto nella clausola compromissoria convenuta anteriormente alla riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 40 del 2006. Ne conseguiva che era consentito procedere, secondo la societa’ appellante, all’impugnazione per violazione di norme di diritto e per contrarieta’ all’ordine pubblico.
3. La Corte d’Appello ha rigettato l’impugnazione della societa’ a r.l. precisando che il giudizio arbitrale si era svolto secondo equita’ ed affermando la natura rituale del lodo e l’applicabilita’ del regime giuridico del procedimento ante Decreto Legislativo n. 40 del 2006. La censurabilita’ doveva, pertanto, limitarsi alla violazione dei principi di ordine pubblico. Ha specificato che, secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimita’, la decisione secondo equita’ non perdeva tale natura ove gli arbitri avessero applicato norme di diritto coerenti con la soluzione equitativa della controversia. Nella specie gli arbitri avevano evidenziato la validita’ secondo diritto della clausola ma ne avevano rilevato l’applicazione in violazione del principio di buona fede, in quanto mirata ad estromettere uno degli amministratori in carica. In relazione al diritto di recesso pur non previsto ne’ dall’articolo 2473 c.c., post riforma ne’ dallo Statuto, esso veniva riconosciuto in sede arbitrale perche’ risultante dagli esiti dell’istruzione orale.
4. La Corte d’Appello ha ritenuto che le statuizioni del lodo non avessero violato od oltrepassato il limite costituito dall’ordine pubblico e da principi derivanti da norme inderogabili sia in ordine al riconoscimento della violazione del canone di buona fede nell’applicazione della clausola simul stabunt simul cadunt, in quanto finalizzata esclusivamente e strumentalmente a produrre la decadenza del socio sia in relazione al riconoscimento del diritto di recesso a seguito di accordo orale perche’ le norme invocate dall’impugnante ed in particolare quella relativa alla forma scritta per l’esercizio del diritto di recesso e quella concernente la tipicita’ delle cause del recesso, non rivestono natura di norme confluenti nei principi di ordine pubblico, attenendo a diritti pienamente disponibili, non essendo pregiudicato il diritto dei terzi ad avere conoscenza del recesso mediante visura camerale.
5. Avverso tale pronuncia ha proposto ricorso per cassazione la s.r.l. (OMISSIS), affidato a tre motivi accompagnati da memoria. Ha resistito con controricorso (OMISSIS).
6. Nel primo motivo viene dedotta la violazione dell’articolo 1325 c.c., n. 4, articolo 1350 c.c. e articolo 2643 c.c., comma 2, per non avere, la Corte d’Appello dichiarato la nullita’ per mancanza della forma scritta ad substantiam del recesso del (OMISSIS). Al riguardo, secondo la parte ricorrente, l’obbligo di forma stabilito in via generale dall’articolo 2643 c.c., si estende ai negozi di secondo grado, quale deve ritenersi l’accordo consensuale relativo al recesso nella fattispecie dedotta in giudizio. Viene sottolineato, infatti, che alla luce dei principi della giurisprudenza di legittimita’, il recesso deve ritenersi soggetto alle stesse garanzie di forma prescritte per il contratto costitutivo del rapporto al cui scioglimento sia finalizzato. L’articolo 2643 c.c., ha natura di norma inderogabile espressiva di un principio di ordine pubblico in quanto posta a tutela di interessi generali sovraordinati di pubblicita’ e trasparenza.
6.1 La censura non e’ fondata. La previsione, per la costituzione di una societa’ di capitali e piu’ specificamente di una societa’ a responsabilita’ limitata, della forma scritta ad substantiam, ha natura inderogabile ed e’ indubitabilmente finalizzata alla cura di interessi fondamentali di rilievo pubblicistico, qualificabili come di ordine pubblico, perche’ fondati sui principi di trasparenza e di affidamento e tutela dei terzi nei rapporti commerciali. Non e’, tuttavia, condivisibile la trasposizione di questa disciplina normativa e della sua ratio al recesso per il quale l’articolo 2473 c.c., stabilisce i contrari principi della libera predeterminazione delle ipotesi di recesso, salvo l’obbligo di includerne alcune tipizzate dalla norma e della liberta’ di forma, salvo i vincoli convenzionali. Deve aggiungersi che la previsione normativa riguarda il recesso come atto unilaterale di volonta’ del socio mentre nella specie esso costituisce il risultato di un accordo finalizzato ad una concordata composizione degli interessi patrimoniali tra la societa’ ed il socio in uscita, ovvero dell’esercizio del potere di autonomia privata in tema di diritti individuali di natura esclusivamente patrimoniale, e a carattere interamente disponibile.
7. Nel secondo motivo viene dedotta la violazione dell’articolo 2474 c.c., che vieta l’acquisto di proprie partecipazioni alla societa’ a responsabilita’ limitata, dal momento che il dedotto patto di recesso non puo’ avere altro oggetto che l’acquisto della quota da parte della societa’.
7.1 La censura deve essere disattesa. L’accordo oggetto di contestazione ha ad oggetto la liquidazione della quota del socio che recede non l’acquisto di proprie partecipazioni da parte della societa’. Non risulta neanche allegato quali siano state le modalita’ convenzionali con le quali si sarebbe dovuto procedere al rimborso della quota e se siano state utilizzate riserve disponibili o le altre modalita’ previste dell’articolo 2473 c.c., penultimo comma. Ne consegue che la censura difetta di specificita’, e che la riscontrata piana inapplicabilita’ della norma invocata nella censura alla liquidazione della quota a causa di recesso del socio, regolata dell’articolo 2473 c.c., citato penultimo comma, esclude la necessita’ di verificarne la natura di norma contenente principi di ordine pubblico.
8. Nel terzo motivo viene dedotta la violazione dell’articolo 1372 c.c., comma 1 e articolo 2473 c.c., in quanto norme inderogabili e di ordine pubblico in relazione all’accoglimento della domanda relativa all’accordo orale sul recesso in quanto assunta in violazione del principio di tipicita’ della causa di recesso, essendo stato ritenuto legittimo il recesso per giusta causa, estraneo all’articolo 2473 c.c. e allo statuto. Viene ritenuto violato il principio “pacta servanda sunt” perche’ il socio si e’ sciolto unilateralmente ed arbitrariamente fuori dalle ipotesi di legge e di statuto.
8.1. Come gia’ osservato nell’esame del primo motivo, il cd. principio di tipicita’ implica esclusivamente che non possano essere escluse tra le cause di recesso quelle previste dalla norma ma non limita l’autonomia privata, potendo essere introdotte cause di recesso ulteriori nello statuto. Deve escludersi, pertanto, che il principio, non di tipicita’, ma di predeterminazione delle cause di recesso possa essere qualificato come di ordine pubblico, in quanto ampiamente permeato dall’esercizio dell’autonomia privata e non potendosi ravvisare preminenti interessi pubblicistici nella disciplina normativa del recesso, volta a regolare questa peculiare fase del rapporto tra societa’ e socio secondo regole di dettaglio adeguate alle tipologie di societa’ e non integranti principi generali inderogabili. Ne’ puo’ ritenersi che il medesimo principio di predeterminazione delle cause di recesso non possa essere superato da un accordo del socio con la societa’ volto a definirne gli effetti patrimoniali. Del tutto fuori contesto il richiamo al principio di diritto internazionale pubblico.
9. Nel quarto motivo viene dedotta la violazione dell’articolo 823 c.p.c., comma 2, n. 5 e articolo 829 c.p.c., comma 1, n. 1, per avere la Corte d’Appello sostituito alla motivazione degli arbitri la propria in relazione alla determinazione equitativa del risarcimento del danno subito dal (OMISSIS). A fronte della censura svolta davanti alla Corte d’Appello relativa alla natura arbitraria e non equitativa dell’ammontare del risarcimento la Corte ha fornito una giustificazione propria che non corrisponde a quella del lodo.
9.1. La censura e’ inammissibile in quanto sostanzialmente diretta a contestare l’eccessivita’ della determinazione del danno, in relazione alla quale il lodo, per la parte riprodotta nella nota 1 di pag. 20 del ricorso, ha fornito una giustificazione equitativa del tutto sovrapponibile a quella della Corte d’Appello. In quest’ultima pronuncia, al fine di confermare la natura equitativa della valutazione svolta, coerente con la natura dell’arbitrato, nella pronuncia impugnata vengono richiamati gli indicatori che il lodo stesso aveva posto a base della decisione e confermata la natura equitativa del criterio utilizzato.
10. Nel quinto motivo la medesima censura viene svolta in relazione alla lesione dell’articolo 830 c.p.c., per avere la Corte d’Appello deciso nel merito.
10.1 Le ragioni svolte in relazione al quarto motivo evidenziano la manifesta infondatezza anche del quinto. Non vi e’ alcuna decisione di merito, solo la conferma della coerenza della decisione sul danno con il limite del sindacato di equita’ e la esplicitazione analitica delle ragioni poste a base di questa conclusione.
10. In conclusione il ricorso deve essere rigettato con applicazione del principio della soccombenza in ordine alle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese processuali del presente giudizio da liquidarsi in Euro 10000, per compensi, Euro 200 per esborsi oltre accessori di legge.
Sussistono le condizioni per l’applicazione del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui