La decisione di annullamento con rinvio

22

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|18 gennaio 2021| n. 720.

La decisione di annullamento con rinvio vincola al principio affermato ed ai relativi presupposti di fatto, onde il giudice del rinvio deve uniformarsi non solo alla “regola” giuridica enunciata, ma anche alle premesse logico-giuridiche della decisione adottata, attenendosi agli accertamenti già compresi nell’ambito di tale enunciazione senza poter estendere la propria indagine a questioni che, pur se non esaminate nel giudizio di legittimità, costituiscono il presupposto stesso della pronuncia di annullamento, formando oggetto di un giudicato implicito interno, atteso che il riesame delle suddette questioni verrebbe a porre nel nulla od a limitare gli effetti della sentenza di cassazione, in contrasto con il principio di intangibilità (Nel caso di specie, accogliendo il ricorso, la Suprema Corte ha cassato con rinvio la pronuncia impugnata che, nell’accogliere solo parzialmente l’impugnazione, riconoscendo in favore di parte ricorrente la protezione umanitaria, ma rigettando le domande riguardanti lo status di rifugiato e la protezione sussidiaria, aveva erroneamente rivalutato in sede rescissoria, negandola, la questione della credibilità della ricorrente medesima, costituente invero il presupposto logico del percorso argomentativo dell’ordinanza di rinvio, violando in tal modo il giudicato implicito interno, con conseguente nullità della pronuncia).

Ordinanza|18 gennaio 2021| n. 720

Data udienza 23 settembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Immigrazione – Giudizio di rinvio – Valutazione di su questioni che costituiscono il presupposto dell’annullamento – Rivalutazione della credibilità del richiedente – E’ esclusa

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente

Dott. DI FLORIO Antonella – rel. Consigliere

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 31983/2019 proposto da:
(OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avv.to (OMISSIS), con studio in (OMISSIS), ( (OMISSIS)) ed elettivamente domiciliato presso la cancelleria civile della Corte di Cassazione, in Roma, piazza Cavour;
– ricorrenti –
contro
MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore;
– resistente –
avverso la sentenza n. 654/2019 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO, depositata il 28/03/2019;
udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 23/09/2020 dal Consigliere Dott. ANTONELLA DI FLORIO.

RILEVATO

che:
1. (OMISSIS), proveniente dalla (OMISSIS), ricorre affidandosi a tre motivi per la cassazione della sentenza della Corte d’Appello di Catanzaro che, a definizione del giudizio rescissorio conseguente alla cassazione della pronuncia n. 1142/2015 della medesima Corte territoriale, aveva solo parzialmente accolto l’impugnazione, riconoscendo in suo favore la protezione umanitaria ma rigettando le domande riguardanti lo status di rifugiato e la protezione sussidiaria.
1.1. Per cio’ che qui interessa, la ricorrente aveva narrato di essere fuggita dal proprio paese per sottrarsi ad un matrimonio forzato al quale il padre intendeva costringerla: a fronte di un primo rigetto in entrambi i gradi di merito, la Corte di Cassazione accolse il suo ricorso in ordine alla mancata indagine sulla pratica del matrimonio forzato nel paese di provenienza, espressamente ritenuto una violazione della dignita’ e, quindi, come un danno grave idoneo al riconoscimento della protezione sussidiaria anche perche’ non era stato considerato che gli agenti della condotta violenta e dannosa, potevano essere anche privati cittadini ove lo Stato non fosse stato in grado di fornire adeguata tutela, circostanza sulla quale non erano state acquisite informazioni attraverso fonti informative ufficiali attendibili ed aggiornate.
1.2. La Corte di rinvio ha riesaminato la vicenda per intero, partendo dalla credibilita’ della richiedente che e’ stata esclusa, con rigetto delle protezioni “maggiori” invocate ed accoglimento della protezione umanitaria in relazione alla sua vulnerabilita’, dimostrata dalla circostanza che ella si trovava, al momento della decisione, in stato di gravidanza e che cio’ rendeva necessario tutelare anche il nascituro per il primo anno di vita.
2. La parte intimata non si e’ difesa.

CONSIDERATO

Che:
1. Con il primo, secondo e terzo motivo, da esaminarsi congiuntamente per la stretta connessione logica, la ricorrente deduce:
a. ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4, la nullita’ della sentenza per violazione dell’articolo 324 c.p.c., articolo 384 c.p.c., comma 2 e articolo 2909 c.c..
Lamenta, al riguardo, che la Corte territoriale aveva rivalutato la credibilita’ del racconto che non era mai stata messa in discussione e che costituiva il presupposto della decisione di legittimita’: la questione, pertanto, doveva ritenersi coperta da “giudicato interno” in quanto l’accoglimento del primo ricorso per cassazione si fondava sulla omessa riconduzione della vicenda ai presupposti legittimanti la protezione sussidiaria, senza che la sua attendibilita’ fosse mai stata messa in dubbio (primo motivo).
b. ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5, l’omesso esame di fatti decisivi per il riconoscimento di protezione e relativi alla condizione delle donne in Nigeria. Assume che la Corte di rinvio non si era attenuta al principio di diritto enunciato secondo il quale dovevano essere acquisite informazioni aggiornate sul trattamento riservato alle donne rispetto alla pratica del matrimonio forzato ed alla effettiva tutela fornita dalle autorita’ pubbliche a chi avesse subito tale grave violazione (secondo motivo).
c. ex articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione degli articoli 3, 37 e 60 della Convenzione di Istanbul, del Decreto Legislativo n. 251 del 2007, articolo 3, comma 3, articoli 4, 5, articolo 6, comma 2 e articolo 14, lettera b); Decreto Legislativo n. 25 del 2008, articolo 2, comma 1, lettera H-b e articolo 8, comma 3, per omessa osservanza del dovere di cooperazione istruttoria.
Assume che la Corte territoriale aveva disatteso il principio di diritto pronunciato nella ordinanza di rinvio (Corte Cass. 25463/2016) con la quale era stato prescritto il riesame della controversia in quanto la Corte non aveva verificato se nel paese di origine l’autorita’ statuale fornisse ai cittadini un’effettiva tutela e protezione rispetto a vicende private foriere di gravi danni in quanto consistenti in aggressione alla dignita’ personale: fra esse era stata ricompresa anche la consuetudine del matrimonio forzato, considerato espressamente una grave violazione dei diritti fondamentali della donna e, quindi, un trattamento degradante idoneo a configurare il presupposto della protezione sussidiaria.
2. Il primo motivo e’ fondato.
2.1. In primo luogo, si osserva che la Corte territoriale ha completamente rivalutato la credibilita’ della ricorrente in relazione al il fatto storico narrato, omettendo di considerare che la questione era stata ritenuta pacifica in sede di legittimita’ dove il percorso argomentativo che aveva portato alla cassazione della sentenza impugnata si fondava proprio sul presupposto che il racconto fosse attendibile: la decisione, infatti, prende le mosse dalla veridicita’ della narrazione ed afferma testualmente che “il ricorso e’ fondato in quanto la decisione della Corte di appello non ha valutato se la pratica del matrimonio forzato costituisca una realta’ sociale accettata nel paese di provenienza della ricorrente ne’ ha valutato comunque che, in tema di protezione sussidiaria, la costrizione ad un matrimonio non voluto costituisce grave violazione della dignita’ e, dunque, trattamento degradante che integra un danno grave, la cui minaccia, ai fini del riconoscimento di tale misura, puo’ provenire anche da soggetti diversi soggetti diversi dallo Stato, allorche’ le autorita’ pubbliche o le organizzazioni che controllano lo Stato o una sua parte consistente non possano o non vogliano fornire protezione adeguata (cfr. Cass. Civ. sez. VI-1 n. 25873 del 18 novembre 2103). Ne’ infine ha tenuto in considerazione la giurisprudenza di legittimita’ secondo cui il diritto alla protezione sussidiaria non puo’ essere escluso dalla circostanza che agenti del danno grave per il cittadino straniero siano soggetti privati qualora nel Paese d’origine non vi sia un’autorita’ statale in grado di fornirgli adeguata ed effettiva tutela, con conseguente dovere del giudice di effettuare una verifica officiosa sull’attuale situazione di quel Paese e, quindi, sull’eventuale inutilita’ di una richiesta di protezione alle autorita’ locali (Cass. civ. n. 15192 del 20 luglio 2015)” (cfr pag. 4 e 5 dell’ordinanza di rinvio, Cass. 25463/2016, doc. 1 fasc. appello prodotto).
2.2. Ne’ dai motivi di ricorso risulta che la credibilita’ della ricorrente fosse stata oggetto di impugnazione nel precedente giudizio di merito (cfr. pagg. 2 e 3 dell’ordinanza di rinvio): pertanto, da una parte ricorre il principio secondo il quale in mancanza di espressa impugnazione) l’esame della questione doveva rimanere preclusa anche nel precedente giudizio di legittimita’ (cfr. Cass. 5133/2019), e dall’altra deve applicarsi quello, pienamente condiviso dal Collegio secondo il quale “in ipotesi di annullamento con rinvio per violazione di norme di diritto, la pronuncia della Corte di Cassazione vincola al principio affermato ed ai relativi presupposti di fatto, onde il giudice del rinvio deve uniformarsi non solo alla “regola” giuridica enunciata, ma anche alle premesse logico-giuridiche della decisione, attenendosi agli accertamenti gia’ compresi nell’ambito di tale enunciazione, senza poter estendere la propria indagine a questioni che, pur se non esaminate nel giudizio di legittimita’, costituiscono il presupposto stesso della pronuncia, formando oggetto di giudicato implicito interno, atteso che il riesame delle suddette questioni verrebbe a porre nel nulla o a limitare gli effetti della sentenza, in contrasto col principio di intangibilita’” (cfr. Cass. 20198/2015; Cass. 17353/2010 e Cass. 30852/2018).
2.3. Conseguentemente, posto che la credibilita’ della ricorrente costituiva il presupposto logico del percorso argomentativo dell’ordinanza di rinvio, averla rivalutata in sede rescissoria negandola – si traduce, in limine, in una violazione del giudicato implicito interno, con conseguente nullita’ della sentenza.
2.4. Cio’ assorbe le altre censure, rispetto alle quali vale comunque la pena di rilevare che la decisione ha omesso di attenersi ai principi pronunciati da questa Corte secondo cui dovevano essere acquisite C.O.I. attendibili ed aggiornate sulle condizioni del paese in relazione alla vicenda narrata: tali non possono ritenersi notizie tratte da fonti informative risalenti nel tempo (alcune del 2015, rispetto alla decisione del 2019), non tutte attendibili secondo le prescrizioni del Decreto Legislativo n. 25 del 2008, articolo 8, comma 3 e, soprattutto, estranee alle specifiche ragioni della fuga e della protezione invocata, consistenti nella costrizione ad un matrimonio non desiderato e nella assenza di tutela, in relazione a tale fatto, da parte delle autorita’ statuali del proprio paese di origine (cfr. Cass. 30105/2018; Cass. 9230/2020; Cass. 8819/2020).
2.5. Il ricorso deve essere accolto e la sentenza, pertanto, va cassata con rinvio alla Corte d’Appello di Catanzaro che, in diversa composizione, riesaminera’ la controversia alla luce dei seguenti principi di diritto:
“la decisione di annullamento con rinvio vincola al principio affermato e ai relativi presupposti di fatto, onde il giudice del rinvio deve uniformarsi non solo alla “regola” giuridica enunciata ma anche alle premesse logico-giuridiche della decisione adottata, attenendosi agli accertamenti gia’ compresi nell’ambito di tale enunciazione senza poter estendere la propria indagine a questioni che, pur se non esaminate nel giudizio di legittimita’, costituiscono il presupposto stesso della pronuncia di annullamento, formando oggetto di giudicato implicito interno, atteso che il riesame delle suddette questioni verrebbe a porre nel nulla o a limitare gli effetti della sentenza di cassazione, in contrasto col principio di intangibilita’”.
“Il Decreto Legislativo n. 25 del 2008, articolo 8, comma 3, nel prevedere che “ciascuna domanda e’ esaminata alla luce di informazioni precise e aggiornate circa la situazione generale esistente nel Paese di origine dei richiedenti asilo e, ove occorra, dei Paesi in cui questi sono transitati” deve essere interpretato nel senso che l’obbligo di acquisizione di tali informazioni da parte delle Commissioni territoriali e del giudice deve essere osservato in diretto riferimento ai fatti esposti ed ai motivi svolti in seno alla richiesta di protezione internazionale, non potendo per contro addebitarsi la mancata attivazione dei poteri istruttori officiosi, in ordine alla ricorrenza dei presupposti per il riconoscimento della protezione, riferita a circostanze non dedotte”.
3. La Corte di rinvio provvedera’ altresi’ alla decisione in ordine alle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

La Corte;
accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’Appello di Catanzaro per il riesame della controversia e per la decisione in ordine alle spese dei giudizi di legittimita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui