In tema di verifica dello stato passivo

29

Corte di Cassazione, civile, Sentenza|12 aprile 2021| n. 9593.

In tema di verifica dello stato passivo, i documenti trasmessi dal creditore al curatore tramite posta elettronica certificata e da questo inviati telematicamente alla cancelleria del giudice delegato entrano a fare parte del fascicolo d’ufficio informatico della procedura, ai sensi dell’articolo 9, comma primo, del Dm n. 44 del 2011, sicché, proposta opposizione allo stato passivo, il tribunale deve disporre l’acquisizione dei documenti specificatamente indicati nel ricorso dall’opponente, ex articolo 99, comma secondo, n. 4), della legge Fallimentare che siano custoditi nel detto fascicolo informatico. Da quanto sopra esposto, ne consegue che l’articolo 99 richiamato, a norma del quale il ricorso in opposizione deve contenere, a pena di decadenza, «l’indicazione specifica dei mezzi di prova di cui il ricorrente intende avvalersi e dei documenti prodotti» non comporta l’onere per l’opponente di produrre ex novo i documenti già allegati alla domanda di ammissione, ma richiede unicamente che i documenti in questione siano fra quelli indicati nell’atto introduttivo, sui quali il creditore mostri di voler fondare la propria pretesa anche nel giudizio di impugnazione.

Sentenza|12 aprile 2021| n. 9593

Data udienza 8 settembre 2020

Integrale

Tag/parola chiave: Fallimento – Verifica dello stato passivo – Trasmissione dei documenti del creditore al curatore a mezzo pec – Inserimento nel fascicolo telematico – Acquisizione d’ufficio dei documenti indicati nel ricorso dall’opponente ex art. 99 comma 2 n. 4 legge fallimentare – Rinvio

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere

Dott. CARADONNA Lunella – rel. Consigliere

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso n. 26504/2014 proposto da:
(OMISSIS) S.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’Avv. (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’Avv. (OMISSIS), giusta procura a margine del ricorso per cassazione;
– ricorrente –
contro
Fallimento (OMISSIS) S.r.l.;
– intimato –
avverso il decreto del Tribunale di NAPOLI n. cronol. 1860/2014 depositato in data 3 ottobre 2014;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 08/09/2020 dal Consigliere Dott. Lunella Caradonna;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. ZENO Immacolata, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;
udito, per la ricorrente, l’Avv. (OMISSIS) che ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

FATTI DI CAUSA

1. Il Tribunale di Napoli, con decreto del 3 ottobre 2014, ha respinto l’opposizione allo stato passivo proposta da (OMISSIS) S.p.a. in ordine ad un credito vantato nei confronti della societa’ fallita (OMISSIS), per un ammontare di Euro 264.296,83 e fondato su un Decreto Ingiuntivo divenuto definitivo per tardivita’ della riassunzione del giudizio di opposizione.
2. A sostegno della decisione assunta il Tribunale aveva rilevato che: il decreto ingiuntivo in questione era divenuto definitivo dopo la dichiarazione di fallimento, in quanto il termine per la riassunzione era scaduto il 5 marzo 2013 e la societa’ era stata dichiarata fallita il (OMISSIS), sicche’ il Decreto Ingiuntivo non aveva acquistato efficacia esecutiva in via definitiva; la documentazione prodotta a sostegno del credito, che risultava dal saldo debitore di due conti correnti, il n. (OMISSIS) e (OMISSIS) chiusi rispettivamente il (OMISSIS) e specificamente le copie dei contratti, gli estratti parziali dei conti correnti e il saldaconto, non era idonea a fornire la data certa dei contratti di conto corrente sottoscritti dalla societa’ fallita, ritenendo in particolare insufficiente la produzione dell’estratto conto parziale perche’ non consentiva la piena ricostruzione dei movimenti che avevano condotto alla formazione delle poste attive e passive; il saldaconto non costituiva prova ai fini dell’ammissione al passivo di un credito perche’, contenendo solo l’indicazione del saldo con le ultime operazioni, rappresentava un mero indizio liberamente apprezzabile dal giudice e suscettibile di acquisire efficacia probatoria solo se supportato da altri elementi ugualmente significativi; gli estratti conto certificati conformi ai sensi dell’articolo 50 TUB, la cui efficacia era limitata al procedimento monitorio, non avevano alcuna efficacia probatoria perche’ piuttosto che rappresentare il fatto costitutivo del diritto, costituivano soltanto il risultato della somma algebrica di reciproche rimesse annotate in conto corrente.
3. Avverso detto decreto ha proposto ricorso per cassazione, con tre motivi, la (OMISSIS) S.p.a..
4. La Curatela fallimentare non ha svolto difese.
5. Con ordinanza interlocutoria depositata il 7 giugno 2017, la VI-1 sez. di questa Corte, rilevata l’insussistenza dell’evidenza decisoria, ha disposto la trattazione della causa in pubblica udienza ai sensi dell’articolo 380 bis c.p.c., u.c.;
6. Con successiva ordinanza interlocutoria depositata in data 10 febbraio 2020, tenuto conto che la causa era stata fissata all’udienza stabilita in Camera di consiglio ex articolo 380 bis.1 c.p.c., questa Corte ha disposto il rinvio a nuovo ruolo della causa per la trattazione in pubblica udienza.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo la (OMISSIS) S.p.a. deduce la nullita’ del decreto per la violazione della L. Fall., articolo 99 e l’insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, affermando che era stata espressamente presentata richiesta di acquisizione del fascicolo relativo alla fase di ammissione allo stato passivo e che il Tribunale non si era pronunciato su questa richiesta istruttoria.
2. Con il secondo motivo la Banca lamenta la nullita’ del decreto per la violazione dell’articolo 2704 c.c. e l’insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, assumendo che la prova certa ex articolo 2704 c.c., dell’anteriorita’ del credito era stata fornita con la produzione della copia del decreto ingiuntivo e del fascicolo monitorio ricostruito.
3. Con il terzo motivo la Banca deduce la nullita’ del decreto per omesso esame su un punto decisivo della controversia, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, perche’ il Tribunale non aveva esaminato la documentazione prodotta e allegata nel fascicolo della fase monitoria, produzione che unita a quella contenuta nel fascicolo di parte della quale era stata richiesta l’acquisizione avrebbe fornito la prova cera dell’esistenza e dell’anteriorita’ del credito azionato in sede monitoria.
4. Il primo motivo e’ fondato.
Questa Corte ha affermato che in tema di verifica dello stato passivo, i documenti trasmessi dal creditore al curatore tramite posta elettronica certificata e da questo inviati telematicamente alla cancelleria del giudice delegato entrano a fare parte del fascicolo d’ufficio informatico della procedura, ai sensi del Decreto Ministeriale n. 44 del 2011, articolo 9, comma 1, sicche’, proposta opposizione allo stato passivo, il tribunale deve disporre l’acquisizione dei documenti specificatamente indicati nel ricorso dall’opponente, L. Fall., ex articolo 99, comma 2, n. 4), che siano custoditi nel detto fascicolo informatico (Cass. 18 maggio 2017, n. 12548; Cass., 8 marzo 2018, n. 5570).
Ne consegue che l’articolo 99, richiamato, a norma del quale il ricorso in opposizione deve contenere, a pena di decadenza, “l’indicazione specifica dei mezzi di prova di cui il ricorrente intende avvalersi e dei documenti prodotti” non comporta l’onere per l’opponente di produrre ex novo i documenti gia’ allegati alla domanda di ammissione, ma richiede unicamente che, come avvenuto nel caso di specie, i documenti in questione siano fra quelli indicati nell’atto introduttivo, sui quali il creditore mostri di voler fondare la propria pretesa anche nel giudizio di impugnazione.
5. All’accoglimento del motivo conseguono la cassazione del decreto impugnato ed il rinvio della causa al Tribunale di Napoli in diversa composizione, che liquidera’ anche le spese di questo giudizio di legittimita’.
Restano assorbiti gli ulteriori due motivi di ricorso che illustrano questioni sulle quali il Tribunale di Napoli, limitandosi ad esaminare le copie dei contratti, gli estratti parziali dei conti correnti e il saldaconto ex articolo 50 TUB, non si e’ pronunciato e che dovranno essere esaminate dal giudice del rinvio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo del ricorso e, assorbiti gli altri, cassa il decreto impugnato in relazione al motivo accolto e rinvia al Tribunale di Napoli, in diversa composizione, per nuovo esame e per provvedere sulle spese del giudizio di legittimita’.
Ai sensi dell’articolo 132 c.p.c., comma 3, stante l’impedimento dell’estensore a causa della emergenza epidemiologica da COVID-19, sottoscrive il solo Presidente.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui