In tema di emissioni in atmosfera di gas vapori e fumi

21

Corte di Cassazione, penale, Sentenza|23 novembre 2020| n. 32688.

In tema di emissioni in atmosfera di gas, vapori e fumi, al fine di definire il concetto di “molestia” che integra il reato di getto pericoloso di cose di cui all’art. 674 cod. pen., occorre distinguere tra l’attività produttiva svolta senza l’autorizzazione dell’autorità preposta, per la quale il contrasto con gli interessi tutelati va valutato secondo criteri di stretta tollerabilità, e quella esercitata secondo l’autorizzazione e senza superamento dei limiti consentiti, per la quale si deve far riferimento alla “normale tollerabilità” delle persone che si ricava dall’art. 844 cod. civ. e che ricorre sempre che l’azienda abbia adottato gli accorgimenti tecnici ragionevolmente utilizzabili per abbattere l’impatto delle emissioni sulla realtà esterna.

Sentenza|23 novembre 2020| n. 32688

Data udienza 17 settembre 2020

Integrale

Tag – parola chiave: TUA – Getto pericoloso di cose – Smaltimento di rifiuti pericolosi – Genericità ed aspecificità delle censure – Inammissibilità

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAPALORCIA Grazia – Presidente

Dott. MARINI Luigi – Consigliere

Dott. DI NICOLA Vito – Consigliere

Dott. SOCCI Angelo Matteo – Consigliere

Dott. CORBETTA Stefano – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
(OMISSIS), nato a (OMISSIS);
avverso la sentenza del 15/01/2020 della Corte di appello di Milano;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere CORBETTA Stefano;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale DI NARDO Marilia, che ha concluso chiedendo l’inammissibilita’ dei ricorsi.

RITENUTO IN FATTO

1. Con l’impugnata sentenza, in parziale riforma della pronuncia emessa Tribunale di Monza e appellata dagli imputati, la Corte d’appello di Milano riduceva a un anno, sei mesi e quindici giorni di arresto e 15.000 Euro di ammenda ciascuno la pena inflitta ad (OMISSIS) e ad (OMISSIS), nel resto confermando la pronuncia di primo grado, che aveva affermato la penale responsabilita’ degli imputati per una serie di violazioni al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, di cui ai capi A), B), C), F), e per il reato ex articolo 674 c.p., contestato al capo D).
2. Avverso l’indicata sentenza, gli imputati, per il tramite del comune difensore di fiducia, propongono, con un unico atto, ricorso per Cassazione affidato a nove motivi.
2.1. Con il primo motivo si deduce la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), in relazione agli articoli 192 e 234 c.p.p.. Assumono i ricorrenti che la Corte territoriale avrebbe erroneamente rigettato l’eccezione di inutilizzabilita’ del filmato esibito dal teste (OMISSIS), trattandosi di videoriprese non acquisite al processo.
2.2. Con il secondo motivo si eccepisce la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), in relazione agli articoli 192, 62, 63 e 191 c.p.p., con riferimento al reato di cui all’articolo 29-quattordecies Decreto Legislativo n. 152 del 2006, contestati ai capi A) e B). Ad avviso dei ricorrenti, la Corte territoriale avrebbe utilizzato le dichiarazioni del teste (OMISSIS) in merito a quanto riferitogli dal (OMISSIS), cio’ che integra la violazione dell’articolo 62 c.p.p., comma 1, con conseguente inutilizzabilita’ di tali dichiarazioni, non potendo la prova dello svolgimento dell’attivita’ galvanica presso lo stabilimento essere desunta ne’ da quanto riferito, peraltro in maniera discordante, dai testi dell’ARPA, ne’ dal consumo dell’acqua, non essendo possibile stabilire a chi dovesse essere addebitato quel consumo, considerando che la societa’ dei ricorrenti subentro’ alla precedente nel settembre 2015.
2.3. Con il terzo motivo si lamenta la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), in relazione al reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 255, comma 3, contestato capo B). Secondo i ricorrenti, la Corte territoriale avrebbe erroneamente ravvisato la penale responsabilita’ in relazione al reato di cui al capo B), in quanto, per un verso, vi e’ stato un parziale adempimento dell’ordinanza contingibile e, per altro verso, era impossibile adempiere ad alcune prescrizioni, come confermato dal teste escusso sul punto.
2.4. Con il quarto motivo si lamenta la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), in relazione all’articolo 192 c.p.p., con riguardo al reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 256, comma 2, lettera a) e b), contestato ai capi C) ed F). Ad avviso dei ricorrenti, la Corte territoriale avrebbe erroneamente confermato il giudizio di penale responsabilita’ per i reati in esame, non emergendo quali rifiuti sarebbero stati illecitamente smaltiti, anche considerando che il tecnico dell’ARPA ha riferito di non aver effettuato alcun campionamento e di non essere certo della tipologia dei rifiuti medesimi.
2.5. Con il quinto motivo si censura la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera c) ed e), in relazione al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quattuordecies e articolo 256. I ricorrenti censurano la sentenza impugnata laddove ha ritenuto il concorso di norme, essendo invece applicabile il solo articolo 29-quattuordecies per effetto della clausola di sussidiarieta’ espressa contemplata dal n. 152 del 2006, articolo 256, comma 1.
2.6. Con il sesto motivo si deduce la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), con riferimento al reato di cui all’articolo 674 c.p., contestato al capo D). Sostengono i ricorrenti che la semplice presenza di fumi non sarebbe idonea ad integrare il reato in esame, anche considerando che tre soli cittadini presentarono l’esposto, a riprova dello scarso rilievo della tollerabilita’ dei fumi medesimi.
2.7. Con il settimo motivo si eccepisce la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), in relazione all’articolo 133 c.p.. Secondo la prospettazione difensiva, la Corte territoriale avrebbe confermato la pena base inflitta del Tribunale, stimata eccessiva, con formule di stile e senza considerare l’esiguo lasso temporale della condotta, pari a soli tre mesi.
2.8. Con l’ottavo motivo si lamenta la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b ed e), con riguardo all’articolo 62-bis c.p.. Deducono i ricorrenti che la Corte d’appello avrebbe negato il riconoscimento delle attenuanti in parola ricalcando pedissequamente la motivazione di primo grado, e senza considerare il contegno collaborativo degli imputati.
2.9. Con il nono motivo si censura la violazione dell’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) ed e), con riguardo agli articoli 133 e 81 c.p.. I ricorrenti censurano la sentenza impugnata, laddove non ha dato conto degli aumenti di pena inflitti per la continuazione.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. I ricorsi sono inammissibili.
2. Il primo motivo e’ inammissibile.
Come risulta dall’ampia e articolata motivazione della sentenza di primo grado (cfr. p. 4), e’ dirimente osservare che il filmato in questione si riferisce semplicemente alla fuoriuscita di un denso fumo nero dal sito industriale gestito dalla societa’ dei ricorrenti, circostanza su cui ha deposto il teste (OMISSIS), che, con il proprio cellulare, effettuo’ le riprese video, sicche’ esso rappresenta solamente la premessa storica e fattuale da cui sono scaturiti gli approfondimenti investigativi del personale dell’Arpa presso il sito produttivo; in ogni caso, i ricorrenti non hanno spiegato in che modo l’eventuale estromissione di tale filmato avrebbe condotto a, una diversa valutazione dell’ampio corredo probatorio, che si fonda sugli esiti delle ispezioni effettuate presso il capannone gestito dalla societa’ degli imputati.
3. Il secondo motivo – evidentemente finalizzato a censurare la motivazione del reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quaterdecies, di cui al capo A) sicche’ il riferimento al capo B), peraltro oggetto del terzo motivo, deve considerarsi un mero lapsus calami – e’ manifestamente infondato.
3.1. In primo luogo si rileva che il motivo appare generico, non avendo i ricorrenti documentato che, nel momento della prima ispezione presso il capannone, il (OMISSIS) abbia reso dichiarazioni da cui emergessero indizi di reita’ a suo carico, avendo peraltro egli semplicemente riferito al personale dell’Arpa che “aveva necessita’ impellente di lavorare, pur non lavorando in piena attivita’ aveva fatto dei lavoretti per pagare l’affitto”.
3.2. In secondo luogo, i ricorrenti non si confrontano con la motivazione della sentenza impugnata, laddove ha desunto la prova che nel capannone si svolgesse attivita’ galvanica da una serie di elementi, diversi dalle dichiarazioni del (OMISSIS), quali: l’accertata presenza di liquidi galvanici all’interno di quasi tutte le ventinove vasche presenti all’interno del sito industriale, cio’ che, a causa delle forti esalazioni, rendeva difficile la respirazione nonostante l’utilizzo della mascherina; l’accertata presenza sia di materie prime destinate alla galvanica, sia di rifiuti industriali pericolosi, derivanti da quel tipo di attivita’; l’accertata presenza di lavoratori all’interno del capannone; l’ingente consumo di acqua potabile – elemento indispensabile per il ciclo produttivo in esame, essendo necessaria per il riempimento e il successivo risciacquo delle vasche – nel periodo intercorrente tra il settembre 2015, data in cui-la societa’ (OMISSIS), gestita dai ricorrenti, subentro’ nel contratto di fornitura, e il dicembre di quello stesso anno; le deposizioni dei resti (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), i quali hanno tutti riferito delle forti esalazioni provenienti dallo stabilimento a far tempo del novembre 2015, quando presentarono l’esposto.
Orbene, la Corte territoriale, con motivazione esente da logicita’ manifeste e da errori di diritto, ha correttamente ravvisato la sussistenza del reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quaterdecies, sulla base della valutazione congiunta degli elementi ora esposti, ritenuti indicativi dello svolgimento dell’attivita’ di galvanica, per la quale non era stata richiesta la prescritta autorizzazione integrata ambientale.
4. Il terzo motivo e’ manifestamente infondato.
Anche il tal caso, la Corte territoriale ha dato puntuale risposta ai motivi di appello, qui riproposti, osservando che, nel corso della seconda ispezione, avvenuta dopo circa tre mesi dell’emissione dell’ordinanza sindacale contingibile e urgente in materia di salute pubblica e dopo la scadenza della proroga richiesta dalla societa’ (OMISSIS) per l’adempimento, all’interno dell’azienda fu accertata la persistente presenza di rifiuti pericolosi, nonche’ l’inottemperanza alle prescrizioni che imponevano di provvedere: all’elencazione delle sostanze pericolose, all’effettuazione delle prove di tenuta delle vasche e delle tubazioni, all’invio dei formulari di trasporto e dei registri dei rifiuti, alla presentazione di un piano di indagine ambientale.
Con motivazione non manifestamente illogica, la Corte territoriale ha ritenuto che l’impossibilita’ di ottemperare, per causa non imputabile ai ricorrente, alla prescrizione relativa allo smaltimento dei rifiuti pericolosi, non incide sul mancato adempimento di tutte le altre prescrizioni, cio’ che integra il reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 255.
5. Il quarto e il quinto motivo, esaminabili congiuntamente stante la stretta relazione tra le questioni dedotte, sono manifestamente infondati.
6. Cominciando dal quinto motivo, il cui esame e’ logicamente preliminare, non e’ persuasiva la tesi, sostenuta dai ricorrenti, secondo la quale, nel caso in esame, troverebbe configurabile solamente il reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quaterdecies (capo A), essendo in esso assorbito il reato di cui al medesimo Decreto Legislativo articolo 256, (capi C ed F), per effetto dalla clausola di sussidiarieta’ espressa contemplata dall’articolo 256, comma 1, che cosi’ recita: “Fuori dai casi sanzionati dall’articolo 29-quaterdecies, comma 1, (…)”.
Pur giungendo a una conclusione corretta, la concisa motivazione della Corte territoriale, secondo cui il reato di cui all’articolo 256 non puo’ ritenersi assorbito in quello previsto dall’articolo 29-quaterdecies “stante la diversita’ degli elementi costitutivi dei predetti reati”, merita un approfondimento.
7. Va anzitutto evidenziato che ai ricorrenti, ai capi C) ed F), e’ contestato il reato previsto dal Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 256, comma 2, nella loro qualita’ di soci e rappresentanti dalla (OMISSIS) s.r.l., e, quindi, quali titolari dell’impresa; il che rispecchia la dizione letterale della norma in esame, secondo cui “Le pene di cui al comma 1 si applicano ai titolari di imprese ed ai responsabili di enti che abbandonano o depositano in modo incontrollato i rifiuti ovvero li immettono nelle acque superficiali o sotterranee in violazione del divieto di cui all’articolo 192, commi 1 e 2”.
8. Orbene, dal confronto con la fattispecie di cui al comma 1, emerge come l’ipotesi del comma 2 non contempli alcuna clausola di sussidiarieta’ espressa, la quale, peraltro, e’ prevista, nei medesimi termini (“Fuori dai casi sanzionati dall’articolo 29-quaterdecies, comma 1,…”), dal successivo comma 3.
Cio’ denota una chiara scelta del legislatore, il quale, quando ha voluto escludere il concorso materiale di reati, prevedendo la sola applicazione della piu’ grave ipotesi contemplata dall’articolo 29-quaterdecies, comma 1, lo ha previsto in maniera espressa mediante l’utilizzo dell’indicata clausola di sussidiarieta’, che compare nella dizione letterale delle fattispecie di cui ai commi 1 e 3; con la conseguenza che, non prevedendo il comma 2 detta clausola, e’ astrattamente configurabile il concorso con il piu’ grave reato previsto dal Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quaterdecies, comma 1.
9. Ne’ potrebbe obiettarsi che tale clausola sia implicitamente richiamata dal comma 2, che rinvia al comma 1; invero, quel richiamo e’ unicamente quoad poenam, come emerge dal chiaro tenore letterale della disposizione (“Le pene di cui al comma 1 si applicano”), e non si riferisce alla struttura del fatto, che e’ radicalmente diverso: l’articolo 29-quaterdecies, comma 1, incrimina l’esercizio di una delle attivita’ di cui all’Allegato VIII alla Parte Seconda senza essere in possesso dell’autorizzazione integrata ambientale, o dopo che la stessa sia stata sospesa o revocata; l’articolo 256, comma 2, punisce l’abbandono o il deposito incontrollato di rifiuti, ovvero l’immissione dei medesimi nelle acque superficiali o sotterranee in violazione del divieto fissato dal Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 192, commi 1 e 2.
10. Neppure tra le due ipotesi di reato vi e’ una necessaria implicazione fattuale o logica, in quanto la realizzazione di un reato puo’ ben prescindere dalla commissione dell’altro: cosi’ come l’esercizio abusivo di una della attivita’ indicate nell’Allegato VIII alla, Parte Seconda puo’ avvenire senza che l’agente, al contempo, abboni o depositi in modo incontrollato i rifiuti derivanti da quell’attivita’, allo stesso modo l’abbondano o il deposito di rifiuto puo’ essere realizzato da chi abbia ottenuto l’autorizzazione integrata ambientale.
11. Va percio’ affermato il seguente principio: il reato di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quaterdecies, comma 1, puo’ concorrere con il reato previsto dall’articolo 256, comma 2, del medesimo D.Lgs., stante la differenza strutturale tra le due fattispecie di reato.
12. Manifestamente infondato e’ il quinto motivo perche’ articolato in fatto.
Invero, la Corte territoriale ha accertato, sulla base di quanto constatato dai tecnici dell’Arpa in occasione delle due ispezioni, la presenza di rifiuti speciali, derivanti dall’attivita’ di galvanica abusivamente esercitata nell’azienda (quali soluzioni acquose di lavaggio, carboni attivi esausti, pitture, tanite di morchia) che si trovavano abbandonati in piu’ punti del sito; oltre a cio’, si e’ inoltre appurato che nella fossa biologica sita all’interno del capannone vi era depositata una quantita’ molto elevata di nichel e, in misura inferiore, anche di altri metalli (rame, zinco, cromo totale), cio’ che costituiva un insieme di rifiuti pericolosi generati dall’attivita’ svolta nella fabbrica e quindi oggetto di illecito smaltimento.
A fronte di una motivazione del genere, il ricorrente oppone una diversa valutazione dei dati probatori, non consentita in sede di legittimita’.
13. Il sesto motivo e’ manifestamente infondato.
I giudici di merito hanno accertato che dallo stabilimento, dove era esercitata in maniera abusiva l’attivita’ di galvanica, si sprigionava in atmosfera un denso fumo nero, per un lasso temporale non ridotto, accompagnato da un odore acre, simile a quello della “gomma bruciata”, che perdurava nel corso della giornata e che affaticava la respirazione delle persone che abitavano nelle vicinanze, tanto che alcune di queste si risolsero a sporgere denuncia da cui presero avvio le indagini, da cio’ desumendo il superamento della soglia di stretta tollerabilita’ delle immissioni olfattive, che integra in reato in esame.
La Corte territoriale ha percio’ fatto corretta applicazione del principio secondo cui, in tema di emissioni in atmosfera di gas, vapori e fumi, al fine di definire il concetto di “molestia” che integra il reato di getto pericoloso di cose di cui all’articolo 674 c.p., occorre distinguere tra l’attivita’ produttiva svolta senza l’autorizzazione dell’autorita’ preposta, per la quale il contrasto con gli interessi tutelati va valutato secondo criteri di stretta tollerabilita’, e quella esercitata secondo l’autorizzazione e senza superamento dei limiti consentiti, per la quale si deve far riferimento alla “normale tollerabilita’” delle persone che si ricava dall’articolo 844 c.c. e che ricorre sempre che l’azienda abbia adottato gli accorgimenti tecnici ragionevolmente utilizzabili per abbattere l’impatto delle emissioni sulla realta’ esterna (Sez. 3, n. 54209 del 23/10/2018, dep. 04/12/2018, Tirapelle, Rv. 275298; 17/01/2008, Alghisi, Rv. 238447).
Nel caso in esame, come anticipato, con logicamente motivato, la Corte territoriale ha ritenuto superato il limite della stretta tollerabilita’, cio’ che integra la fattispecie ex articolo 674 c.p..
14. I restanti tre motivi, afferenti al trattamento sanzionatorio, sono manifestamente infondati perche’ generici e fattuali.
14.1. Quanto alla commisurazione della pena base per il piu’ grave reato di cu al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 29-quaterdecies, comma 1, la Corte ha osservato che lo scostamento rispetto al minimo edittale si giustifica in considerazione dell’elevato pericolo per l’ambiente e la salute pubblica, per la quantita’ e qualita’ dei rifiuti generati dall’attivita’ illecitamente svolta in azienda e per la molteplicita’ di prescrizioni violate.
Si tratta di una motivazione che da’ conto, in maniera non manifestamente illogica, dei parametri ex articolo 133 c.p., ritenuti prevalenti nel caso concreto e che, pertanto, supera il vaglio di legittimita’.
14.2. Le medesime considerazioni valgono in relazione al mancato riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, avendo la Corte territoriale per un verso, ritenuto assenti, nel caso in esame, elementi valutabili in tal senso, e, per altro verso, ravvisato, quale elemento ostativo, la pluralita’ di violazioni, anche sul piano edilizio, stante la copiosa presenza di amianto nella copertura dell’edificio, e i precedenti penali, non specifici ma molto gravi, di cui sono gravati entrambi i ricorrenti.
14.3. Quanto, poi, agli aumenti di pena a titolo di continuazione, pur nel contesto sopra ricordato, connotato da una pluralita’ di illeciti non certo trascurabili, la Corte territoriale ha comunque ridotto gli aumenti inflitti ex articolo 81 cpv. c.p., per ciascuno dei reati satellite cosi’ da addivenire a una pena stimata congrua; si tratta, anche in tal caso, di una valutazione discrezionale logicamente motivata che deve essere confermata, non avendo peraltro i ricorrenti indicato alcun elemento che, ove fosse stato correttamente valutato, avrebbe condotto all’inflizione di una pena piu’ mite.
15. Essendo i ricorsi inammissibili e, a norma dell’articolo 616 c.p.p., non ravvisandosi assenza di colpa nella determinazione della causa di inammissibilita’ (Corte Cost. sent. n. 186 del 13/06/2000), alla condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese del procedimento consegue quella al pagamento della sanzione pecuniaria nella misura, ritenuta equa, indicata in dispositivo in favore della Cassa delle Ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 3.000,00 in favore della Cassa delle Ammende.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui