In tema di contributi previdenziali

28

Corte di Cassazione, sezione lavoro civile, Ordinanza 8 luglio 2019, n. 18278.

La massima estrapolata:

In tema di contributi previdenziali, nell’ipotesi di appalto posto in essere in violazione delle disposizioni di cui all’art. 29, comma 1, del d.lgs. n. 276 del 2003, i pagamenti a titolo contributivo effettuati dall’appaltatore valgono a liberare il committente fino a concorrenza delle somme versate, così come dispone il comma 3 bis del predetto articolo, che rinvia al precedente art. 27, comma 2, dando applicazione alla regola generale di cui all’art. 1180 c.c., che impone la verifica in concreto dell’avvenuta o meno integrale soddisfazione delle pretese contributive formulate dagli enti previdenziali.

Ordinanza 8 luglio 2019, n. 18278

Data udienza 29 aprile 2019

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere

Dott. GHINOY Paola – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 404/2014 proposto da:
(OMISSIS) S.R.L., C.F. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
– I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO, C.F. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio degli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS) che lo rappresentano e difendono;
– I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS), in persona del suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e quale mandatario della (OMISSIS) S.P.A. (OMISSIS) C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS);
– controricorrenti –
e contro
(OMISSIS) S.P.A.;
– intimata –
avverso la sentenza n. 313/2013 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA, depositata il 02/07/2013 R.G.N. 513/2012.

CONSIDERATO IN FATTO

1.La Corte d’appello di Brescia ha confermato la sentenza del Tribunale che aveva rigettato l’opposizione proposta dalla soc (OMISSIS) avverso la cartella emessa dall’Inps ed il provvedimento Inail di variazione del rapporto, adottati dai due enti in relazione all’accertamento ispettivo del 14/11/2009. La Corte ha rilevato che l’ispezione aveva accertato un’ipotesi di intermediazione illecita di manodopera; che la soc (OMISSIS) aveva posto in essere una serie di contratti di subappalto a decorrere dal gennaio 2008, con la soc (OMISSIS); che era emerso che la (OMISSIS) era del tutto priva di una sua organizzazione; che, infatti, l’attivita’ di detta impresa si esauriva nell’inviare propri dipendenti nei cantieri per lavorare sotto la direzione altrui, operando senza rischio di impresa ed in assenza di elementi probatori dai quali desumere che l’esecuzione delle opere subappaltate dalla soc ricorrente fosse stata realizzata dalla CCA attraverso una propria organizzazione di mezzi e di personale.
Quanto all’intervenuta abrogazione della L. n. 1369 del 1960, ed all’applicabilita’ della somministrazione di lavoro, eccepita dall’opponente, la Corte territoriale ha affermato che,ai sensi del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 2, la somministrazione di lavoratori poteva avvenire solo ad opera dei soggetti espressamente autorizzati dalla legge alle condizioni ivi previste e che, al di fuori di tali ipotesi, l’intermediazione rimaneva illecita.
2.Avverso la sentenza ha proposto ricorso in cassazione la soc (OMISSIS) srl. Resistono l’Inps e l’Inail. Quest’ultimo deposita memoria ex articolo 378 c.p.c..

RITENUTO IN DIRITTO

3.Con il primo motivo la ricorrente denuncia violazione del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articoli 20, 21, 23, 27 e 29, vizio di motivazione su un punto decisivo.
Lamenta che, a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 276, citato e dell’abrogazione della L. n. 1369 del 1960, non sussisterebbe piu’ un divieto generale di intermediazione di manodopera, ma solo la fattispecie della somministrazione irregolare di cui alla Decreto Legislativo n. 276, articolo 27, citato, la quale, tuttavia, non potrebbe essere fatta valere dall’Inps,ma solo dai singoli lavoratori interessati i quali avrebbero potuto richiedere la costituzione di rapporti di lavoro subordinato con la committente, con la conseguenza che, nella fattispecie, i lavoratori interessati non avrebbero potuto essere ritenuti alle dipendenze della (OMISSIS).
Con il secondo motivo denuncia violazione del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 27, nonche’ l’omesso motivazione su un fatto decisivo oggetto di discussione tra le parti. Lamenta che la Corte non aveva esaminato che l’obbligazione contributiva era stata assolta dalla CCA,come risultava dai modelli DURC prodotti in giudizio.
Con il terzo motivo denuncia violazione dell’articolo 112 c.p.c., per omesso esame della censura di cui al motivo precedente.
4. Circa il primo motivo va rilevato che la Corte territoriale ha escluso che la fattispecie potesse essere ricondotta alla somministrazione di lavoratori di cui al Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 20, sottolineando che tale ipotesi poteva configurarsi solo nel caso di somministratore a cio’ autorizzato ai sensi delle disposizioni di cui all’articolo 4 e 5, dello stesso D.Lgs.. Secondo la Corte territoriale la fattispecie in esame, da ricondursi, invece, a “pseudo contratti di appalto”, era e restava illecita (in base agli argomenti ampiamente esposti nella motivazione) ed, anzi, secondo la Corte territoriale, i lavoratori avevano lavorato in condizioni di sostanziale dipendenza dalla committente di cui dovevano essere considerati dipendenti con ogni conseguenza circa l’obbligo della (OMISSIS) di pagare i contributi.
Premesso che la L. n. 1369 del 1960, e’ stata abrogata dal Decreto Legislativo n. 276 del 2003, e che, dunque,ogni contraria affermazione ravvisabile nella sentenza impugnata e’ censurabile, va, comunque, affermato che la Corte territoriale non ha posto in essere alcuna violazione delle leggi denunciate accertando,da un lato, l’illiceita’ dei contratti di appalto,con ampia ed esauriente motivazione, e dall’altro confermando il diritto degli enti previdenziali a pretendere il pagamento dei contributi omessi dall’appaltatore nei confronti della committente ed anzi pervenendo ad affermare la sussistenza di rapporti di lavoro alle dipendenze della committente.
Anche ai sensi della nuova normativa l’appalto, posto in essere in violazione delle disposizioni di cui al Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 29, comma 1, in mancanza dei requisiti di autonomia e genuinita’, quale risulta accertato nella fattispecie in esame, resta illecito. In tale ipotesi sussiste la responsabilita’ ex lege del committente ai sensi dell’articolo 29, comma 2, D.Lgs., citato, in solido con l’appaltatore per il pagamento delle retribuzioni verso i lavoratori addetti all’appalto e dei contributi verso gli enti previdenziali.
Contrariamente a quanto affermato dalla ricorrente il diritto del lavoratore di ottenere la costituzione del rapporto di lavoro alle dipendenze del soggetto che ha utilizzato la prestazione ai sensi dell’articolo 29, comma 3 bis, D.Lgs., citato, in caso di appalto illecito, non esclude sia il potere degli enti previdenziali di agire nei confronti del committente ai sensi del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 29, comma 2, per il recupero dei contributi omessi dall’appaltatore, sia, come nella fattispecie in esame, per il riconoscimento di veri e propri rapporti di lavoro subordinato con il committente, avendo la Corte territoriale ritenuto sussisterne i requisiti, avuto riguardo alla natura di diritti indisponibili dei diritti previdenziali la cui tutela e realizzazione non puo’ dipendere dall’iniziativa del lavoratore.
Nella specie la Corte territoriale, dopo aver ampiamente motivato circa la sussistenza di appalti illeciti, ha affermato che i lavoratori avevano lavorato in condizioni di sostanziale dipendenza dal committente e dunque da considerarsi dipendenti di quest’ultimo a tutti gli effetti, affermazioni non oggetto di specifiche censure da parte della ricorrente, con ogni conseguenza, anche sotto tale profilo, circa l’obbligo di pagare i contributi agli istituti previdenziali. In definitiva, per le considerazioni che precedono, la Corte territoriale ha correttamente affermato l’obbligo della committente (OMISSIS) di pagare i contributi o premi omessi per i lavoratori addetti all’appalto.
5. Sono invece, fondati gli altri due motivi.
La Corte territoriale ha omesso di effettuare l’esame dell’efficacia satisfattiva dei pagamenti effettuati dall’appaltatrice a favore degli enti previdenziali cosi’ come richiesto.
I pagamenti a titolo contributivo effettuati dall’appaltatore valgono a liberare il committente fino a concorrenza delle somme versate,cosi’ come dispone l’articolo 29, comma 3 bis, che rinvia al Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 27, comma 2. Tale principio costituisce un’applicazione della regola generale di cui all’articolo 1180 c.c., che impone la verifica in concreto dell’avvenuto o meno integrale soddisfazione delle pretese contributive formulate dagli enti previdenziali.
6. La sentenza impugnata deve, pertanto, essere cassata ed il giudizio rinviato alla Corte d’appello di Milano anche per le spese del presente giudizio.

P.Q.M.

Accoglie il secondo e terzo motivo nei sensi di cui in motivazione; cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia alla Corte d’appello di Milano anche per le spese del presente giudizio.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui