In tema di contenzioso legato a una emotrasfusione

48

Corte di Cassazione, sezione sesta (terza) civile, Ordinanza 29 novembre 2019, n. 31223.

La massima estrapolata:

In tema di contenzioso legato a una emotrasfusione la data di entrata in vigore della legge del ’92 – che prevede una specifica normativa per le vittime – non può essere posta alla base dell’inizio del termine di prescrizione per l’avvio del causa. Infatti, la data d’inizio di quest’ultima è quella della consapevolezza da parte del danneggiato dell’esistenza di nesso di causalità tra epatite C e emotrasfusione. In buona sostanza, nulla vieta che il giudice con giudizio di merito la faccia risalire a momento precedente la domanda indennizzo.

Ordinanza 29 novembre 2019, n. 31223

Data udienza 13 giugno 2019

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE TERZA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco – Presidente

Dott. RUBINO Lina – Consigliere

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. DELL’UTRI Marco – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 23135-2018 proposto da:
(OMISSIS), nella qualita’ di erede di (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
MINISTERO DELLA SALUTE (OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO), che lo rappresenta e difende ope legis;
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 1503/2017 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO, depositata il 03/08/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 13/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LINA RUBINO.

RILEVATO

che:
– (OMISSIS) propone ricorso per cassazione articolato in due motivi ed illustrato da memoria nei confronti del Ministero della Salute, per la cassazione della sentenza n. 1503/2017, depositata il 3.8.2017 dalla Corte d’Appello di Catanzaro, con la quale, a parziale riforma della sentenza di primo grado, veniva rigettata la sua domanda proposta iure hereditario e tesa al risarcimento del danno conseguente all’infezione da epatite C riportata dalla madre, T., a seguito delle trasfusioni di sangue cui si era sottoposta nel 1986 presso il presidio ospedaliero di Cosenza per curare una anemia ipocromica iposideremica;
-il Ministero resiste con controricorso;
-essendosi ravvisate le condizioni per la trattazione ai sensi dell’articolo 380-bis c.p.c., nel testo modificato dal Decreto Legge n. 168 del 2016, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 197 del 2016, e’ stata formulata dal relatore designato proposta di definizione del ricorso con declaratoria di manifesta fondatezza dello stesso. Il decreto di fissazione dell’udienza camerale e la proposta sono stati comunicati.

CONSIDERATO

che:
Il collegio, tenuto conto anche delle osservazioni contenute nella memoria, ritiene di condividere le valutazioni del relatore in ordine all’esito del giudizio.
Il diritto al risarcimento dei danni da emotrasfusioni e’ stato ritenuto prescritto, in quanto si e’ fatto decorrere il termine di prescrizione dal 1992, ovvero dalla data di approvazione della L. n. 210 del 1992, che ha introdotto l’indennizzo per i pregiudizi derivanti da emotrasfusioni di sangue infetto, e non dalla data della presentazione della domanda di indennizzo, risalente al 2003.
La ricorrente lamenta con il primo motivo la violazione degli articoli 2935 e 2947 c.c., con il secondo la violazione degli articoli 2935 e 2697 c.c., nonche’ degli articoli 115 e 116 c.p.c.
Deve ritenersi che il ricorso possa essere accolto, valutando congiuntamente i due motivi e dando continuita’ al principio di diritto espresso, da ultimo, da Cass. n. 18521 del 2018, secondo il quale: “Il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno da parte di chi assume di aver contratto per contagio da emotrasfusioni una malattia per fatto doloso o colposo di un terzo decorre dal giorno in cui tale malattia venga percepita – o possa essere percepita usando l’ordinaria diligenza e tenendo conto della diffusione delle conoscenze scientifiche – quale danno ingiusto conseguente al comportamento del terzo. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto che la dichiarazione anamnestica della paziente, resa in occasione della diagnosi di epatite C, di essersi sottoposta a trasfusione durante il parto e di non aver mai fatto uso di alcool e di stupefacenti, fosse idonea ad attestare la conoscenza o, comunque, la conoscibilita’, secondo l’ordinaria diligenza, della riconducibilita’ causale della patologia alla trasfusione).”.
o Cosi’ ricostruito il principio di base, deve puntualizzarsi che il giorno della proposizione della domanda amministrativa di liquidazione dell’indennizzo/ di cui alla legge del 1992, deve intendersi come termine ultimo di possibile inizio del decorso della prescrizione, cui far riferimento qualora non emerga la prova che, a causa della precisione della diagnosi anche sotto il profilo della riconduzione causale dell’infezione, o delle conoscenze scientifiche accessibili all’utente, o per altro elemento processualmente emergente, il danneggiato abbia avuto gia’ da prima della presentazione della domanda amministrativa volta alla liquidazione dell’indennizzo, o avrebbe potuto avere usando la ordinaria diligenza, cognizione della riconducibilita’ causale del fatto lesivo (v. Cass. n. 27757 del 2017: “In tema di responsabilita’ per i danni conseguenti ad infezioni da virus HBV, HIV e HCV contratte da pazienti emotrasfusi, la presentazione della domanda di indennizzo, di cui alla L. n. 210 del 1992, attesta l’esistenza, in capo al malato e ai familiari, della consapevolezza che queste siano da collegare causalmente con le trasfusioni e, pertanto, segna il limite ultimo di decorrenza del termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno, a norma degli articoli 2935 e 2947 c.c., comma 1, ma cio’ non esclude che il giudice di merito individui in un momento precedente l’avvenuta consapevolezza del suddetto collegamento sulla base di un accertamento in fatto adeguatamente motivato. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che, nel dichiarare prescritto il diritto al risarcimento, aveva fatto risalire l’avvenuta conoscenza del collegamento causale alla data della diagnosi dell’infezione e cio’ tenuto conto delle conoscenze esistenti all’epoca in materia e del piu’ generale principio dell’ordinaria diligenza)”; v. anche Cass. n. 15733 del 2018, Cass. n. 13745 del 2018).
Nel caso di specie, l’aggancio dell’exordium praescriptionis alla data di entrata in vigore della L. n. 210 del 1992, svincolato dalla storia personale della vittima e dalla valutazione della idoneita’ di tale elemento a far acquisire consapevolezza alla danneggiata della riconducibilita’ causale del danno riportato alle trasfusioni un tempo subite, e’ del tutto privo di giustificazione.
La sentenza deve essere quindi cassata e la causa rinviata alla Corte di Appello di Catanzaro, che decidera’ anche sulle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’Appello di Catanzaro in diversa composizione, che decidera’ anche sulle spese del presente giudizio.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui