In caso di permuta le agevolazioni fiscali previste a favore della piccola proprietà contadina possono essere mantenute quando ciascuno dei permutanti persegue finalità di arrotondamento

54

Corte di Cassazione, sezione sesta tributaria, Ordinanza 8 ottobre 2018, n. 24655.

La massima estrapolata:

In caso di permuta le agevolazioni fiscali previste a favore della piccola proprietà contadina possono essere mantenute quando ciascuno dei permutanti persegue finalità di arrotondamento. Questo in quanto, diversamente dalla vendita dove ai fini del consolidamento rileva soltanto il bene che entra nel patrimonio del coltivatore diretto, nella permuta tutti i beni permutati devono essere destinati ad integrare la piccola proprietà contadina.

Ordinanza 8 ottobre 2018, n. 24655

Data udienza 5 luglio 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere

Dott. DELLI PASCOLI Lorenzo – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 223-2017 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Via dei Portoghesi 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 8001/4/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI GENOVA, depositata il 31/05/2016;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 05/07/2018 dal Consigliere Dott. CONTI Roberto Giovanni.

FATTI E RAGIONI DELLA DECISIONE

L’Agenzia delle entrate ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad un unico motivo, contro (OMISSIS), impugnando la sentenza della CTR Liguria indicata in epigrafe che ha confermato la pronunzia di primo grado con la quale e’ stato accolto il ricorso dei contribuenti rispetto al diniego dell’istanza in autotutela presentata al fine di ottenere, anche in assenza dei presupposti per il riconoscimento dell’agevolazione inerente la piccola proprieta’ contadina previsto dalla L. n. 604 del 1954 applicata in sede di registrazione, il diverso beneficio fiscale di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 601 del 1973, articolo 9.
Secondo la CTR l’ufficio avrebbe dovuto potuto riliquidare le imposte dovute in conformita’ a quanto previsto dall’articolo 9 cit., anche considerando l’assenza di principi generali che neghino il riconoscimento di un’agevolazione non richiesta al momento dell’imposizione.
La parte intimata, costituitasi con controricorso, ha chiesto dichiararsi inammissibile il ricorso, comunque rilevandone l’infondatezza, successivamente depositando memoria.
La ricorrente deduce la violazione e falsa applicazione della L. n. 604 del 1954, articoli 1, 2, 3 e 4 e della L. n. 212 del 2000, articoli 5,6 e 7. La CTR avrebbe errato nel riconoscere il beneficio richiesto successivamente alla registrazione dell’atto e dopo che l’ufficio aveva negato l’agevolazione per la proprieta’ contadina richiesta, non potendo i poteri di accertamento e valutazione del tributo rivivere in epoca successiva al momento in cui l’atto viene sottoposto a tassazione.
Occorre premettere che il ricorso e’ ammissibile, contenendo l’esposizione delle fasi del giudizio e degli elementi essenziali per consentire a questa Corte l’individuazione dell’oggetto e dei piu’ rilevanti atti svolti nella fase di merito, parimenti indicando, all’interno della censura, le norme asseritamente violate dal giudice di appello.
Cio’ posto, il motivo e’ manifestamente fondato.
Ed invero, la giurisprudenza di questa Corte e’ ferma nel ritenere che la sottoposizione di un atto ad una determinata tassazione, ai fini dell’imposta di registro, con il trattamento agevolato richiesto o comunque accettato dal contribuente, comporta, in caso di decadenza dal beneficio, l’impossibilita’ di invocare altra agevolazione, in quanto i poteri di accertamento e valutazione del tributo si esauriscono nel momento in cui l’atto viene sottoposto a tassazione e non possono rivivere, sicche’ la decadenza dell’agevolazione concessa in quel momento (nella specie, in favore della piccola proprieta’ contadina) preclude qualsiasi altro accertamento sulla base di altri presupposti normativi o di fatto – cfr. Cass. nn. 14601/2003 e 8409/2013, Cass. n. 10099/2017-.
Si e’ ancora aggiunto, proprio nella pronunzia da ultimo ricordata, che la L. n. 604 del 1954, articolo 7 dispone espressamente che l’acquirente il quale abbia subito la revoca dell’agevolazione a favore della piccola proprieta’ contadina e’ tenuto a pagare i tributi “ordinari” e che nei suoi confronti l’amministrazione finanziaria agisce per il recupero delle imposte “nella misura ordinaria”.
Orbene, a tali principi, in verita’ consolidati, diversamente da quanto opinato dai controricorrenti, non si e’ affatto conformato il giudice di appello che, per converso, ha ritenuto di riconoscere il beneficio di cui alla Decreto del Presidente della Repubblica n. 601 del 1973, articolo 9 ancorche’ in sede di registrazione fosse stata avanzata richiesta del beneficio della proprieta’ contadina, regolato dalla L. n. 604 del 1956 e dalle successive leggi. Beneficio, quest’ultimo, che l’Ufficio aveva escluso emettendo avviso di liquidazione volto alla ripresa dell’imposta di registro in misura ordinaria. Orbene, il giudice di merito ha ritenuto che non fosse impedito il riconoscimento del beneficio concernente i trasferimenti in territori montani situati ad altitudine non inferiore a 700 metri sul livello del mare, considerando che “non vi sono precise norme ne’ principi generali sulla base dei quali ritenere che un’agevolazione non richiesta al momento dell’imposizione debba essere ritenuta perduta”.
Cosi’ facendo la CTR ha pero’ contravvenuto alla giurisprudenza di questa Corte – v., da ultimo, Cass.n.27296/2017, ove non si e’ mancato di precisare che e’ inammissibile la richiesta di una nuova agevolazione in luogo di quella prima accettata e poi perduta per decadenza, la stessa risolvendosi in un’inammissibile istanza di ritassazione -.
Ne’ la CTR ha considerato la diversita’ dei presupposti fra le due agevolazioni, riguardando quella di cui alla L. n. 604 del 1954, articolo 1, comma 2 – pretesa in sede di registrazione dai contribuenti – l’ipotesi di atti di permuta, quando per ambedue i permutanti l’atto sia posto in essere esclusivamente per l’arrotondamento della piccola proprieta’ contadina, e la seconda – formulata in sede di autotutela e fondata sul Decreto del Presidente della Repubblica n. 601 del 1973, articolo 9 – i territori montani situati ad una altitudine non inferiore a 700 metri sul livello del mare e di quelli rappresentati da particelle catastali che si trovano soltanto in parte alla predetta altitudine, quelli compresi nell’elenco dei territori montani compilato dalla commissione censuaria centrale e ancora quelli facenti parte di comprensori di bonifica montana.
In definitiva, la CTR ha erroneamente tralasciato di considerare che nell’atto sottoposto a registrazione fosse stata indicata unicamente la ricorrenza dei presupposti richiesti per l’agevolazione tributaria di cui alla L. n. 604 del 1954, articolo 12, nn. 1, 2 e 3, non surrogabili in alcun modo successivamente alla registrazione dell’atto. Tanto e’ sufficiente per superare i rilievi difensivi esposti anche in memoria dal controricorrente, ove si consideri che, proprio dalla riproduzione in stralcio dell’atto notarile si evince che non era stata sollecitata altra agevolazione, se non quella concernente la proprieta’ contabile disciplinata dalle leggi nn. 114/1948 e 604/1954, senza fare alcun riferimento agli elementi fattuali che avrebbero potuto giustificare il riconoscimento di altre agevolazioni fiscali – e, fra queste, quella di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 601 del 1973, articolo 9 -.
Quanto al prospettato vizio di incostituzionalita’ della disciplina normativa interna, nella parte in cui consente il riconoscimento dell’agevolazione fiscale in materia di proprieta’ contadina per il caso di permuta solo quando “per ambedue i permutanti l’atto sia posto in essere esclusivamente per l’arrotondamento della piccola proprieta’ contadina”, la questione e’ infondata.
In generale puo’ ricordarsi che secondo la giurisprudenza di questa Corte a Sezioni Unite – Cass.S.U. 18574/2016, Cass.S.U. n.11373/2015- “a salvaguardia dell’equilibrio tra gli interessi che si contrappongono nel rapporto tributario (la garanzia dei contribuenti e le esigenze di bilancio dell’ente impositore), che si esprime a livello costituzionale nell’articolo 53 Cost., nella riserva di legge sancita dall’articolo 23 Cost. e nella previsione dell’articolo 81 Cost. (vieppiu’ dopo la L. cost. n. 1 del 2012), l’ambito dell’imposizione e’ tracciato dal legislatore (in positivo come in negativo) attraverso la precisa indicazione di oggetti e soggetti tassabili, con la conseguenza che in relazione alle norme impositive e’ pacificamente escluso che la tassazione possa investire oggetti o soggetti non espressamente emergenti dal dato normativo espresso, onde anche le norme agevolative, per esigenza speculare, non possono essere suscettibili di integrazione ermeneutica trascendente i confini semantici del suddetto dato normativo espresso. Tale principio non puo’ non riverberarsi su tutte le norme lato sensu tributarie, anche quelle strumentali, ivi comprese quelle che regolano limiti, termini e poteri delle parti del rapporto tributario e, a fortiori, quelle prevedenti deroghe ad essi”.
Va ricordato che la Corte costituzionale, quando si e’ trovata a vagliare la legittimita’ costituzionale di disposizioni che prevedono agevolazioni fiscali, ha affermato che “norme di tale tipo, aventi carattere eccezionale e derogatorio, costituiscono esercizio di un potere discrezionale del legislatore, censurabile solo per la sua eventuale palese arbitrarieta’ o irrazionalita’ (Corte cost. n. 292/1987; Corte cost. n. 174/2001), sicche’ la Corte costituzionale stessa non puo’ estenderne l’ambito di applicazione, se non quando lo esiga la ratio dei benefici medesimi (Corte cost.n. 6/2014, n. 275/2005, n. 27/2001, n. 431/1997, n. 86/1985; n. 103/2012, n. 203/2011, n. 144/2009, n. 10/1999), n. 111/2016, n.153/2017).
E’ dunque necessario identificare il fondamento del beneficio previsto dalle norme qui in esame, per poi verificare se la ratio cosi’ individuata si possa considerare comune a quella per la quale il beneficio non e’ stato riconosciuto.
Orbene, non puo’ ritenersi che il coltivatore diretto che acquista un cespite immobiliare destinato all’incremento della proprieta’ contadina si trovi nella medesime condizioni del coltivatore diretto che sia parte di un contratto di permuta nel quale uno dei cespiti immobiliari oggetto del trasferimento non persegua la finalita’ dell’arrotondamento della piccola proprieta’ contadina. Si tratta, all’evidenza, di ipotesi totalmente diverse nelle quali, in definitiva, il legislatore, nell’esercizio delle sue prerogative discrezionali, ha inteso riconoscere il beneficio solo quando entrambi i permutanti abbiano perseguito la finalita’ dell’arrotondamento realizzandola attraverso la permuta dei rispettivi beni, in modo da ritenere che l’eventuale assenza di tale requisito non giustifichi il riconoscimento del beneficio.
Se, dunque, la legge agevolativa L. n. 604 del 1954, articolo 1 concede l’esenzione dall’imposta di bollo ed una significativa riduzione delle imposte di registro ed ipotecaria a favore di “atti posti in essere per la formazione o per l’arrotondamento della piccola proprieta’ contadina quando ricorrono le condizioni e i requisiti previsti dall’articolo 2” ed elenca tali atti includendo, accanto alla compravendita, l’affitto, la compartecipazione a miglioria, gli atti con cui i coniugi o genitori e figli acquistano (separatamente ma contestualmente) usufrutto e nuda proprieta’, gli atti di riunione della nuda proprieta’ e dell’usufrutto e, per quel che qui importa, la permuta – a determinate condizioni – non si ha difficolta’ a comprendere che la rado posta a base del regime agevolativo e’ inscindibilmente connessa al perseguimento di finalita’ di agevolazione in favore della piccola proprieta’ contadina. Ragioni che, quanto alla permuta, il legislatore ha inteso collegare al fatto che tutti i beni oggetto del contratto di permuta siano comunque destinati ad integrare la piccola proprieta’ contadina.
Si tratta di una scelta che rientra nella discrezionalita’ del legislatore e che impedisce di considerare esistente una disparita’ di trattamento fra le ipotesi di vendita e quella della permuta per la decisiva circostanza che nella compravendita, a differenza che nella permuta, viene in considerazione unicamente il cespite che entra nel patrimonio del coltivatore diretto, mentre nella permuta l’esistenza della pluralita’ dei beni permutati costituisce, per l’un verso, ragione di chiara diversificazione fra vendita e permuta e, per altro verso, non impone un’omogeneita’ di trattamento della permuta rispetto alla vendita.
In conclusione, in accoglimento del ricorso, la sentenza impugnata va cassata, con rinvio ad altra sezione della CTR Liguria anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia ad altra sezione della CTR Liguria anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimita’.