Il giudice dell’esecuzione quando provvede alla distribuzione o assegnazione del ricavato o del pignorato al creditore procedente e ai creditori intervenuti

7

Corte di Cassazione, civile, Sentenza|13 maggio 2021| n. 12877.

Il giudice dell’esecuzione, quando provvede alla distribuzione o assegnazione del ricavato o del pignorato al creditore procedente e ai creditori intervenuti, determinando la parte a ciascuno spettante per capitale, interessi e spese, effettua accertamenti funzionali alla soddisfazione coattiva dei diritti fatti valere nel processo esecutivo e, conseguentemente, il provvedimento di liquidazione delle spese dell’esecuzione, in tal caso ammissibile, implica un accertamento meramente strumentale alla distribuzione o assegnazione stessa, privo di forza esecutiva e di giudicato al di fuori del processo in cui è stato adottato, sicché le suddette spese, quando e nella misura in cui restino insoddisfatte, sono irripetibili.

Sentenza|13 maggio 2021| n. 12877

Data udienza 14 gennaio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Esecuzione forzata – Giudice dell’esecuzione – Distribuzione del ricavato al creditore procedente e ai creditori intervenuti – Provvedimento di liquidazione – Funzione

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere

Dott. PORRECA Paolo – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso 30206/2017 proposto da:
(OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), in giudizio anche per se stesso, domiciliazione p.e.c. (OMISSIS);
– ricorrenti –
contro
ENAP, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), ed elettivamente domiciliata in (OMISSIS);
– controricorrente –
e contro
(OMISSIS) s.p.a.;
– intimata –
avverso la sentenza n. 4348/2016 della CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il 23/11/2016;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 14/01/2021 dal Consigliere Dott. PAOLO PORRECA;
udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SOLDI Anna Maria;
dito l’Avvocato.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:
(OMISSIS) e il difensore avvocato (OMISSIS), quale distrattario delle spese liquidate nel titolo esecutivo azionato da entrambi, procedevano a pignoramento presso il terzo (OMISSIS) s.p.a., poi (OMISSIS) s.p.a., avverso l’esecutato debitore ENAP, e, all’esito della mancata comparizione del terzo per la dichiarazione, introducevano il giudizio di accertamento della relativa obbligazione;
il Tribunale dichiarava “improcedibile” la domanda perche’ in altra esecuzione il credito dei procedenti risultava integralmente soddisfatto, sicche’ riteneva venuto meno l’interesse ad agire nel giudizio di accertamento in parola;
la Corte di appello dichiarava inammissibile il gravame per difetto di procura, con pronuncia cassata da questa Corte e, all’esito della susseguente riassunzione, rigettava l’impugnazione confermando la decisione del Tribunale e rilevando, quanto alle spese del correlato processo di esecuzione, che i procedenti non avevano il diritto al relativo rimborso atteso il complessivo esito processuale riassunto;
avverso questa decisione ricorrono per cassazione (OMISSIS) e (OMISSIS) formulando due motivi;
resiste con controricorso solamente l’ENAP;
il processo e’ stato rinviato all’udienza pubblica con ordinanza interlocutoria della Sesta Sezione n. 17852 del 2019;
le parti hanno depositato memorie;
Rilevato che:
con il primo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli articoli 91, 93, 95 c.p.c., in relazione all’articolo 100 c.p.c., poiche’ la Corte di appello avrebbe errato nell’omettere di accertare il debito del terzo, al momento della notifica del pignoramento, cosi’ da permettere la ripresa del relativo procedimento coattivo e, pertanto, al giudice dell’esecuzione di liquidare le spese ivi sostenute dai pignoranti che ne avevano diritto;
con il secondo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli articolo 91 c.p.c., L. 31 dicembre 2012, n. 247, articolo 3, comma 6 e del Decreto Ministeriale 10 marzo 2014, n. 55, poiche’ la Corte di appello avrebbe errato nel liquidare in eccesso, per scaglione, le spese del giudizio in riassunzione davanti a se’, in cui non vi era stata attivita’ istruttoria;
Rilevato che:
il primo motivo e’ fondato, con assorbimento del secondo;
e’ stato chiarito che il giudice dell’esecuzione, quando provvede alla distribuzione o assegnazione del ricavato o del pignorato al creditore procedente e ai creditori intervenuti, determinando la parte a ciascuno spettante per capitale, interessi e spese, effettua accertamenti funzionali alla soddisfazione coattiva dei diritti fatti valere nel processo esecutivo e, conseguentemente, il provvedimento di liquidazione delle spese dell’esecuzione, in tal caso ammissibile, implica un accertamento strumentale alla distribuzione o assegnazione stessa, privo di forza esecutiva e di giudicato al di fuori del processo in cui e’ stato adottato, sicche’ le suddette spese, quando e nella misura in cui restino insoddisfatte, sono irripetibili (Cass., 05/10/2018, n. 24571, e succ. conf.);
questa ricostruzione spiega cosi’ che la liquidazione delle spese del processo esecutivo viene fatta nei limiti della capienza del ricavato;
per accertare se vi e’ capienza, pertanto, e’ necessario procedere, nel pignoramento presso terzi, all’accertamento dell’obbligo del terzo, ovvero dell’eventuale sussistenza di un credito assegnabile e, come tale, perimetro di quella capienza;
il fatto che il credito per cui si procede (“per ogni titolo sussistente” scrive la Corte territoriale a pag. 4), sia stato soddisfatto in altra procedura, se non giustifica la richiesta al giudice di quest’ultima di liquidazione delle spese di quella, distinta, originante in questa ipotesi il giudizio ex articolo 548 c.p.c. (come afferma Cass., 17/04/1984, n. 3786, menzionata dal giudice di appello), non puo’ escludere, pero’, la legittimita’ del recupero delle spese processuali sostenute nella procedura coattiva presso terzi in parola, portandola a termine in mancanza di rinuncia;
naturalmente il debitore esecutato potra’ sempre chiedere al giudice dell’esecuzione una liquidazione (come visto) endoprocedimentale da effettuare, cioe’, per poter definire tale debenza e, allora, privare il creditore procedente, e attore del giudizio di accertamento dell’obbligo del terzo, dell’interesse a coltivare quest’ultimo: ma, in difetto, la domanda volta a perimetrare l’eventuale capienza e, quindi, a ottenere, nei limiti di questa, la rifusione delle discusse e sostenute spese, non trova ragioni normative escludenti;
spese al giudice del rinvio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo, cassa la decisione impugnata e rinvia alla Corte di appello di Milano perche’, in altra composizione, pronunci anche sulle spese di legittimita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui