Comportamento del lavoratore contrario al c.d. minimo etico

47

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|9 luglio 2021| n. 19588.

Comportamento del lavoratore contrario al c.d. minimo etico.

La predeterminazione dell’illecito e l’affissione del codice disciplinare sono superflue nelle ipotesi di comportamento del lavoratore contrario al c.d. minimo etico, essendo in tal caso la condotta addebitata immediatamente percepibile dal dipendente come illecita.

Ordinanza|9 luglio 2021| n. 19588. Comportamento del lavoratore contrario al c.d. minimo etico

Data udienza 26 gennaio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: LAVORO ED OCCUPAZIONE – LICENZIAMENTO – Comportamento del lavoratore contrario al c.d. minimo etico –  DISCIPLINARE

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Presidente

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere

Dott. BOGHETICH Elena – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 28054/2017 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS) S.P.A, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;
– controricorrente –
avverso la sentenza della CORTE D’APPELLO di ANCONA, depositata il 22/09/2017 F.G.N. 316/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 26/01/2021 dal Consigliere Dott. ELENA BOGHETICH.

FATTI DI CAUSA

1. Con sentenza del 22.9.2017 la Corte di appello di Ancona, confermando la pronuncia del Tribunale di Pesaro, ha respinto la domanda di annullamento del licenziamento per giusta causa intimato, in data 22.9.2014, da (OMISSIS) s.p.a. a (OMISSIS) per aver consentito – in qualita’ di impiegata (quadro direttivo) direttrice di filiale – numerose operazioni irregolari in posizione di conflitto di interessila banca Euromobiliare Capasso senza effettuare le dovute valutazioni ai fini della normativa antiriciclaggio.
2. La Corte territoriale, ritenuti provati tutti gli addebiti contestati (per i quali ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica territorialmente competente), ha rilevato che le condotte erano connotate da intenzionalita’ finalisticamente orientata a mettere all’incasso polizze assicurative della cliente (OMISSIS) procurando (mediante la modifica del beneficiario) un ingiusto profitto alla madre della (OMISSIS), come poteva desumersi dalla impressionante catena di irregolarita’ successive enunciate in ordine cronologico nella lettera di contestazione, cosi’ integrando non solo la violazione del codice etico (diffuso in rete e ben conosciuto dalla funzionaria) ma altresi’ del piu’ elementare dovere di diligenza e degli obblighi di fedelta’, correttezza e buona fede di cui agli articoli 1175, 1376 e 2105 c.c., (considerato, in particolare il ruolo svolto dalla dipendente e il grado di fiducia richiesta), con conseguenti “gravissimi effetti dannosi per la datrice di lavoro in termini sia morali (gravissimo danno di immagine) e patrimoniali, esponendo la banca alle azioni risarcitorie degli eredi della (OMISSIS)”.
3. Per la cassazione di tale sentenza la (OMISSIS) ha proposto ricorso affidato a due motivi. La banca ha resistito con controricorso, illustrato da memoria.

CONSIDERATO IN DIRITTO

CHE:
1. Con il primo motivo di ricorso si denunzia violazione e falsa applicazione della L. n. 300 del 1970, articolo 7, L. n. 604 del 1966, articolo 6, e L. n. 183 del 2010, articolo 30, (in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3) avendo, la Corte distrettuale, trascurato che il codice etico della banca prevede solamente precetti senza alcuna correlazione con delle sanzioni. Tale corrispondenza e’ postulata dalla L. n. 300 del 1970, articolo 7, e confermata dalla L. n. 604 del 1966, articolo 6, e L. n. 183 del 2010, articolo 30, che rinviano ai contratti collettivi quali parametri cui il giudice deve relazionarsi per confermare o annullare la sanzione disciplinare.
2. Con il secondo motivo si deduce violazione e falsa applicazione della L. n. 300 del 1970, articolo 7, (in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3) dovendo ritenere violata la previsione della pubblicazione del codice disciplinare sia in quanto non corredato dalle sanzioni disciplinari sia perche’ diffuso tra i dipendenti in via informatica (e mai affisso).
3. I motivi di ricorso, che possono trattarsi congiuntamente per la loro stretta connessione, sono inammissibili mancando ogni riferimento alla ratio decidendi del provvedimento impugnato.
Secondo la giurisprudenza di questa Corte, “la proposizione, mediante il ricorso per cassazione, di censure prive di specifica attinenza al decisum della sentenza impugnata comporta l’inammissibilita’ del ricorso per mancanza di motivi che possono rientrare nel paradigma normativo di cui all’articolo 366 c.p.c., comma 1, n. 4. Il ricorso per cassazione, infatti, deve contenere, a pena di inammissibilita’, i motivi per i quali si richiede la cassazione, aventi carattere di specificita’, completezza e riferibilita’ alla decisione impugnata, il che comporta l’esatta individuazione del capo di pronunzia impugnata e l’esposizione di ragioni che illustrino in modo intelligibile ed esauriente le dedotte violazioni di norme o principi di diritto, ovvero le carenze della motivazione…” (Cass. 3.8.2007 n. 17125 e negli stessi termini Cass. 25.9.2009 n. 20652).
3.1. Nel caso di specie difetta la necessaria riferibilita’ delle censure alla motivazione della sentenza impugnata, in quanto la Corte territoriale non ha affermato che la ragione del licenziamento e’ da rinvenire nella violazione di prescrizioni specifiche, di natura tecnico-operativa, descritte nel codice etico, bensi’ ha ritenuto che la dipendente si era resa inadempiente ai generali obblighi di diligenza, correttezza, buona fede previsti dal codice civile, anche in considerazione del ruolo professionale rivestito e del conseguente, piu’ intenso, vincolo fiduciario con il datore di lavoro.
3.2. Le censure non colgono, dunque, la ratio decidendi perche’ la ricorrente insiste sulla mancata correlazione tra infrazioni e sanzioni disciplinari nell’ambito del codice disciplinare della banca ma nulla deduce sul consolidato orientamento giurisprudenziale, (da questo Collegio condiviso) posto a fondamento della pronuncia impugnata in base al quale nelle ipotesi di condotta contraria al c.d. minimo etico (ossia quando la condotta addebitata sia immediatamente percepibile dal lavoratore come illecito) la predeterminazione dell’illecito e l’affissione del codice disciplinare – seno superflue (Cass. n. 17763 del 2004, Cass. n. 1926 del 2011, Cass. n. 13414 del 2013, Cass. n. 7105 del 2014).
4. il ricorso va, pertanto, dichiarato inammissibile con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita’ ex articolo 91 c.p.c., liquidate come da dispositivo;
5. Sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17 (legge di stabilita’ 2013), ove dovuto.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente a pagare le spese del presente giudizio di legittimita’ liquidate in Euro 200,00 per esborsi e in Euro 6.000,00 per compensi professionali, oltre spese generali al 15% ed accessori di legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis, se dovuto.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui