Categoria: Corte Costituzionale 2015

Corte Costituzionale, sentenza n. 260 dell’11 dicembre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 40, comma 1-bis, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 9 agosto 2013, n. 98, nella parte in cui prevede che l’art. 3, comma 6, primo periodo, del decreto-legge 30 aprile 2010, n. 64, convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 29 giugno 2010, n. 100, si interpreta nel senso che alle fondazioni lirico-sinfoniche, fin dalla loro trasformazione in soggetti di diritto privato, non si applicano le disposizioni di legge che prevedono la stabilizzazione del rapporto di lavoro come conseguenza della violazione delle norme in materia di stipulazione di contratti di lavoro subordinato a termine

Sentenza  260/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore SCIARRA Camera di Consiglio del 10/06/2015    Decisione  del 01/12/2015 Deposito del 11/12/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 40, c. 1° bis, del decreto legge […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 262 dell’11 dicembre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 2941, numero 7), del codice civile, nella parte in cui non prevede che la prescrizione sia sospesa tra la società in nome collettivo e i suoi amministratori, finché sono in carica, per le azioni di responsabilità contro di essi.

Sentenza  262/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore SCIARRA Camera di Consiglio del 02/12/2015    Decisione  del 02/12/2015 Deposito del 11/12/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 2941, n. 7), del codice civile. Massime: […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 236 del 19 novembre 2015. Dichiarata non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 11, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 (Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell’articolo 1, comma 63, della legge 6 novembre 2012, n. 190), in relazione all’art. 10, comma 1, lettera c), del medesimo decreto legislativo, sollevata, in riferimento agli artt. 2, 4, secondo comma, 51, primo comma, e 97, secondo comma, della Costituzione, dal Tribunale amministrativo regionale per la Campania con l’ordinanza indicata in epigrafe

  Sentenza  236/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore de PRETIS Udienza Pubblica del 20/10/2015    Decisione  del 20/10/2015 Deposito del 19/11/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 11, c. 1°, lett. a), del […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 230 dell’11 novembre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 80, comma 19, della legge 23 dicembre 2000, n. 388 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2001), nella parte in cui subordina al requisito della titolarità della carta di soggiorno la concessione agli stranieri legalmente soggiornanti nel territorio dello Stato della pensione di invalidità civile per sordi e della indennità di comunicazione

Sentenza  230/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore GROSSI Camera di Consiglio del 07/10/2015    Decisione  del 07/10/2015 Deposito del 11/11/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 80, c. 19°, della legge 23/12/2000, n. […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 229 dell’11 novembre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 13, commi 3, lettera b), e 4 della legge 19 febbraio 2004, n. 40 (Norme in materia di procreazione medicalmente assistita), nella parte in cui contempla come ipotesi di reato la condotta di selezione degli embrioni anche nei casi in cui questa sia esclusivamente finalizzata ad evitare l’impianto nell’utero della donna di embrioni affetti da malattie genetiche trasmissibili rispondenti ai criteri di gravità di cui all’art. 6, comma 1, lettera b), della legge 22 maggio 1978, n. 194 (Norme per la tutela della maternità e sulla interruzione della gravidanza) e accertate da apposite strutture pubbliche

Sentenza  229/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore MORELLI Udienza Pubblica del 06/10/2015    Decisione  del 21/10/2015 Deposito del 11/11/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 13, c. 3°, lett. b), e 4°, e […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 216 del 5 novembre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 26 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 22 dicembre 2011, n. 214

Sentenza  216/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore de PRETIS Camera di Consiglio del 07/10/2015    Decisione  del 07/10/2015 Deposito del 05/11/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 26 del decreto legge 06/12/2011, n. […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 205 depositata il 22 ottobre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 72 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell’articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53), nella versione antecedente alle novità introdotte dall’art. 20 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 80 (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183), nella parte in cui, per il caso di adozione nazionale, prevede che l’indennità di maternità spetti alla madre libera professionista solo se il bambino non abbia superato i sei anni di età

Sentenza 205/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore SCIARRA Udienza Pubblica del 06/10/2015 Decisione del 07/10/2015 Deposito del 22/10/2015 Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 72 del decreto legislativo 26/03/2001, n. 151. […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 198 del 2015. Dichiarata non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 186, comma 9-bis, quarto periodo, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), sollevata, in riferimento all’art. 3 della Costituzione, dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale ordinario di Rovereto, con l’ordinanza indicata in epigrafe

Sentenza  198/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore ZANON Camera di Consiglio del 23/09/2015    Decisione  del 23/09/2015 Deposito del 09/10/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 186, c. 9° bis, quarto periodo, del […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 192 del 24 settembre 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 106-bis del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia − Testo A), come introdotto dall’art. 1, comma 606, lettera b), della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato − legge di stabilità 2014), nella parte in cui non esclude che la diminuzione di un terzo degli importi spettanti all’ausiliario del magistrato sia operata in caso di applicazione di previsioni tariffarie non adeguate a norma dell’art. 54 dello stesso d.P.R. n. 115 del 2002

Sentenza  192/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore ZANON Camera di Consiglio del 08/07/2015    Decisione  del 08/07/2015 Deposito del 24/09/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 4, c. 2°, della legge 08/07/1980, n. […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 189 del 24 luglio 2015. 1) dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 41, comma 4, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 (Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 9 agosto 2013, n. 98; 2) dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 56-bis, comma 11, del d.l. n. 69 del 2013, convertito, con modificazioni dall’art. 1, comma 1, della legge n. 98 del 2013;

Sentenza  189/2015 Giudizio Presidente CARTABIA – Redattore SCIARRA Udienza Pubblica del 09/06/2015    Decisione  del 09/06/2015 Deposito del 24/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Artt. 18, c. 9°, 41, c. 4°, e 56 […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 184 del 23 luglio 20115. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 2-bis, della legge 24 marzo 2001, n. 89 (Previsione di equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo e modifica dell’articolo 375 del codice di procedura civile), nella parte in cui prevede che il processo penale si considera iniziato con l’assunzione della qualità di imputato, ovvero quando l’indagato ha avuto legale conoscenza della chiusura delle indagini preliminari, anziché quando l’indagato, in seguito a un atto dell’autorità giudiziaria, ha avuto conoscenza del procedimento penale a suo carico

Sentenza  184/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore LATTANZI Camera di Consiglio del 08/07/2015    Decisione  del 08/07/2015 Deposito del 23/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 2, c. 2° bis e 2° quater, […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 178 del23 luglio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale sopravvenuta, a decorrere dal giorno successivo alla pubblicazione di questa sentenza nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica e nei termini indicati in motivazione, del regime di sospensione della contrattazione collettiva, risultante da: art. 16, comma 1, lettera b), del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 15 luglio 2011, n. 111, come specificato dall’art. 1, comma 1, lettera c), primo periodo, del d.P.R. 4 settembre 2013, n. 122 (Regolamento in materia di proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti, a norma dell’articolo 16, commi 1, 2 e 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111); art. 1, comma 453, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2014) e art. 1, comma 254, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2015)

Sentenza  178/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore SCIARRA Udienza Pubblica del 23/06/2015    Decisione  del 24/06/2015 Deposito del 23/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 9, c. 1°, 2° bis, 17°, primo periodo, […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 171 del 16 luglio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 30-ter, comma 1, lettera b), del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91 (Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l’efficientamento energetico dell’edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 11 agosto 2014, n. 116, nella parte in cui non prevede la necessaria partecipazione al procedimento della Regione interessata

Sentenza  171/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore CARTABIA Udienza Pubblica del 07/07/2015    Decisione  del 07/07/2015 Deposito del 16/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 30 ter del decreto legge 24/06/2014, n. 91, […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 170 del 16 luglio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 13, comma 1, secondo periodo, del decreto legislativo 23 febbraio 2006, n. 109, recante «Disciplina degli illeciti disciplinari dei magistrati, delle relative sanzioni e della procedura per la loro applicabilità, nonché modifica della disciplina in tema di incompatibilità, dispensa dal servizio e trasferimento di ufficio dei magistrati, a norma dell’articolo 1, comma 1, lettera f), della legge 25 luglio 2005, n. 150», limitatamente alle parole da «quando ricorre» a «nonché»

Sentenza  170/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore GROSSI Udienza Pubblica del 23/06/2015    Decisione  del 23/06/2015 Deposito del 16/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 13, c. 1°, secondo periodo, del decreto legislativo […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 169 del 16 luglio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 5, comma 1-ter, del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47 (Misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 23 maggio 2014, n. 80

Sentenza  169/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore GROSSI Udienza Pubblica del 23/06/2015    Decisione  del 24/06/2015 Deposito del 16/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 5, c. 1° ter, del decreto legge 28/03/2014, […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 139 del 9 luglio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 517 del codice di procedura penale, nella parte in cui, nel caso di contestazione di una circostanza aggravante che già risultava dagli atti di indagine al momento dell’esercizio dell’azione penale, non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento il giudizio abbreviato relativamente al reato oggetto della nuova contestazione

  Sentenza  139/2015 Giudizio Presidente CARTABIA – Redattore FRIGO Udienza Pubblica del 26/05/2015    Decisione  del 26/05/2015 Deposito del 09/07/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 517 del codice di procedura penale. Massime: […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 109 del 15 giugno 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale degli artt. 666, comma 3, 667, comma 4, e 676 cod. proc. pen., nella parte in cui non consentono che, su istanza degli interessati, il procedimento di opposizione contro l’ordinanza in materia di applicazione della confisca si svolga, davanti al giudice dell’esecuzione, nelle forme dell’udienza pubblica

Sentenza  109/2015 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE Presidente CRISCUOLO – Redattore FRIGO Udienza Pubblica del 10/02/2015    Decisione  del 15/04/2015 Deposito del 15/06/2015   Pubblicazione in G. U. 17/06/2015  n. 24 Norme impugnate: […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 119 del 25 giugno 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, del decreto legislativo 5 aprile 2002, n. 77 (Disciplina del Servizio civile nazionale a norma dell’articolo 2 della L. 6 marzo 2001, n. 64), nella parte in cui prevede il requisito della cittadinanza italiana ai fini dell’ammissione allo svolgimento del servizio civile

  Sentenza  119/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore AMATO Camera di Consiglio del 13/05/2015    Decisione  del 13/05/2015 Deposito del 25/06/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 3, c. 1°, del decreto legislativo […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 98 del 5 giugno 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 53, comma 15, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche), nella parte in cui prevede che «I soggetti di cui al comma 9 che omettono le comunicazioni di cui al comma 11 incorrono nella sanzione di cui allo stesso comma 9».

  Sentenza  98/2015 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE Presidente CRISCUOLO – Redattore GROSSI Udienza Pubblica del 28/04/2015    Decisione  del 29/04/2015 Deposito del 05/06/2015   Pubblicazione in G. U. 10/06/2015  n. 23 Norme […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 113 del 18 giugno 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 45, comma 6, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), nella parte in cui non prevede che tutte le apparecchiature impiegate nell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità siano sottoposte a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura

Sentenza  113/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore CAROSI Camera di Consiglio del 29/04/2015    Decisione  del 29/04/2015 Deposito del 18/06/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 45 del codice della strada. Massime: Atti […]

Corte Costituzionale, sentenza del 5 giugno 2015, n. 96. Dichiarata l’illegittimità costituzionale degli artt. 1, commi 1 e 2, e 4, comma 1, della legge 19 febbraio 2004, n. 40 (Norme in materia di procreazione medicalmente assistita), nella parte in cui non consentono il ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita alle coppie fertili portatrici di malattie genetiche trasmissibili, rispondenti ai criteri di gravità di cui all’art. 6, comma 1, lettera b), della legge 22 maggio 1978, n. 194 (Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza), accertate da apposite strutture pubbliche

Sentenza  96/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore MORELLI Udienza Pubblica del 14/04/2015    Decisione  del 14/05/2015 Deposito del 05/06/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Artt. 1, c. 1° e 2°, e 4, c. […]

Corte Costituzionale, sentenza 28 maggio 2015, n. 94. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 198, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2013)», nella parte in cui non include tra i creditori che sono soddisfatti nei limiti e con le modalità ivi indicati anche i titolari di crediti da lavoro subordinato

  Sentenza  94/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore FRIGO Camera di Consiglio del 11/02/2015    Decisione  del 11/02/2015 Deposito del 28/05/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 1, c. 198°, 199°, 200°, 201°, […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 70 del 30 aprile 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 24, comma 25, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 22 dicembre 2011, n. 214, nella parte in cui prevede che «In considerazione della contingente situazione finanziaria, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall’art. 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, è riconosciuta, per gli anni 2012 e 2013, esclusivamente ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo INPS, nella misura del 100 per cento»

  Sentenza  70/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore SCIARRA Udienza Pubblica del 10/03/2015    Decisione  del 10/03/2015 Deposito del 30/04/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 24, c. 25°, del decreto legge 06/12/2011, […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 45 del 25 marzo 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 159, primo comma, del codice penale, nella parte in cui, ove lo stato mentale dell’imputato sia tale da impedirne la cosciente partecipazione al procedimento e questo venga sospeso, non esclude la sospensione della prescrizione quando è accertato che tale stato è irreversibile

    Sentenza  45/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore LATTANZI Camera di Consiglio del 14/01/2015    Decisione  del 14/01/2015 Deposito del 25/03/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 159, c. 1°, del codice […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 48, del 26 marzo 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 275, comma 3, secondo periodo, del codice di procedura penale, nella parte in cui – nel prevedere che, quando sussistono gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di cui all’art. 416-bis cod. pen., è applicata custodia cautelare in carcere, salvo che siano acquisiti elementi dai quali risulti che non sussistono esigenze cautelari – non fa salva, altresì, rispetto al concorrente esterno nel suddetto delitto, l’ipotesi in cui siano acquisiti elementi specifici, in relazione al caso concreto, dai quali risulti che le esigenze cautelari possono essere soddisfatte con altre misure

Sentenza  48/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore FRIGO Camera di Consiglio del 25/02/2015    Decisione  del 25/02/2015 Deposito del 26/03/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 275, c. 3°, secondo periodo, del codice […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 37 del 17 marzo 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 8, comma 24, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16 (Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 26 aprile 2012, n. 44; dichiarata, ai sensi dell’art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87, l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 14, del decreto-legge 30 dicembre 2013, n. 150 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 27 febbraio 2014, n. 15; dichiarata, ai sensi dell’art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87, l’illegittimità costituzionale dell’art 1, comma 8, del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative).

Sentenza  37/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore Zanon Udienza Pubblica del 24/02/2015    Decisione  del 25/02/2015 Deposito del 17/03/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 8, c. 24°, del decreto legge 02/03/2012, n. […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 23 del 27 febbraio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 459, comma 1, cod. proc. pen. (come sostituito dall’art. 37, comma 1, della legge 16 dicembre 1999, n. 479 – Modifiche alle disposizioni sul procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica e altre modifiche al codice di procedura penale. Modifiche al codice penale e all’ordinamento giudiziario. Disposizioni in materia di contenzioso civile pendente, di indennità spettanti al giudice di pace e di esercizio della professione forense), nella parte in cui prevede la facoltà del querelante di opporsi, in caso di reati perseguibili a querela, alla definizione del procedimento con l’emissione di decreto penale di condanna

Sentenza  23/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore NAPOLITANO Camera di Consiglio del 28/01/2015    Decisione  del 28/01/2015 Deposito del 27/02/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 459, c. 1°, del codice di procedura […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 5 del 27 gennaio 2015. Dichiarate inammissibili le richieste di referendum popolare ‒ dichiarate legittime, con ordinanze del 4 dicembre 2014, dall’Ufficio centrale per il referendum costituito presso la Corte di cassazione ‒ per l’abrogazione, nelle parti indicate in epigrafe, del comma 1 dell’art. 1 del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 155 (Nuova organizzazione dei tribunali ordinari e degli uffici del pubblico ministero, a norma dell’articolo 1, comma 2, della legge 14 settembre 2011, n. 148), come modificato dall’art. 1 del decreto legislativo 19 febbraio 2014, n.14 (Disposizioni integrative, correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 7 settembre 2012, n. 155, e 7 settembre 2012, n. 156, tese ad assicurare la funzionalità degli uffici giudiziari), della connessa Tabella A allegata al d.lgs. n. 155 del 2012, come sostituita dall’art. 1, comma 1, del d.lgs. n. 14 del 2014, e del comma 3 dell’art. 1 del d.lgs. n. 14 del 2014, nonché dell’Allegato II al medesimo d.lgs. n. 14 del 2014.

  Sentenza  5/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO – Redattore MATTARELLA Camera di Consiglio del 14/01/2015    Decisione  del 14/01/2015 Deposito del 27/01/2015   Pubblicazione in G. U. 28/01/2015  n. 4 Norme impugnate: 1° quesito referendario: abrogazione delle […]

Corte Costituzionale, sentenza n. 1 del 12 gennaio 2015. Dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 458 del codice di procedura penale e dell’art. 1, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 448 (Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni), nella parte in cui prevedono che, nel processo minorile, nel caso di giudizio abbreviato richiesto dall’imputato in seguito a un decreto di giudizio immediato, la composizione dell’organo giudicante sia quella monocratica del giudice per le indagini preliminari e non quella collegiale prevista dall’art. 50-bis, comma 2, del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12 (Ordinamento giudiziario).

Sentenza  1/2015 Giudizio Presidente NAPOLITANO – Redattore LATTANZI Camera di Consiglio del 05/11/2014    Decisione  del 12/01/2015 Deposito del 22/01/2015   Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Art. 458 del codice di procedura penale; art. […]