Al fine di stabilire la competenza per valore del giudice adito

8

Corte di Cassazione, sezione sesta (terza) civile, Ordinanza 28 agosto 2020, n. 17991.

Al fine di stabilire la competenza per valore del giudice adito (nella specie, giudice di pace in base all’art. 113, comma 2, c.p.c.), la rivalutazione monetaria, ove richiesta in aggiunta alla somma capitale ed agli interessi sino al momento della proposizione della domanda, si cumula, ai sensi dell’art. 10, comma 2 , c.p.c., con il capitale e gli interessi.

Ordinanza 28 agosto 2020, n. 17991

Data udienza 9 luglio 2020

Tag/parola chiave: Sinistro stradale – Competenza per valore – Cumulo della rivalutazione monetaria con capitale ed interessi sino al momento della domanda ex art. 10 comma 2 cpc

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

Dott. DELL’UTRI Marco – rel. Consigliere

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 7041-2019 proposto da:
(OMISSIS) SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo STUDIO LEGALE (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
COMUNE DI CASAMASSIMA, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende;
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 3617/2018 del TRIBUNALE di BARI, depositata il 22/08/2018;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 09/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. MARCO DELL’UTRI.

RILEVATO

Che:
con sentenza resa in data 22/8/2018, il Tribunale di Bari ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dalla (OMISSIS) s.r.l. avverso la sentenza con la quale il giudice di primo grado ha rigettato la domanda proposta dalla medesima societa’ per la condanna del Comune di Casamassima al risarcimento dei danni dalla stessa subiti a seguito del sinistro stradale dedotto in giudizio;
a fondamento della decisione assunta, il giudice d’appello ha evidenziato come la domanda originariamente proposta dalla societa’ attrice – in quanto di valore inferiore all’importo di Euro 1.100,00 – era stata decisa secondo equita’ dal giudice di pace, con la conseguente appellabilita’ della sentenza di primo grado esclusivamente per violazione di norme sul procedimento, per violazione di norme costituzionali
o comunitarie, ovvero dei principi regolatori della materia, ai sensi dell’articolo 339 c.p.c., comma 3;
cio’ posto, non avendo l’appellante indicato in modo espresso alcuna violazione di dette norme o principi, l’appello doveva ritenersi inammissibile, essendosi l’appellante peraltro limitata, in ogni caso, a contestare l’erronea valutazione delle circostanze di fatto da parte del primo giudice, senza alcuna doglianza riferibile alla violazione di norme o principi;
avverso la sentenza d’appello, la (OMISSIS) s.r.l. propone ricorso per cassazione sulla base di due motivi d’impugnazione;
il Comune di Casamassima resiste con controricorso;
a seguito della fissazione della camera di consiglio, sulla proposta di definizione del relatore emessa ai sensi dell’articolo 380-bis c.p.c., (OMISSIS) s.r.l. ha presentato memoria.

CONSIDERATO

Che:
con il primo motivo, la societa’ ricorrente censura la sentenza impugnata per violazione degli articoli 10 e ss., dell’articolo 113, comma 2, e dell’articolo 339 c.p.c., comma 3, (in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3), per avere il giudice d’appello erroneamente ritenuto che la domanda originariamente proposta dalla societa’ attrice fosse di valore inferiore all’importo di Euro 1.100,00, non avendo tenuto conto dell’importo che si sarebbe venuto a determinare con l’aggiunta degli interessi e della rivalutazione monetaria rivendicate contestualmente al capitale;
il motivo e’ manifestamente infondato;
osserva il Collegio come, secondo il consolidato insegnamento della giurisprudenza di questa Corte, al fine di stabilire la competenza per valore del giudice adito (nella specie, giudice di pace in base all’articolo 113 c.p.c., comma 2), la rivalutazione monetaria, ove richiesta in aggiunta alla somma capitale e agli interessi sino al momento della proposizione della domanda, si cumula, ai sensi dell’articolo 10 c.p.c., comma 2, con il capitale e gli interessi (cfr. Sez. 3, Sentenza n. 4994 del 26/02/2008, Rv. 601750 – 01);
nella specie, il giudice a quo ha espressamente rilevato come, calcolando il valore della domanda aggiungendo, al capitale espressamente richiesto nell’importo di Euro 1.022,54, gli interessi e la rivalutazione dalla data del sinistro alla data di proposizione della domanda, detto valore complessivo era venuto determinandosi nella somma di Euro 1.051,28, come tale inferiore ai limiti previsti ai fini delle pronunce secondo equita’;
cio’ posto, del tutto infondata deve ritenersi l’odierna contestazione della ricorrente, avendo quest’ultima irritualmente preteso di considerare rilevante, ai fini della determinazione del valore della domanda all’atto della relativa proposizione, le somme che si sarebbero eventualmente aggiunte in corso di causa a titolo di rivalutazione e interessi, trattandosi di circostanze temporalmente posteriori al momento della decisione e meramente eventuali (si pensi, a titolo di esempio, all’ipotesi di un eventuale pagamento, totale o parziale, del risarcimento in corso di causa, di per se’ idoneo a interrompere il decorso di quelle voci);
con secondo motivo, la ricorrente censura la sentenza impugnata per violazione dell’articolo 113 c.p.c., comma 2 e dell’articolo 339 c.p.c., comma 3, (in relazione all’articolo 360 c.p.c., n. 3), per avere la corte territoriale erroneamente ritenuto che, con l’atto d’appello, l’odierna ricorrente non avesse contestato la violazione dei principi regolatori della materia, segnatamente con riguardo al principio desumibile dall’articolo 2051 c.c. in materia di responsabilita’ da custodia, essendo rimasti pacifici e incontestati i fatti di causa;
il motivo e’ manifestamente infondato;
osserva al riguardo il Collegio come, attraverso l’appello proposto, l’odierna societa’ ricorrente ebbe a contestare unicamente la violazione della norma (l’articolo 2051 c.c.) individuata quale fonte normativa destinata a disciplinare la materia controversa, astenendosi integralmente dall’esatta individuazione del principio regolatore eventualmente richiamabile a fondamento della decisione invocata;
in tal senso, avendo l’appellante posto unicamente una questione di semplice applicabilita’ dell’articolo 2051 c.c., deve escludersi che lo stesso abbia posto a fondamento della propria impugnazione la violazione dei c.d. principi regolatori della materia, non avendo propriamente individuato i canoni equitativi, dirimente ai fini della risoluzione della controversia, eventualmente violati;
sulla base di tali premesse, rilevata la complessiva manifesta infondatezza delle censure esaminate, dev’essere pronunciato il rigetto del ricorso, cui segue la condanna della societa’ ricorrente al rimborso, in favore del Comune controricorrente, delle spese del presente giudizio, secondo la liquidazione di cui al dispositivo, oltre l’attestazione della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dell’articolo 1-bis, dello stesso articolo 13.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al rimborso, in favore del controricorrente, delle spese del giudizio di legittimita’, liquidate in Euro 700,00, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00, e agli accessori come per legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dell’articolo 1-bis, dello stesso articolo 13.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui