Ai fini dell’usucapione e il requisito della non clandestinità

126

Corte di Cassazione, civile, Ordinanza|30 aprile 2021| n. 11465.

Ai fini dell’usucapione, il requisito della non clandestinità va riferito non agli espedienti che il possessore potrebbe attuare per apparire proprietario, ma al fatto che il possesso sia stato acquistato ed esercitato pubblicamente, cioè in modo visibile a tutti o almeno ad un’apprezzabile ed indistinta generalità di soggetti e non solo dal precedente possessore o da una limitata cerchia di persone che abbiano la possibilità di conoscere la situazione di fatto soltanto grazie al proprio particolare rapporto con quest’ultimo. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di appello che aveva accertato l’avvenuto acquisto per usucapione della proprietà di un dipinto oggetto di furto, che il possessore aveva ricevuto in donazione e tenuto per circa quaranta anni appeso alla parete del salotto della sua abitazione, sul rilievo che il bene, pur collocato in modo conforme alla sua destinazione tipica, non era stato oggetto di possesso pubblico e non clandestino, perché destinato ad essere visibile solo dalla ristretta cerchia di persone che frequentavano la casa).

Ordinanza|30 aprile 2021| n. 11465

Data udienza 9 febbraio 2021

Integrale

Tag/parola chiave: Proprietà – Dipinto – Opera d’arte provento di furto – Acquisto proprietà per usucapione – Requisito della non clandestinità ex art. 1163 c.c. – Acquisto ed esercizio pubblico del possesso – Fondamento giuridico

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GORJAN Sergio – Presidente

Dott. ABETE Luigi – Consigliere

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere

Dott. VARRONE Luca – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul sul ricorso 14826-2016 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS);
– intimata –
avverso la sentenza n. 2844/2015 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA, depositata il 10/12/2015;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 09/02/2021 dal Consigliere Dott. LUCA VARRONE.

FATTI DI CAUSA

1. (OMISSIS) agiva in giudizio per ottenere l’accertamento dell’acquisto del diritto di proprieta’ per usucapione di un dipinto di (OMISSIS) intitolato “(OMISSIS)” compendio del delitto di furto commesso in (OMISSIS) presso l’abitazione di (OMISSIS). L’attrice a sostegno della domanda deduceva di aver ricevuto il dipinto in donazione nell’anno 1965 (anno poi corretto nel 1966) da (OMISSIS) con il quale aveva avuto una relazione da cui erano nati due figli, affinche’ se ne potesse servire per le esigenze della famiglia. Lei nel 2004 aveva deciso di vendere il dipinto avvalendosi della casa d’aste (OMISSIS) e, in tale occasione, ne aveva appreso la provenienza illecita. Il quadro era sottoposto a sequestro penale e la stessa era stata anche indagata per il reato di ricettazione.
Nel corso del giudizio l’attrice integrava la domanda chiedendo l’accertamento dell’acquisto del diritto di proprieta’ per donazione o e in subordine ai sensi dell’articolo 1153 c.c. o per usucapione.
Si costituiva in giudizio (OMISSIS), erede di (OMISSIS), chiedendo in via riconvenzionale l’accertamento della proprieta’ del dipinto e chiedendone anche la restituzione.
2. Il Tribunale di Verona rigettava la domanda dell’attrice e accoglieva la domanda riconvenzionale del convenuto.
3. (OMISSIS) proponeva appello avverso la suddetta sentenza.
4. La Corte d’Appello di Venezia accoglieva l’impugnazione e in riforma della sentenza del Tribunale di Verona accertava che l’appellante (OMISSIS) aveva acquistato per usucapione il diritto di proprieta’ sul dipinto di Francesco (OMISSIS) intitolato “(OMISSIS)”.
Secondo il collegio giudicante dall’istruttoria era emerso che il dipinto, una volta ricevuto dalla (OMISSIS) da parte di (OMISSIS), fino al 2004 era sempre stato appeso nel salotto dell’abitazione di costei la quale ne aveva avuto pertanto il possesso in modo continuo, pacifico e pubblico. A tal proposito la Corte non condivideva l’apprezzamento del Tribunale secondo il quale il quadro, pur collocato in modo conforme alla sua destinazione tipica, non era stato oggetto di un possesso pubblico, perche’ destinato ad essere visibile solo da una ristretta cerchia di persone che frequentavano la casa. A parere della Corte d’Appello la destinazione del quadro era del tutto consona alla sua natura e determinava che il possesso dovesse considerarsi pubblico in conformita’ con alcuni orientamenti della Corte di Cassazione.
5. (OMISSIS) ha proposto ricorso per cassazione avverso la suddetta sentenza sulla base di due motivi e con memoria depositata in prossimita’ dell’udienza ha insistito nella richiesta di accoglimento del ricorso.6. (OMISSIS) non si e’ costituita.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo di ricorso e’ cosi’ rubricato: violazione dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5 in relazione all’insufficiente incongrua e contraddittoria motivazione circa fatti controversi e decisivi per il giudizio.
A parere del ricorrente la Corte d’Appello avrebbe ritenuto con motivazione del tutto insoddisfacente che la (OMISSIS) avesse dato al dipinto in oggetto una destinazione del tutto consona alla sua natura avendolo appeso ad una ad una parete del salotto della sua abitazione privata. E tuttavia la Corte d’Appello non avrebbe chiarito quale fosse la destinazione consona alla natura di un quadro oggetto di furto e non avrebbe spiegato perche’ la mera presenza in una casa privata integrasse tale requisito. Infatti, trattandosi di un quadro oggetto di furto non si poteva ritenere che la mera esposizione del bene in un luogo privato, inaccessibile a soggetti esperti del campo, non divulgata all’esterno con nessun mezzo, fosse di per se’ un fatto idoneo a raggiungere la reale destinazione del bene. Infatti, non appena il dipinto era stato portato al di fuori della stretta cerchia di conoscenze e la sua esistenza era stata effettivamente resa pubblica ne era subito emersa la provenienza illecita. In altri termini appena eliminata la clandestinita’ il possesso era stato immediatamente interrotto.
2. Il secondo motivo di ricorso e’ cosi’ rubricato: violazione dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3 in relazione alla violazione o falsa applicazione dell’articolo 1161 c.c., articolo 1163 c.c. e ss..
La censura ha ad oggetto il requisito della pubblicita’ e della non clandestinita’ del possesso, ai fini dell’acquisto della proprieta’ per usucapione. A parere della ricorrente la sentenza impugnata sarebbe erronea nella parte in cui ha affermato che il fatto che il dipinto (OMISSIS) fosse sempre appeso nel salotto dell’abitazione della signora (OMISSIS) conformemente alla sua destinazione tipica e che cio’ integrasse il requisito del possesso pubblico richiesto dall’articolo 1163 c.c.
In tal modo vi sarebbe stata una non corretta applicazione degli articoli dal 1161 al 1163 c.c. che non avrebbe tenuto in considerazione l’evoluzione giurisprudenziale in tema di pubblicita’ e non clandestinita’ del possesso ai fini dell’usucapione.
In tal senso il ricorrente cita alcune sentenze di questa Corte, evidenziando che il concetto di possesso non clandestino deve necessariamente passare attraverso la concreta possibilita’ del possessore illegittimo del bene di prendere conoscenza del possesso altrui non richiedendone tuttavia un’effettiva conoscenza. Nel caso in esame tale conoscibilita’ in astratto non era possibile. Il dipinto infatti era custodito nel salotto dell’abitazione privata della signora (OMISSIS) e non era visibile in un luogo pubblico, in quanto nell’appartamento si accedeva solo per volonta’ della proprietaria e non vi poteva accedere un numero indistinto di persone, ma solo un ristretto numero di conoscenti e amici. Il dipinto “(OMISSIS)” non era mai piu’ circolato successivamente al furto del (OMISSIS) non era mai stato esposto in mostre e non era nemmeno mai stato sottoposto a un restauro. Il giudice dell’appello non aveva deciso le questioni di diritto in modo conforme alla giurisprudenza della corte di cassazione.
2.1 Il secondo motivo e’ fondato e il suo accoglimento determina l’assorbimento del primo.
Questa Corte con indirizzo oramai consolidato ha affermato il seguente principio di diritto cui il collegio intende dare continuita’: Ai fini dell’usucapione, il requisito della non clandestinita’ va riferito non agli espedienti che il possessore potrebbe attuare per apparire proprietario, ma al fatto che il possesso sia stato acquistato ed esercitato pubblicamente, cioe’ in modo visibile a tutti o almeno ad un’apprezzabile ed indistinta generalita’ di soggetti e non solo dal precedente possessore o da una limitata cerchia di persone che abbiano la possibilita’ di conoscere la situazione di fatto soltanto grazie al proprio particolare rapporto con quest’ultimo (Sez. 2, Sent. n. 16059 del 2019, Sez. Sez. 2, Sent. n. 17881 del 2013 e Sez. 2, Sent. n. 11624 del 2008).
In particolare, come e’ stato gia’ affermato da questa Corte, il requisito della non clandestinita’, richiesto dall’articolo 1163 c.c., va riferito al fatto che il possesso sia stato acquistato ed esercitato pubblicamente, cioe’ in modo visibile e non occulto, cosi’ da palesare l’animo del possessore di voler assoggettare la cosa al proprio potere senza che sia necessaria l’effettiva conoscenza da parte del preteso danneggiato (v. Cass. 17-7-1998 n. 6997; Cass. 14-5- 1979 n. 2800; Cass. 10-4-1973 n. 1021; Cass. 9-10-1970 n. 1910). In altri termini, ai fini dell’accertamento della mancanza di clandestinita’, e’ necessario che il possesso sia acquistato ed esercitato pubblicamente in modo visibile a tutti o almeno ad un’apprezzabile ed indistinta generalita’ di soggetti e non solo al precedente possessore o ad una limitata cerchia di persone che abbiano la possibilita’ di conoscere la situazione di fatto soltanto grazie al proprio particolare rapporto col possessore (Nel caso di specie, la Corte ha cassato la sentenza di secondo grado che aveva ritenuto pubblico il possesso di un vano accessibile solo mediante una botola d’ingresso, situata in un retrobottega, visibile solo a chi avesse la possibilita’ di entrare nel locale) (Cass. 9-5- 2008 n. 11624).
Il suddetto principio e’ stato applicato da questa Corte anche in una fattispecie analoga a quella in esame, ovvero riferita al possesso di un dipinto esercitato mediante una modalita’ di esercizio non sufficiente a garantire, nella prospettiva della ratio dell’articolo 1163 c.c., che “chiunque” potesse acquisire conoscenza che i dipinti erano nella materiale disponibilita’ del possessore ed eventualmente contestare tale possesso. In tale occasione si e’ anche affermato che in ambito di opere d’arte solo l’esposizione a mostre, ovvero l’inserimento in pubblicazioni specializzate, consenta la conoscibilita’ delle stesse (Sez. 2, Sent. n. 16059 del 2019).
La Corte d’Appello, pertanto, nel riformare la sentenza di primo grado che si era uniformata ai suddetti principi, ha erroneamente ritenuto che la circostanza che il quadro fosse rimasto appeso alla parte del salotto di (OMISSIS) rappresentasse una modalita’ idonea ad integrare un possesso pubblico e non clandestino.
3. In conclusione la Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, dichiara assorbito il primo, cassa e rinvia alla Corte d’Appello di Venezia in diversa composizione che provvedera’ anche alla liquidazione delle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, dichiara assorbito il primo, cassa e rinvia alla Corte d’Appello di Venezia in diversa composizione che provvedera’ anche sulle spese del giudizio di legittimita’.

 

In caso di diffusione omettere le generalità e gli altri dati identificativi dei soggetti interessati nei termini indicati.

Per aprire la pagina facebook @avvrenatodisa
Cliccare qui