responsabilita’ ex art. 2051 c.c.

/Tag: responsabilita' ex art. 2051 c.c.

La responsabilità per i danni causati dalla fauna selvatica è disciplinata dalle regole generali di cui all’art. 2043 c.c. e non dalle regole di cui all’art. 2052 c.c.

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 24 settembre 2018, n. 22525. La massima estrapolata: La responsabilità per i danni causati dalla fauna selvatica è disciplinata dalle regole generali di [...]

La stipula, da parte dell’amministrazione comunale, di un contratto di appalto avente ad oggetto l’esecuzione di lavori sulla pubblica via, non priva l’amministrazione committente della qualità di custode, ai sensi dell’articolo 2051 Cc

Corte di Cassazione, sezione terza civile, Ordinanza 12 luglio 2018, n. 18325. La massima estrapolata: La stipula, da parte dell'amministrazione comunale, di un contratto di appalto avente ad oggetto l'esecuzione [...]

Il condominio non risponde della caduta della condomina sulla ghiaia della strada privata.

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 4 luglio 2018, n. 17425. La massima estrapolata: Il condominio non risponde della caduta della condomina sulla ghiaia della strada privata. Le parti [...]

Il caso fortuito idoneo a fare venire meno la responsabilita’ del custode puo’ essere costituito anche dal comportamento colposo del danneggiato.

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 22 maggio 2018, n. 12579. La massima estrapolata: Il caso fortuito idoneo a fare venire meno la responsabilita' del custode puo' essere costituito [...]

In tema di responsabilita’ per colpa di cui all’articolo 2043 c.c., non e’ sufficiente – per affermarne la responsabilita’ in caso di danni provocati da un animale randagio – individuare semplicemente l’ente preposto alla cattura dei randagi ed alla custodia degli stessi

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 14 maggio 2018, n. 11591. La massima estrapolata: Ai fini dell'affermazione della responsabilita' degli enti evocati in giudizio e' necessaria la precisa individuazione [...]

In tema di responsabilita’ ex articolo 2051 c.c.

Corte di Cassazione, sezione terza civile, Ordinanza 9 maggio 2018, n. 11024 Le massime estrapolate L'applicazione delle regole di cui all'articolo 2051 c.c. presuppone sempre che il danneggiato dimostri il [...]

In ordine ai profili di colpa ex articolo 2051 c.c. del Condominio

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, Ordinanza 8 maggio 2018, n. 10986 La massima estrapolata Deve negarsi la ravvisabilita' in capo al Condominio di profili di colpa ex articolo 2051 [...]

L’articolo 2051 c.c., nel qualificare responsabile chi ha in custodia la cosa per i danni da questa cagionati, individua un criterio di imputazione della responsabilita’ che prescinde da qualunque connotato di colpa, sicche’ incombe al danneggiato allegare, dandone la prova, il rapporto causale tra la cosa e l’evento dannoso, indipendentemente dalla pericolosita’ o meno o dalle caratteristiche intrinseche della prima

Corte di Cassazione, sezione terza civile, ordinanza 19 aprile 2018, n. 9640. L'articolo 2051 c.c., nel qualificare responsabile chi ha in custodia la cosa per i danni da questa cagionati, [...]

Responsabile il condominio per la caduta della passante che inciampa nella piastrella mancante di vetrocemento che copre il sottostante lucernario condominiale

Corte di Cassazione, sezione terza civile, ordinanza 19 aprile 2018, n. 9625. Quando un manufatto svolge funzione di piano di calpestio di chi vi transita e di copertura di una [...]

In ordine alla responsabilità per insidia e trabocchetto, nel caso specifico, non è stata raggiunta la prova ne’ del fatto che la buca fosse realmente un’insidia ne’ della sussistenza del nesso di causalita’ tra la buca e l’evento lesivo.

Corte di Cassazione, sezione sesta civile, ordinanza 29 marzo 2018, n. 7887. In ordine alla responsabilità per insidia e trabocchetto, nel caso specifico, non è stata raggiunta la prova ne' [...]

Poiché la responsabilità ex art. 2051 c.c. implica la disponibilità giuridica e materiale del bene che dà luogo all’evento lesivo, al proprietario dell’immobile locato sono riconducibili in via esclusiva i danni arrecati a terzi dalle strutture murarie e dagli impianti in esse conglobati, di cui conserva la custodia anche dopo la locazione, mentre grava sul solo conduttore la responsabilità per i danni provocati a terzi dagli accessori e dalle altre parti dell’immobile, che sono acquisiti alla sua disponibilità.

Corte di Cassazione, sezione terza civile, ordinanza 27 marzo 2018, n. 7526. Poiché la responsabilità ex art. 2051 c.c. implica la disponibilità giuridica e materiale del bene che dà luogo [...]

Nell’ipotesi di danni cagionati a terzi dalla rottura di un contatore posto a servizio di un’abitazione ma collocato all’esterno di essa

Corte di Cassazione, sezione terza civile, ordinanza 27 marzo 2018, n. 7527. Cio' che rileva ai fini di cui all'articolo 2051 c.c., e' che il custode possa esercitare sulla cosa [...]

Carica Altri Articoli