amianto

/Tag:amianto

Corte di Cassazione, sezione IV, sentenza 5 gennaio 2016, n. 40. L’aggravante prevista per la violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro si applica anche se il decesso del lavoratore segue a malattia professionale. Se l’evento morte è previsto dall’aggravante di cui all’art. 589, comma 2, cod. pen., non può ritenersi ragionevole non equiparare gli infortuni sul lavoro, della più disparata eziologia, idonei a cagionare il decesso del lavoratore, alla malattia professionale che, sebbene analogamente originata dalla prestazione di lavoro, conduce ugualmente alla morte, benché dopo un lasso di tempo più lungo e che, dunque, dev’essere ricompresa nel concetto stesso di infortunio sul lavoro, rappresentando le alternative indicazioni di cui alla sopra richiamata norma, specificazioni meramente illustrative ad abundantiam

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza 5 gennaio 2016, n. 40 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUARTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 23 febbraio 2015, n. 7941. Non tutte le ipotesi di disastro previste dal Capo 1 del Titolo 6 del Libro 2 del codice penale (delitti contro l’incolumita’ pubblica) hanno di necessita’ le caratteristiche di un macroevento di immediata manifestazione esteriore, poiche’ ad esempio la frana – articolo 426 – puo’ consistere in spostamenti impercettibili che durano anni; l’inondazione puo’ consistere in un lentissimo estendersi delle acque in territori emersi. Sicche’ anche nel disastro innominato possono senz’altro essere ricondotti “non soltanto gli eventi disastrasi di grande immediata evidenza (crollo, naufragio, deragliamento ecc.) che si verificano magari in un arco di tempo ristretto, ma anche quegli eventi non immediatamente percepibili, che possono realizzarsi in un arco di tempo anche molto prolungato, che pure producano quella compromissione imponente delle caratteristiche di sicurezza, di tutela della salute e di altri valori della persona e della collettivita’ che consentono di affermare l’esistenza di una lesione della pubblica incolumita

Suprema Corte di Cassazione sezione I sentenza 23 febbraio 2015, n. 7941 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 26 febbraio 2015, n. 3957. In tema di benefici previdenziali in favore dei lavoratori esposti all’ amianto – ai fini del riconoscimento della maggiorazione del periodo contributivo ex art. 13, comma 8, della legge n. 257 del 1992 applicabile “ratione temporis” – occorre verificare se vi sia stato superamento della concentrazione media della soglia di esposizione all’amianto di 0,1 fibre per centimetro cubo, quale valore medio giornaliero su otto ore al giorno, avuto riguardo ad ogni anno utile compreso nel periodo contributivo ultradecennale in accertamento e non, invece, in relazione a tutto il periodo globale di rivalutazione, dovendosi ritenere il parametro annuale (esplicitamente considerato dalle disposizioni successive che hanno ridisciplinato la materia) quale ragionevole riferimento tecnico per determinare il valore medio e tenuto conto, in ogni caso, che il beneficio è riconosciuto per periodi di lavoro correlati all’anno. In effetti, ciò che rileva è l’esposizione media giornaliera nell’arco delle otto ore lavorative, che è cosa diversa dall’affermare che l’esposizione debba superare necessariamente il limite delle 0,1 ff/cc in ciascuna delle otto ore. Sul punto vale evidenziare che l’art. 24 del d.Lgs. n. 277/1991 – ratione temporis applicabile al caso in esame – prevede che l’esposizione alla poveri di amianto va calcolata “in rapporto ad un periodo di riferimento di otto ore..” evidentemente facendo riferimento all’esposizione media nell’arco di otto ore ( peraltro, anche l’art. 254 del d.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 al primo comma stabilisce che “Il valore limite di esposizione per l’amianto è fissato a 0,1 fibre per centimetro cubo di aria, misurato come media ponderata nel tempo di riferimento di otto ore’’)

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza  26 febbraio 2015, n. 3957 Fatto M. E. conveniva in giudizio l’INPS esponendo di aver ottenuto dall'INAIL il riconoscimento di alcuni periodi non [...]

Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza 1 ottobre 2014, n. 20734. La prova, che grava sul lavoratore, dell’esposizione all’amianto in misura superiore alle soglie previste dalla legge “deve essere valutata in termini di ragionevole certezza, nel senso che, esclusa la rilevanza della mera possibilita’ di una concentrazione di fibre qualificata, questa puo’ essere ravvisata in presenza di un elevato grado di probabilita

Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 1 ottobre 2014, n. 20734 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]