Inizio lavori ai sensi dell’art. 15 comma 2 D.P.R. n. 380/2001

25

Consiglio di Stato, sezione sesta, Sentenza 4 gennaio 2019, n. 102.

La massima estrapolata:

L’inizio lavori, ai sensi dell’art. 15, comma 2, D.P.R. n. 380/2001, deve intendersi riferito a concreti lavori edilizi che possono desumersi dagli indizi rilevati sul posto.

Sentenza 4 gennaio 2019, n. 102

Data udienza 20 dicembre 2018

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale
Sezione Sesta
ha pronunciato la presente
SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 8170 del 2017, proposto da:
Comune di (omissis), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall’avvocato Da. St., con domicilio eletto presso lo studio A. Pl. S.r.l. in Roma, via (…);
contro
St. Sn. Sas, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall’avvocato Ra. Me., con domicilio eletto presso lo studio avvocato Lu. Ca. Da. in Roma, via (…);
nei confronti
It. No. Onlus ed altri, non costituiti in giudizio;
per la revocazione
della sentenza del CONSIGLIO DI STATO – SEZ. VI, n. 4381/2017, resa tra le parti.
Visti il ricorso in revocazione e i relativi allegati;
Visto l’atto di costituzione in giudizio della St. Sn. S.a.s.;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nell’udienza pubblica del giorno 20 dicembre 2018 il Consigliere Oswald Leitner e uditi, per la ricorrente, l’avvocato Da. St. e, per la resistente, l’avvocato Ra. Me.;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO

Con sentenza del T.A.R. Basilicata, sez. I, 30 settembre 2014, n. 701 sono stati accolti i ricorsi riuniti (sub n. 232/2011 e n. 429/2013) e relativi motivi aggiunti proposti in prime cure da Sn. St. S.a.s. aventi ad oggetto l’impugnazione dei provvedimenti interdittivi dei lavori edilizi di ristrutturazione del fabbricato censito in Catasto alla particella n. (omissis) del foglio n. (omissis) sito nell’estremità occidentale del Centro Storico di Maratea in Vicolo (omissis).
Intervento previsto nel Piano di recupero del centro storico di Maratea (cfr. deliberazione consiliare n. 169 del 7.11.1985) ed autorizzato in forza di permesso di costruire del 18.8.2006 e di relativo nulla osta paesaggistico.
Sia l’ordinanza n. 18 del 24.3.2011 di sospensione dei lavori che il diniego di accertamento di conformità ex art. 36 d.P.R. 380/2001 – richiesto al fine di ottenere la sanatoria del muro di sostegno, realizzato dopo la scadenza quinquennale dell’autorizzazione paesaggistica ed in difformità dal suddetto permesso di costruire – sono stati impugnati da Sn. St. s.a.s. (d’ora in poi SNAT).
Con ulteriori motivi aggiunti sono stati di seguito impugnati il provvedimento attestante la decadenza del permesso di costruire, sul rilievo lavori non avevano avuto inizio entro il termine ex art. 15 DPR n. 380/2001 di 1 anno, sia l’ordinanza di demolizione di tutte le opere realizzate in esecuzione del citato permesso di costruire e conseguente rimessa in pristino dello stato dei luoghi.
Infine, con il terzo e quarto atto di motivi aggiunti sono state dedotte ulteriori censure avverso i provvedimenti del responsabile settore urbanistica (prot. nn. 16799 del 19.12.2012 e 8311 del 28.5.2013, atto, quest’ultimo, impugnato anche con autonomo ricorso, sì da giustificare la disposta riunione dei gravami).
Costituitosi in giudizio il Comune di (omissis), interventi ad opponendum i sigg. Al. As. ed altri, il Tribunale amministrativo regionale per la Basilicata ha respinto le eccezioni di rito ed accolto i ricorsi riuniti.
3. Ricostruita la vicenda storico fattuale dedotta in giudizio, richiamata la normativa applicabile, i giudici di prime cure sono giunti alla conclusione che:
la società è proprietaria dell’intero fabbricato in questione;
il permesso di costruire è stato regolarmente preceduto dal parere del responsabile del settore urbanistica, non essendo richiesto ai sensi ai sensi dell’art. 4, comma 2, DPR n. 380/2001quello della Commissione edilizia;
il responsabile del settore urbanistica aveva formalmente accolto l’istanza della ricorrente del 9.6.2009, volta ad ottenere la proroga di altri 3 anni del termine di ultimazione dei lavori, precisando espressamente che non vi erano “motivi ostativi alla prosecuzione dei lavori” con conseguente proroga del permesso di costruire estesa dal 18.8.2009 al 18.8.2012 e persistente efficacia dell’autorizzazione paesaggistica;
fosse illegittimo il silenzio rigetto serbato dal comune sull’istanza ex art. 36 d.P.R. n. 380/2001 del 21/23.5.2012, tendente ad ottenere la sanatoria dell’ampliamento di circa 20 mq. rispetto a quanto autorizzato dell’area di sedime del fabbricato, per aver realizzato il retrostante muro di contenimento, al fine di garantire una maggiore stabilità della sovrastante parete rocciosa;
conseguentemente, risultava infondata la dedotta violazione dell’art. 146 D.Lg.vo n. 42/2004, in quanto il divieto del rilascio dell’autorizzazione paesaggistica in sanatoria non si applica alle fattispecie, indicate dall’art. 167, comma 4, D.Lg.vo n. 42/2004, tra le quali risultano comprese le opere che non creano o aumentano le superfici utili ed i volumi e l’impiego di materiali in difformità dall’autorizzazione paesaggistica;
dovesse essere annullato il provvedimento di decadenza del permesso di costruire, in quanto la circostanza che i lavori non erano iniziati entro il termine ex art. 15 d.P.R. 380/2001 di 1 anno, si basava esclusivamente sul verbale del sopralluogo del 23.11.2009 attestante invece che i lavori erano “in corso di esecuzione” per il livellamento dei muri e ciò risultava provato anche dalla presenza nei “vani ancora esistenti” di “materiale di risulta”.
Hanno appellato la sentenza il Comune di (omissis) e, con autonomo ricorso, i sigg. Al. As. ed altri.
Gli appelli oggettivamente e soggettivamente connessi sono stati riuniti.
Con sentenza n. 4381/2017 del 19.09.2017, il Consiglio di Stato ha respinto gli appelli, ritenendo, per quanto d’interesse nel presente giudizio:
“10.3 Va condiviso il capo di sentenza che ha affermato l’illegittimità del provvedimento di decadenza del permesso di costruire n. 73 del 28 giugno 2006 per mancato inizio e termine dei lavori nei tempi stabiliti dalla normativa edilizia di riferimento.
Il provvedimento è stato emesso sulla base di un’irragionevole interpretazione dell’art. 15 d.P.R. n. 380/2001, il quale prevede un termine massimo di un anno, decorrente dal rilascio del permesso di costruire, entro cui iniziare i lavori, nonché un termine di tre anni, dall’inizio dei lavori, per completare l’opera.
Appare condiviso in giurisprudenza che l’inizio lavori, ai sensi dell’art. 15, comma 2, d.P.R. n. 380 del 2001, debba intendersi riferito a concreti lavori edilizi che possono desumersi dagli indizi rilevati sul posto.
Pertanto i lavori debbono ritenersi “iniziati” quando consistano nel concentramento di mezzi e di uomini, cioè nell’impianto del cantiere, nell’innalzamento di elementi portanti, nella elevazione di muri e nella esecuzione di scavi preordinati al gettito delle fondazioni del costruendo edificio per evitare che il termine di decadenza del permesso possa essere eluso con ricorso ad interventi fittizi e simbolici.
Vero è che la a mera esecuzione di lavori di sbancamento è, di per sé, inidonea per ritenere soddisfatto il presupposto dell’effettivo inizio dei lavori, entro il termine di un anno dal rilascio del permesso di costruire a pena di decadenza del titolo abilitativo (art. 15 d.P.R. n. 380/2001), essendo necessario che lo sbancamento sia accompagnato dalla compiuta organizzazione del cantiere e da altri indizi idonei a confermare l’effettivo intendimento del titolare del permesso di costruire di realizzare l’opera assentita.
10.4 Nondimeno nel caso di specie non si trattava di “mera esecuzione di sbancamento” ma di concreti ed effettivi lavori “in corso di esecuzione” per il livellamento dei muri.
Lo attesta, ai sensi del verbale di sopralluogo redatto dai Carabinieri, la presenza nei “vani ancora esistenti” del materiale oggetto di demolizione nonché la nota del 3.7.2007 dell’avv. Cesare Albanese, nella qualità di procuratore della confinante Sig.ra Anna Zullo, con la quale si chiedeva al Comune, Regione e Soprintendenza di far sospendere i lavori alla Sn. St. S.a.s.: l’atto dimostra che un inizio di lavori c’era effettivamente stato prima del verbale del 2009, in quanto la confinante Sig.ra Anna Zullo non avrebbe avuto motivo di sollecitare l’intervento l’avv. Albanese per delle mere pulizie del fondo e rimozione dei detriti”.
“10.5 Anche la concessione di proroga emessa dal Comune risulta legittima.
Infatti, ai sensi dell’art. 15, 2° comma, d.P.R.cit. “La proroga può essere accordata, con provvedimento motivato, per fatti sopravvenuti, estranei alla volontà del titolare del permesso, oppure in considerazione della mole dell’opera da realizzare, delle sue particolari caratteristiche tecnico-costruttive, o di difficoltà tecnico-esecutive emerse successivamente all’inizio dei lavori, ovvero quando si tratti di opere pubbliche il cui finanziamento sia previsto in più esercizi finanziari.”.
10.6 Le varie denunce e contestazioni poste in essere dai vicini rappresentano dei “fatti sopravvenuti, estranei alla volontà del titolare del permesso”, soprattutto nel caso di presentazione di una pluralità di esposti e di ricorsi avverso il soggetto titolare del permesso di costruire, il quale s’è visto costretto a dover assumere tutte le iniziative del caso per difendersi da questi eventi di forza maggiore che impediscono di portare a termine, nei tempi prestabiliti, i lavori”.
“11.1 La verificazione svolta dall’Ing. De Martino, prodotta a seguito di numerose proroghe, di fatto tiene in non cale la disciplina urbanistica di riferimento: tralascia di considerare il Piano di recupero del centro storico, il tipo d’intervento riconducibile – come sopra precisato – ad una ristrutturazione urbana tramite la riedificazione del preesistente, da destinare ad attività recettiva”.
Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per revocazione il Comune di (omissis).
Si è costituito in giudizio la SNAT S.a.s., per resistere al ricorso.
All’udienza del 20 dicembre 2018, la causa è passata in decisione.

DIRITTO

Va premesso che l’errore di fatto deducibile per revocazione deve:
a) derivare da errata od omessa percezione del contenuto meramente materiale degli atti del giudizio, la quale abbia indotto l’organo giudicante a decidere sulla base di un falso presupposto di fatto, facendo cioè ritenere come documentalmente provato un fatto in realtà escluso ovvero inesistente un fatto documentalmente provato;
b) attenere ad un punto controverso e sul quale la decisione non abbia espressamente motivato;
c) essere stato un elemento decisivo della decisione da revocare, necessitando perciò un rapporto di causalità tra l’erronea presupposizione e la pronuncia stessa (cfr. Cons. Stato, Ad. plen., 10 gennaio 2013, n. 1 e numerose altre, tra cui Cons. Stato, IV, 14 maggio 2015, n. 2431; id., V, 5 maggio 2016, n. 1824).
In sintesi, l’errore revocatorio, oltre ad apparire immediatamente rilevabile, senza necessità di argomentazioni induttive o indagini ermeneutiche (cfr., tra le altre, Cons. Stato, IV, 13 dicembre 2013, n. 6006), non va confuso con quello che coinvolge l’attività valutativa del giudice e non ricorre nell’ipotesi di erroneo, inesatto o incompleto apprezzamento delle risultanze processuali ovvero di anomalia del procedimento logico di interpretazione del materiale probatorio, ovvero quando la questione controversa sia stata risolta sulla base di specifici canoni ermeneutici o sulla base di un esame critico della documentazione acquisita, tutte ipotesi queste che danno luogo se mai ad un errore di giudizio, non censurabile mediante la revocazione, che altrimenti si trasformerebbe in un ulteriore grado di giudizio, non previsto dall’ordinamento (cfr., tra le più recenti, Cons. Stato, V, 11 dicembre 2015, n. 5657; id., 12 gennaio 2017, n. 1296; id., 6 aprile 2017, n. 1610; id., 21 agosto 2017, n. 4047).
2. Ciò premesso, vanno ora esaminati i singoli motivi di ricorso.
3. Sulla decadenza del permesso di costruire n. 73 del 28.06.2006 per il mancato inizio dei lavori entro l’anno di rilascio.
Con il primo motivo di ricorso, il ricorrente deduce che al punto 10.4 della sentenza il Consiglio di Stato afferma: “Nondimeno nel caso di specie non si trattava di “mera esecuzione di sbancamento” ma di concreti ed effettivi lavori “in corso di esecuzione” per il livellamento dei muri”. Tale circostanze sarebbero attestate “dal verbale di sopralluogo redatto dai Carabinieri e dalla “nota del 3.07.2007 dell’avvocato Cesare Albanese”.
Secondo il ricorrente, il Consiglio di Stato non avrebbe tenuto conto della documentazione esistente e delle argomentazioni dedotte in appello.
Invero, nel permesso di costruire n. 73 del 28.06.2006, al punto 12, sarebbe stato scritto: “I lavori non potranno essere iniziati prima di aver chiesto ed ottenuto il sopralluogo da parte dell’ufficio tecnico per la determinazione deli allineamenti e delle quote, nonché alla verifica da parte del direttore dei lavori di tutta la documentazione, autorizzazioni, nullaosta, pareri, ecc.. Il direttore dei lavori comunicherà la data dell’avvenuto inizio dei lavori, entro 5 giorni dalla stessa”.
Detto adempimento non sarebbe mai stato eseguito dalla società St. Sn. e, quindi, i lavori non potevano essere mai iniziati, così come sarebbe documentalmente provato che gli stessi non sono mai iniziati.
Inoltre, in data 23.11.2009, sarebbe stato eseguito un accertamento urgente ex art. 354 c.p.p.congiuntamente dalla Stazione dei Carabinieri di Maratea e dall’U.T.C. dal cui verbale si estrapola quanto scritto: “al momento del controllo, non è stata riscontrata, in loco, presenza di maestranze. Nelle immediate vicinanze del rudere in questione, non è stata riscontrata la presenza di cartellonistica indicante i lavori in esecuzione. I lavori sul rudere in questione sono in corso di esecuzione e, al momento, riguardano lo svuotamento dei vani ancora esistenti da materiali di risulta proveniente dai crolli di parte del rudere stesso… alcuni muri, facenti parte del rudere di fabbricato in questione, all’atto del controllo risultavano essere livellati”.
In data 03/12/2009, l’Ing. Gaetano Chiurazzo avrebbe scritto una nota alla Regione Basilicata, al Comune di (omissis) ed al collaudatore in corso d’opera e finale e riferisce quanto segue:
“Dalla data del 23/11/2009, inizio dei lavori di cui al deposito strutturale n. 488/2006, sino alla dato odierna, i lavori eseguiti presso il cantiere in epigrafe sono consistiti nell’approntamento e pulizia del cantiere stesso, nell’asportazione di porzioni di paramenti murari pericolanti dei ruderi del fabbricato esistente, e nell’esecuzione di lavori tesi alla messa in sicurezza del cantiere. Quanto sopra descritto, corrisponde alla situazione dello stato dei luoghi alla data della stesura della presente”.
Risulterebbe, pertanto, per tabulas e per espressa ammissione dello stesso Direttore dei lavori, che i lavori assentiti con il permesso di costruire n. 73/2006 hanno avuto inizio non prima del 23/11/2009, quando era (da lungo tempo) già decorso il termine di decadenza di un anno, decorrente dal 18/08/2006 data di ritiro del suddetto permesso di costruire, entro cui i lavori de quibus avrebbero dovuto avere avvio.
La lettura del verbale di accertamento congiunto dei Carabinieri e dell’Ufficio tecnico comunale e quella del Direttore dei lavori coinciderebbe nella consistenza degli stessi quali lavori preparatori all’effettivo inizio degli stessi.
La lettura invece fatta dal Consiglio di Stato contrasterebbe con gli atti e trasformerebbe il tempo passato utilizzato dai verbalizzanti “risultavano” in tempo presente presupporre un livellamento “attuale” tanto inveritiero quanto inutile, atteso che il fabbricato andava completamente demolito e che al posto dello stesso andava riedificata una struttura in calcestruzzo armato. Alla luce della premessa sulla ristrutturazione edilizia che consentirebbe la riedificazione come si giustifica la valorizzazione di un passato ed improponibile livellamento quale prova di effettiva esecuzione dei lavori in contrasto con la documentazione fotografica, i verbali e le stesse dichiarazioni della Direzione dei lavori.
Alla luce di quanto sin qui dedotto emergerebbe, senza timore di smentita, che la decisione sul predetto punto della sentenza è l’effetto di un errore di fatto risultante dagli atti del giudizio in quanto il Consiglio di Stato Sezione sesta ha supposto che…, mentre dai documenti in atti risulta incontestabilmente che…..
Secondo la giurisprudenza prevalente, l’effettivo inizio dei lavori dovrebbe essere valutato non in via generale e astratta, ma con specifico riferimento all’entità e alle dimensioni dell’intervento edilizio programmato e autorizzato, al fine di evitare che il termine per l’avvio dell’edificazione possa essere eluso mediante lavori fittizi e simbolici, e quindi non significativi di un effettivo intendimento del titolare del permesso di procedere alla costruzione (Cons. Stato, Sez. IV, 30 settembre 2013, n. 4855).
Allo stesso modo, sarebbe assolutamente pacifico che la mera pulizia del fondo e la messa in sicurezza dei muri (mediante il livellamento), quest’ultimo eseguito per finalità estranee all’attività edificatoria, sono del tutto irrilevanti ai fini della comprova dell’effettivo inizio dei lavori.
3.1. Il motivo di ricorso è inammissibile.
Il ricorrente afferma che i lavori non sarebbero iniziati entro l’anno dal rilascio del permesso di costruire e un tanto risulterebbe dalla lettura congiunta del verbale dei Carabinieri del 23.11.2009 e dalla nota del D.L. del 03.12.2009 che confermerebbe che i lavori sarebbero iniziati in questa data.
Ebbene, nella specie, non può affermarsi che il Consiglio di Stato non abbia esaminato gli atti del giudizio, ma esso ha dato semplicemente agli stessi una valenza probatoria diversa da quella invocata dai ricorrenti. La questione ha quindi costituito un punto controverso della decisione, sulla quale quest’ultima ebbe a pronunciarsi. Con il ricorso per revocazione si chiede, pertanto, nient’altro che un riesame del motivo di appello che è stato deciso e rigettato e che non può essere riesaminato, non essendo previsto dall’ordinamento giuridico italiano alcun terzo grado di giudizio.
4. Sulla decadenza del permesso di costruire per il mancato rilascio della proroga di validità triennale del permesso.
Con il secondo motivo di ricorso, il ricorrente afferma che il Consiglio di Stato sarebbe incorso in un errore di fatto, assumendo che, diversamente da come ritenuto dal giudice d’appello, la nota prot. 0015751 del 22.12.2009 del Comune non possa essere qualificato atto di proroga della concessione. La stessa sarebbe del seguente tenore: “Facendo seguito alla precedente nota prot. n. 0014902 del 4.12.2009, avendo ricevuto con nota prot. 15663 del 22.12.2009 le integrazioni richieste ed i chiarimenti sulla pratica in oggetto, comunica che non vi sono più motivi ostativi alla ripresa dei lavori. Si ricorda di comunicare a quest’ufficio e all’Ufficio Difesa del Suolo la prosecuzione delle attività relative alle strutture, come previsto per legge”. Secondo il ricorrente, il Comune di (omissis) non avrebbe, invece, mai rilasciato la proroga del permesso di costruire n. 73 del 28.06.2006.
4.1. Il motivo di ricorso è inammissibile.
Il fatto dedotto con il motivo di ricorso ha già costituito un punto controverso nella sentenza impugnata. Il Comune di (omissis) ha dedotto un espresso motivo d’appello sul punto ed il Consiglio di Stato, a punti 10.5 e 10.6, ha esaminato il motivo e lo ha rigettato, ritenendo legittima la proroga concessa con la nota n. 0015751 del 22.12.2009. Ora, il Comune, elencando in successione cronologica gli atti emessi dal Comune in data 4.12.2009 e 22.12.2009, cerca di giungere ad una nuova interpretazione e, dunque, ad una diversa qualificazione giuridica della nota n. 0015751 del 22.12.2009. Ciò non appare ammissibile, in quanto si chiede a questo Collegio di rivedere il giudizio sul piano valutativo, attribuendo al documento una diversa qualificazione sotto il profilo logico-giuridico. In altri termini, si fa valere un presunto un errore valutativo del documento e non un errore di fatto, il quale ultimo, infatti, deve apparire immediatamente rilevabile, senza necessità di argomentazioni induttive o indagini ermeneutiche (cfr., tra le altre, Cons. Stato, IV, 13 dicembre 2013, n. 6006), e che non va confuso con quello che coinvolge l’attività valutativa del giudice e non ricorre nell’ipotesi di erroneo, inesatto o incompleto apprezzamento delle risultanze processuali ovvero di anomalia del procedimento logico di interpretazione del materiale probatorio, ovvero quando la questione controversa sia stata risolta sulla base di specifici canoni ermeneutici o sulla base di un esame critico della documentazione acquisita, tutte ipotesi queste che danno luogo se mai ad un errore di giudizio, non censurabile mediante la revocazione, che altrimenti si trasformerebbe in un ulteriore grado di giudizio, non previsto dall’ordinamento (cfr., tra le più recenti, Cons. Stato, V, 11 dicembre 2015, n. 5657; id., 12 gennaio 2017, n. 1296; id., 6 aprile 2017, n. 1610; id., 21 agosto 2017, n. 4047).
5. Con il terzo motivo di ricorso, il ricorrente contesta la parte della sentenza revocanda, nella parte in cui ritiene non condivisibili le conclusioni a cui è giunto il verificatore nominato, ma utilizza gli atti depositati da una sola delle parti e le conclusioni assunte in sede penale per pervenire al proprio giudizio.
5.1. Il motivo di ricorso è inammissibile.
Al punto 11.1. della sentenza il Consiglio di Stato così espone: “La verificazione svolta dall’Ing. De Martino… di fatto non tiene in non cale la disciplina urbanistica di riferimento; tralascia di considerare il piano di recupero del centro storico, il tipo di intervento riconducibile – come sopra precisato – ad una ristrutturazione urbana tramite la riedificazione del preesistente, da destinare ad attività recettiva”.
Nella specie, quindi, non vi è stato alcun travisamento dei fatti accertati dal verificatore, ma si tratta di un giudizio di inattendibilità della verificazione, per cui si può al massimo parlare di un error in iudicando, ma non di un errore di fatto, il quale, appunto, deve derivare dall’errata od omessa percezione del contenuto meramente materiale degli atti del giudizio, la quale abbia indotto l’organo giudicante a decidere sulla base di un falso presupposto di fatto, facendo cioè ritenere come documentalmente provato un fatto in realtà escluso ovvero inesistente un fatto documentalmente provato.
6. Conclusivamente, il ricorso per revocazione va dichiarato inammissibile.
7. Le spese di lite seguono la soccombenza.
8. Il contributo unificato corrisposto per la proposizione del ricorso in revocazione rimane definitivamente a carico del ricorrente.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale
Sezione Sesta, definitivamente pronunciando sul ricorso per revocazione, come in epigrafe proposto, lo dichiara inammissibile.
Condanna il ricorrente a rifondere alla St. Sn. S.a.s. le spese di lite, quantificate nell’importo omnicomprensivo di Euro 3.000,00-, oltre accessori di legge.
Il contributo unificato corrisposto per la proposizione del ricorso in revocazione rimane definitivamente a carico del ricorrente.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 20 dicembre 2018 con l’intervento dei magistrati:
Diego Sabatino – Presidente FF
Bernhard Lageder – Consigliere
Francesco Mele – Consigliere
Oreste Mario Caputo – Consigliere
Oswald Leitner – Consigliere, Estensore

Avv. Renato D’Isa