Categoria: Consiglio di Stato 2013

Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 27 dicembre 2013, n. 6247. In costanza di proroga di una graduatoria concorsuale, la decisione di indire un nuovo concorso relativo all’assunzione degli stessi profili di quella graduatoria va congruamente motivata, poiché se non sussiste un diritto soggettivo all’assunzione in capo agli idonei, l’Amministrazione deve tenere conto sul piano ordinamentale che lo scorrimento delle preesistenti graduatorie deve costituire la regola generale, mentre l’indizione del concorso rappresenta un’eccezione; per cui è l’indizione che deve essere adeguatamente motivata sul perché si debba seguire un procedimento amministrativo di rilevante complessità ed accompagnato ad oneri di bilancio come un nuovo concorso pubblico, piuttosto che la chiamata di soggetti già scrutinati e dichiarati idonei a quelle determinate funzioni.

CONSIGLIO DI STATO SEZIONE V SENTENZA 27 dicembre 2013, n. 6247 SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 4022 del 2012, proposto da: Roma Capitale, in persona del legale rappresentante in carica, […]

Consiglio di Stato, sezione IV, sentenza 20 dicembre 2013, n.6151. La sospensione necessaria del giudizio amministrativo, in ragione della pendenza di un giudizio penale, di per sé deroga al principio fondamentale, introdotto con il nuovo processo penale, della reciproca autonomia e del parallelismo dei due accertamenti giurisdizionali, i quali operano in ambiti diversi e con finalità differenti

La massima 1. La sospensione necessaria del giudizio amministrativo, in ragione della pendenza di un giudizio penale, di per sé deroga al principio fondamentale, introdotto con il nuovo processo penale, della reciproca […]

Consiglio di Stato, sezione VI, sentenza 20 novembre 2013, n. 5515. Le nuove disposizioni, dettate con d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, disciplinano situazioni, non ampliative né sovrapponibili a quelle che consentono l’accesso ai documenti amministrativi, ai sensi degli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241

La massima 1. Le nuove disposizioni, dettate con d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, disciplinano situazioni, non ampliative […]

Consiglio di Stato, adunanza plenaria, sentenza 20 novembre 2013, n. 26. Il criterio dell’anonimato nelle prove scritte delle procedure di concorso – nonché in generale in tutte le pubbliche selezioni – costituisce il diretto portato del principio costituzionale di uguaglianza nonché specialmente di quelli del buon andamento e dell’imparzialità della pubblica amministrazione, la quale deve operare le proprie valutazioni senza lasciare alcuno spazio a rischi di condizionamenti esterni e dunque garantendo la par condicio tra i candidati. Tale criterio, costituendo appunto applicazione di precetti costituzionali, assume una valenza generale ed incondizionata, mirando esso in sostanza ad assicurare la piena trasparenza di ogni pubblica procedura selettiva e costituendone uno dei cardini portanti

La massima 1. Nelle prove scritte dei pubblici concorsi o delle pubbliche selezioni di stampo comparativo una violazione non irrilevante della regola dell’anonimato da parte della Commissione determina de iure la radicale […]

Consiglio di Stato, adunanza plenaria, sentenza 6 novembre 2013, n. 24. L’espressione “socio di maggioranza” di cui alle lettere b) e c) dell’art. 38, comma 1, del d.lgs n. 163 del 2006, e alla lettera m-ter) del medesimo comma, si intende riferita, oltre che al socio titolare di più del 50% del capitale sociale, anche ai due soci titolari ciascuno del 50% del capitale o, se i soci sono tre, al socio titolare del 50%.

CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 6 novembre 2013, n. 24  SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 33 di A.P. del 2013, proposto dalla s.r.l. Centro Idro-Geo-Tecnico, in persona del legale […]

Consiglio di Stato, sezione VI, sentenza 31 ottobre 2013, n. 5266. E’ affetto da annullabilità (e non da nullità) il provvedimento amministrativo (per sua natura autoritativo) che sia stato rilasciato sulla base di un atto la cui emanazione abbia comportato alla commissione di un reato.

La massima 1. E’ affetto da annullabilità (e non da nullità) il provvedimento amministrativo (per sua natura autoritativo) che sia stato rilasciato sulla base di un atto la cui emanazione abbia comportato […]

Consiglio di Stato, sezione V 29 ottobre 2013, n. 5222. E’ manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale delle norme del d.lgs. n. 235/2012 (legge Severino) recenti cause di incandidabilità, sollevata con riferimento agli artt. 3 e 25 Cost. Non è apprezzabile neppure un profilo di irragionevolezza collegato alla mancata previsione, per le elezioni regionali, di un limite temporale analogo a quello fissato dall’art. 13 con riferimento alla incandidabilità alla carica di deputato, senatore e membro del Parlamento, stante la diversità di elezioni e di cariche che escludono l’insindacabilità dell’apprezzamento discrezionale operato sul punto dal legislatore.

La massima 1. L’applicazione delle cause ostative contemplate dal d.lgs. n. 235/2012 alle sentenze di condanna intervenute in un torno di tempo anteriore non si pone in contrasto con il principio della […]

Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 28 ottobre 2013, n. 5162. Il decreto presidenziale, divenuto definitivo, è assimilabile al giudicato amministrativo e, quindi, è suscettibile di ottemperanza sulla scorta dei lineamenti normativi enucleati dagli articoli 112 e seguenti del codice del processo amministrativo.

La massima 1. Il decreto presidenziale, divenuto definitivo, è assimilabile al giudicato amministrativo e, quindi, è suscettibile di ottemperanza sulla scorta dei lineamenti normativi enucleati dagli articoli 112 e seguenti del codice […]

Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 14 ottobre 2013, n. 4997. La pensilina rientra oggettivamente, in ragione delle sue caratteristiche e dimensioni, nel novero delle “nuove costruzioni” e non in quello delle “pertinenze”, con conseguente necessaria applicazione ad essa della disciplina in materia di distanze.

pensilina

Consiglio di Stato sezione V sentenza  14 ottobre 2013, n. 4997 Fatto Con il ricorso introduttivo del giudizio, la signora Lucchi ha impugnato dinanzi al Tar Veneto il provvedimento 7 marzo 2000, […]

Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 14 ottobre 2013, n. 4997. E’ esclusa la natura pertinenziale di una pensilina di notevole consistenza (nel caso di specie, 50 mq. di superficie – 0,70 mt. di spessore – 4,50 mt. di altezza), anche se accedente ad un bene principale (qui, un distributore di carburanti), atteso che, perché un’opera possa rientrare nel regime delle pertinenze in senso edilizio essa deve essere, non solo priva di autonoma utilizzazione e di autonomo valore (requisito sufficiente in ambito civilistico), ma anche di ridotte dimensioni, tali da non alterare in modo significativo l’assetto del territorio o incidere sul carico urbanistico, caratteristiche queste la cui sussistenza deve essere peraltro dimostrata dall’interessato.

Consiglio di Stato sezione V sentenza 14 ottobre 2013, n. 4997 N. 04997/2013 N. 11844/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) […]

Consiglio di Stato, adunanza plenaria, sentenza 9 ottobre 2013, n. 22. Deve essere riaffermato il principio enunciato dal consolidato orientamento del Consiglio di Stato, secondo cui i pubblici ufficiali menzionati nell’art. 14, l. 21 marzo 1990, n. 53 (e, per quanto qui interessa, nell’art. 18 l. reg. n. 7 del 1983), tra cui il giudice di pace, sono titolari del potere di autenticare le sottoscrizioni esclusivamente all’interno del territorio di competenza dell’ufficio di cui sono titolari o ai quali appartengono.

CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 9 ottobre 2013, n. 22  SENTENZA sul ricorso numero di registro generale Adunanza Plenaria n. 39 del 2013 (rispettivamente, Sesta Sezione, n. 7223 del 2013), proposto […]

Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 30 settembre 2013 n 4839. Le richieste di accesso ai documenti presentate, per conto di un interessato, dal suo avvocato, debbano in via di principio soddisfare la regola della necessità di una dimostrazione dei poteri di rappresentanza

Il testo integrale Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 30 settembre 2013 n 4839 Il regolamento in materia di accesso ai documenti, dopo avere confermato il principio di origine legislativa per cui […]

Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 26 settembre 2013 n 4785. L’amministrazione è obbligata ad acquisire d’ufficio in sede di gara di appalto i documenti che provano il possesso dei requisiti dichiarati, qualora siano in possesso di altre amministrazioni

Il testo integrale Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 26 settembre 2013 n 4785 L’amministrazione è obbligata ad acquisire d’ufficio in sede di gara di appalto i documenti che provano il possesso […]

Consiglio di Stato, sezione VI, sentenza 27 giugno 2013, n.3521. La responsabilità della pubblica amministrazione da provvedimento illegittimo risponde ad un modello speciale non riconducibile ai modelli di responsabilità che operano nel settore del diritto civile.

La massima 1. La responsabilità della pubblica amministrazione da provvedimento illegittimo risponde ad un modello speciale non riconducibile ai modelli di responsabilità che operano nel settore del diritto civile. 2. Rispetto alla […]