Codice della privacy

/Codice della privacy

In tema di consenso al trattamento dei dati personali, la previsione dell’art. 23 del Codice della privacy, nello stabilire che il consenso è validamente prestato solo se espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato

Corte di Cassazione, sezione prima civile, Sentenza 2 luglio 2018, n. 17278. La massima estrapolata: In tema di consenso al trattamento dei dati personali, la previsione dell'art. 23 del Codice [...]

Corte di Cassazione, sezione quinta penale, sentenza 26 settembre 2017, n. 44390. Va annullata la condanna per la diffusione dei dati personali dei soggetti diffamati perché il reato di diffamazione aggravata assorbe quello meno grave del trattamento illecito dei dati.

Va annullata la condanna per la diffusione dei dati personali dei soggetti diffamati perché il reato di diffamazione aggravata assorbe quello meno grave del trattamento illecito dei dati. Sentenza 26 [...]

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 6 dicembre 2016, n. 51897

Commette reato il legale rappresentante che non impedisce l'installazione di telecamere nel piazzale e nelle vicinanze della stazione di servizio, mettendo così in atto un controllo a distanza del lavoratore. [...]

Corte di Cassazione, sezione I civile, sentenza 19 settembre 2016, n. 18302

È illegittima l’installazione di apparecchi e software che consentono controlli approfonditi sulla posta elettronica, sulle telefonate e sulla navigazione internet del lavoratore, se non sono preventivamente esperite le procedure di [...]

Corte di Cassazione, sezione I civile, sentenza 24 maggio 2016, n. 10714

A causa della «maggiore invasività» per le telefonate promozionali preregistrate, prive cioè della presenza dell'operatore all'altro capo del filo, è sempre necessario aver acquisito precedentemente, e per quella specifica comunicazione, [...]

Corte di Cassazione, sezione I civile, sentenza 20 maggio 2016, n. 10510

In tema di trattamento dei dati personali nella riproduzione di provvedimenti giurisdizionali, per finalità di informazione giuridica  e' illecita la diffusione delle generalità di un soggetto, con riferimento ad un provvedimento giurisdizionale ove [...]

La violazione della disciplina della tutela della riservatezza con riferimento all’utilizzo dei dispositivi elettronici per la rilevazione di violazioni al codice della strada non spiega alcun effetto sulla contestazione dell’illecito di cui si dolga il conducente del veicolo, siccome non preavvertito della presenza del dispositivo di rilevazione e ciò in quanto l’informativa di cui all’art. 13 non è correlata funzionalmente alla prevenzione dell’infrazione al codice della strada, ma al rispetto di un obbligo di riservatezza. L’avviso in questione non è dunque diretto a orientare la condotta di guida del trasgressore, così da evitare che lo stesso incorra in una violazione delle norme che regolano la circolazione. Corte di Cassazione, sezione II, sentenza 27 aprile 2016, n. 8415.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE II SENTENZA 27 aprile 2016, n.8415 Ritenuto in fatto Con ricorso depositato in data il gennaio 2007, B.A.L. adiva il Giudice di pace di Bassano [...]

Carica Altri Articoli