ricorso amministrativo

/Tag: ricorso amministrativo

Consiglio di Stato, sezione VI, sentenza 28 dicembre 2015, n. 5841. In tema di ricorso amministrativo, l’art. 101, 2° comma, c.p.a., statuisce che “si intendono rinunciate le domande e le eccezioni dichiarate assorbite o non esaminate nella sentenza di primo grado, che non siano state espressamente riproposte nell’atto di appello o, per le parti diverse dall’appellante, con memoria depositata a pena di decadenza entro il termine per la costituzione in giudizio” ossia entro il termine di sessanta giorni, previsto dall’art. 46 c.p.a., decorrente dal perfezionamento della notificazione del ricorso introduttivo del giudizio d’appello

Consiglio di Stato sezione VI sentenza 28 dicembre 2015, n. 5841 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE SESTA ha pronunciato la [...]

Consiglio di Stato, sezione III, sentenza 28 settembre 2015, n. 4534. Ai fini dell’instaurazione del contenzioso amministrativo, sussiste l’onere di notificare il ricorso ai controinteressati, quando costoro siano identificati o facilmente identificabili attraverso l’atto impugnato. Invero, ai fini dell’ammissibilità di un ricorso è necessario e sufficiente che lo stesso sia notificato ad (almeno) uno dei controinteressati, salvo integrarsi il contraddittorio in corso di giudizio. In mancanza si è in presenza di una radicale causa d’inammissibilità del ricorso, per difetto di contraddittorio, rilevabile d’ufficio anche in secondo grado

Consiglio di Stato sezione III sentenza 28 settembre 2015, n. 4534 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE TERZA ha pronunciato la [...]

Consiglio di Stato, sezione VI, sentenza 28 luglio 2015, n. 3739. E’ viziata da ultrapetizione la sentenza del giudice amministrativo che a fronte del ricorso avente ad oggetto la chiesta declaratoria di illegittimità di talune clausole del bando di concorso ai soli fini del risarcimento del danno da perdita di chance, senza impugnazione degli atti di esclusione adottati, abbia, per un verso, ritenuto di non accogliere la formulata domanda risarcitoria, mentre, per altro verso, ritenuto di far discendere dalla ravvisata illegittimità di una previsione del bando il relativo annullamento e la conseguente caducazione degli atti di esclusione. In tal modo, invero, il giudice amministrativo fornisce una risposta di giustizia evidentemente non corrispondente rispetto al petitum di causa

Consiglio di Stato sezione VI sentenza 28 luglio 2015, n. 3739 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE SESTA ha pronunciato la [...]

Consiglio di Stato, sezione V, sentenza 28 luglio 2014, n. 4001. La produzione dei documenti previsti dal bando di concorso oltre il termine di dieci giorni dalla pubblicazione della graduatoria concorsuale, espressamente previsto dalla lex specialis a pena di esclusione, comporta l’illegittimità del provvedimento di assunzione del vincitore di un concorso pubblico

Consiglio di Stato sezione V sentenza 28 luglio 2014, n. 4001 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE QUINTA ha pronunciato la [...]