uso di atto falso

/Tag:uso di atto falso

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 22 settembre 2015, n. 38438. Il delitto di uso di atto falso di cui al 489 c.p. è un reato istantaneo e non permanente, giacché la consumazione di esso si esaurisce con l’uso, essendo la protrazione nel tempo dei suoi effetti il risultato dell’azione cosi come compiuta. Qualora, peraltro, dello stesso documento falso venga successivamente reiterato l’impiego, la nuova attività dà luogo ad altro e distinto delitto di uso di atto falso. Infine, la condotta tipica è integrata dall’uso dell’atto falso, sorretto dalla consapevolezza, da parte del reo, della falsità dello stesso e dal dolo specifico di procurare a se’ un vantaggio

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V SENTENZA 22 settembre 2015, n. 38438 RITENUTO IN FATTO Il difensore di M.V. propone ricorso per cassazione contro la sentenza pronunciata dalla Corte d'Appello [...]