uccisione animali

/Tag:uccisione animali

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 15 luglio 2014, n. 30903. Le dichiarazioni spontanee rese dall’indagato nella immediatezza del fatto e riferite nell’informativa confermata dal verbalizzante, pur se sollecitate dalla polizia giudiziaria, non sono assimilabili all’interrogatorio in senso tecnico. Ne deriva che, per l’assunzione di tali dichiarazioni, non è necessario il preventivo invito rivolto al dichiarante alla nomina del difensore, né l’avvertimento circa la facoltà di non rispondere: alle dichiarazioni spontanee rese alla polizia giudiziaria non è dunque applicabile la disciplina del comma 2 dell’art. 63 citato, ma esclusivamente quella di cui all’art. 350 comma 7 cod. proc. pen.

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza  15 luglio 2014, n. 30903 Ritenuto in fatto 1.1 Con sentenza dell'8 ottobre 2012 la Corte di Appello di Milano confermava la sentenza [...]