Turbamento dell’ordine pubblico

/Tag:Turbamento dell'ordine pubblico

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 16 giugno 2014, n. 25809. L’articolo 45 cod. proc. pen. fa riferimento alla “sicurezza o l’incolumita’ pubblica”. Ma l’ordine pubblico in tale ipotesi non e’ certo l’ordine pubblico generale: si tratta comunque di situazioni che involgono l’ufficio giudiziario ed il dato processo “non e’ sufficiente la mera possibilita’ di tensioni e turbamenti dell’ordine pubblico (cui, di regola, devono far fronte le forze di polizia, nell’ambito dei compiti di prevenzione loro assegnati), ma e’ necessario che la situazione paventata e addotta a sostegno della richiesta di rimessione emerga in modo ragionevolmente certo e non costituisca invece la proiezione di preoccupazioni e timori che, pur se ancorati a dati di fatto, non consentano tuttavia di prevedere reali ostacoli al corretto svolgimento del giudizi. Il concetto di ordine pubblico processuale, ricava bile dall’articolo 55 cod. proc. pen., trascende le esigenze della sicurezza pubblica e della pubblica tranquillita’ e risale alle condizioni essenziali estrinseche agli organi giurisdizionali, concernenti quei normali ed armonici rapporti tra l’ambiente e la causa, a cui e’ subordinato il sereno ed obiettivo svolgimento del processo.

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 16 giugno 2014, n. 25809 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]