tribunale per i minorenni

/Tag:tribunale per i minorenni

Corte di Cassazione, sezione VI, ordinanza 12 aprile 2016, n. 7161. Nei procedimenti di cui agli artt. 330 e 333 cod. civ., l’attribuzione della competenza territoriale al tribunale per i minorenni del luogo nel quale si trovi la residenza o la dimora abituale del minore al momento dell’instaurazione del procedimento rimane ferma anche qualora si verifichi lo spostamento in corso di causa della residenza anagrafica o del domicilio del minore, derivante dal trasferimento del genitore con il quale egli convive, trovando applicazione anche in tal caso il principio generale della perpetuatio jurisdictionis, il quale risponde ad ineliminabili esigenze di certezza ed effettività della tutela giurisdizionale, e prevale pertanto su quello di prossimità, tutte le volte in cui il provvedimento in relazione al quale occorre individuare il giudice competente sia lo stesso richiesto con il ricorso introduttivo o con altra istanza che s’inserisca incidentalmente nella medesima procedura

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI ORDINANZA 12 aprile 2016, n. 7161 Fatto Con decreto del 2 marzo 2015, il Tribunale per i minorenni di Bologna ha dichiarato la propria [...]