terrorismo internazionale

/Tag:terrorismo internazionale

Corte di Cassazione, sezione quinta penale, sentenza 12 dicembre 2017, n. 55418. Anche il “like” cliccato sotto il video di propaganda dell’Isis in cui si inneggia ai mujaheddin e si evocano i massacri in Siria, è un elemento che aggrava la portata offensiva

Anche il “like” cliccato sotto il video di propaganda dell'Isis in cui si inneggia ai mujaheddin e si evocano i massacri in Siria, è un elemento che aggrava la portata [...]

Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 1 dicembre 2015, n. 47489. Ai fini dell’affermazione della giurisdizione italiana è sufficiente che nel territorio dello Stato si sia verificato l’evento o sia stata compiuta, in tutto o in parte, l’azione, con la conseguenza che, in ipotesi di concorso di persone, perché possa ritenersi estesa la potestà punitiva dello Stato a tutti i compartecipi e a tutta l’attività criminosa, ovunque realizzata, è sufficiente che in Italia sia stata posta in essere una qualsiasi attività di partecipazione ad opera di uno qualsiasi dei concorrenti. Integrante il delitto di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale la formazione di un sodalizio, connotato da strutture organizzative “cellulari” o “a rete”, in grado di operare contemporaneamente in più Paesi, anche in tempi diversi e con contatti fisici, telefonici ovvero informatici anche discontinui o sporadici tra i vari gruppi in rete, che realizzi anche una delle condotte di supporto funzionale all’attività terroristica di organizzazioni riconosciute ed operanti come tali, quali quelle volte al proselitismo, alla diffusione di documenti di propaganda, all’assistenza agli associati, al finanziamento, alla predisposizione o acquisizione di armi o di documenti falsi, all’arruolamento, all’addestramento, con l’affermazione della giurisdizione italiana in caso di cellula operante in Italia per il perseguimento della finalità di terrorismo internazionale sulla base dell’attività di indottrinamento, reclutamento e addestramento al martirio di nuovi adepti, da inviare all’occorrenza nelle zone teatro di guerra, e della raccolta di denaro destinato al sostegno economico dei combattenti del “Jihad” all’estero

SUPREMA CORTE  DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA   sentenza 1 dicembre 2015, n. 47489 Ritenuto in fatto 1. Con l'ordinanza indicata in epigrafe, il Tribunale di Torino, provvedendo sulla richiesta di [...]