stato d’ira

/Tag:stato d'ira

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 24 febbraio 2016, n. 7244. Il dato temporale che deve contraddistinguere la reazione determinata dal fatto ingiusto di cui all’art. 599 comma 2 c.p. deve essere interpretato con elasticità: se da un lato l’immediatezza della reazione non deve consistere nella contemporaneità, dall’altro lato il passaggio di un lasso di tempo considerevole può assumere rilevanza al fine di escludere il rapporto causale tra fatto ingiusto e stato d’ira e di riferire la reazione a un movente differente

Suprema Corte di Cassazione sezione V sentenza 24 febbraio 2016, n. 7244 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione V, sentenza 27 novembre 2014, n. 49569. Il fatto ingiusto altrui deve essere connotato dal carattere dell’ingiustizia oggettiva, intesa come effettiva contrarietà a regole giuridiche, morali e sociali, reputate tali nell’ambito di una determinata collettività in un dato momento storico e non con riferimento alle convinzioni dell’imputato e alla sua sensibilità personale; pertanto, lo stato d’ira, costituito da una condizione psicologica dovuta ad un impulso incontenibile che genera un forte turbamento, perché possa rilevare ai fini della configurabilità dell’attenuante della provocazione non deve rappresentare il frutto di un sentimento di vendetta maturata in contesto di lucidità e freddezza (nel caso di specie, la prevenuta, prima di compiere l’azione omicidiaria, si era armata di coltello).

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE V SENTENZA 27 novembre 2014, n. 49569 Ritenuto in fatto Con sentenza del 4.5.2011 il G.u.p. del Tribunale di Milano, all'esito del giudizio abbreviato, ritenuta [...]