sottrazione frauodolenta

/Tag:sottrazione frauodolenta

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 16 giugno 2015, n. 24960. In tema di ricorsi afferenti alla materia del provvedimento cautelare reale, i motivi che possono essere dedotti sono unicamente quelli riguardanti la violazione di legge, in essi ricompresi quelli attinenti alla motivazione laddove del tutto assente ovvero apparente

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 16 giugno 2015, n. 24960 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione III, sentenza 30 giugno 2015, n. 27143. Non si configura il reato di sottrazione fraudolenta se le somme incassate a seguito di un’alienazione ritenuta simulata sono utilizzate per il pagamento di imposte, ancorché non si tratti di quelle oggetto dell’asserita sottrazione. In tal caso, non può ritenersi esistente il richiesto dolo specifico se, alla fine, il risultato economico dell’operazione è andato a beneficio, e non a danno, dell’erario. Nel caso di specie, era stata sequestrata la somma pagata per la cessione sospetta di uno scafo, somma che però era stata usata dall’impresa venditrice per pagare l’Iva dovuta

Suprema Corte di Cassazione sezione III sentenza 30 giugno 2015, n. 27143 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]