sottrazione di persona incapace

/Tag:sottrazione di persona incapace

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 23 settembre 2015, n. 38558. Integra il reato di sottrazione di persone incapaci di cui all’art.574 cp. la condotta del genitore che, in assenza di specifici provvedimenti di affidamento del giudice civile, sottragga il figlio minore alla vigilanza e all’educazione dell’altro genitore. In assenza di uno specifico provvedimento del giudice civile che affidi in via esclusiva il figlio minore ad un solo genitore, sussiste il reato di cui all’art. 574 cp. qualora un genitore ponga in essere delle condotte volte ad impedire di fatto all’altro genitore di esercitare la propria potestà genitoriale

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 23 settembre 2015, n. 38558 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 17 giugno 2015, n. 25386. In tema di rapporti tra il reato di sottrazione di minorenne e il reato di elusione di un provvedimento giudiziario, una volta esclusa la significatività di determinate condotte e la inesistenza di altre condotte ai fini del reato di cui all’articolo 388 cod. pen., non vi è alcuna necessità che il giudice motivi sulla mancata configurabilità del reato di sottrazione di minore, ipotizzato quale conseguenza delle stesse condotte

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 17 giugno 2015, n. 25386 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]