dichiarazioni indagato

/Tag:dichiarazioni indagato

Corte di Casaszione, sezione IV, sentenza 15 luglio 2015, n. 30499. Le dichiarazioni della persona che fin dall’inizio avrebbe dovuto essere sentita nella qualità di indagata sono inutilizzabili “erga omnes” e la verifica della sussistenza di tale qualità va condotta non secondo un criterio formale quale l’esistenza di “notizia criminis” e l’iscrizione nel registro degli indagati, ma secondo il criterio sostanziale della qualità oggettivamente attribuibile al soggetto in base alla situazione esistente nel momento in cui le dichiarazioni sono state rese

Suprema Corte di Cassazione sezione IV sentenza 15 luglio 2015, n. 30499 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUARTA PENALE Composta dagli Ill.mi [...]

Corte di Cassazione, sezione VI, sentenza 31 marzo 2015, n. 13798. Allorquando venga in rilievo l’attribuzione al dichiarante della qualità di indagato o di persona informata sui fatti, spetta al giudice il potere di verificare, in termini sostanziali – e quindi al di là del riscontro di indici formali come l’intervenuta iscrizione sul registro notizie di reato- l’ascrivibilità allo stesso dell’una o dell’altra qualità e il relativo accertamento, se congruamente motivato, si sottrae al sindacato di legittimità. La sanzione di inutilizzabilità erga omnes postula che, a carico dell’interessato, siano già acquisiti, prima dell’escussione, indizi non equivoci di reità, come tali conosciuti dall’autorità procedente, non rilevando, a tale proposito, eventuali sospetti od intuizioni personali dell’interrogante. L’inutilizzabilità assoluta, ai sensi dell’art. 63,comma 2, cpp, richiede quindi l’originaria esistenza, a carico dell’escusso, di precisi, anche se non gravi, indizi di reità, che non possono automaticamente inferirsi dal solo fatto che il dichiarante risulti essere stato, in qualche modo, coinvolto in vicende potenzialmente suscettibili di dar luogo alla formulazione di addebiti di carattere penale a suo carico. Occorre invece che le predette vicende, così come percepite dall’autorità inquirente, presentino connotazioni tali da indurre a ravvisare concretamente la sussistenza di elementi di spessore indiziante sufficiente ad attribuire al soggetto la qualità di indagato

Suprema Corte di Cassazione sezione VI sentenza 31 marzo 2015, n. 13798 Ritenuto in fatto 1. T.R. ricorre per cassazione avverso la sentenza della Corte d'appello di Bologna, in data [...]