Decreto legislativo 546 del 1992

/Tag:Decreto legislativo 546 del 1992

Corte di Cassazione, sezione VI, ordinanza 8 gennaio 2015, n. 88. In tema di contenzioso tributario, qualora il ricorso in appello non sia notificato a mezzo di ufficiale giudiziario, il deposito in copia presso la segreteria della commissione che ha emesso la sentenza impugnata, in quanto prescritto dal Decreto Legislativo n. 546 del 1992, articolo 53, comma 2, seconda parte, a pena d’inammissibilita’ dell’appello, deve aver luogo entro un termine perentorio, il quale, attenendo al compimento di un’attivita’ finalizzata al perfezionamento della proposizione del gravame, deve essere individuato in quello di trenta giorni indicato dalla prima parte della medesima disposizione, attraverso il richiamo all’articolo 22, comma 1, per il deposito del ricorso presso la segreteria della commissione “ad quem”. Il richiamo all’articolo 22,1 comma cit., contenuto nell’articolo 53, comma 2, consente di ritenere equipollente al deposito la spedizione per posta, purche’ la ricezione dell’atto presso la segreteria della C.T.P. avvenga nel termine suddetto. E cio’ anche sul rilievo che il combinato disposto degli articoli 53 e 20 del Decreto Legislativo cit., prevede la proposizione dell’ appello a mezzo di invio postale

Suprema Corte di Cassazione sezione VI ordinanza 8 gennaio 2015, n. 88 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE T Composta [...]

Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenza 12 novembre 2014, n. 24092. Oggetto del processo tributario, atteso il meccanismo di instaurazione di tipo impugnatorio che lo caratterizza, non e’ l’accertamento dell’obbligazione tributaria in quanto tale, da condursi attraverso una diretta ricognizione della disciplina applicabile e dei fatti rilevanti sulla base di essa (a prescindere, cioe’, dalle risultanze dell’atto impugnato). E’ piuttosto la verifica della legittimita’ della pretesa tributaria in quanto avanzata con l’atto impugnato, e alla stregua dei presupposti di fatto e di diritto in tale atto indicati

Suprema Corte di Cassazione sezione tributaria sentenza 12 novembre 2014, n. 24092 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri [...]