In tema di immissioni, non può ritenersi escluso il disturbo della quiete pubblica, in un immobile condominiale, nell’ipotesi in cui abbia interessato esclusivamente gli abitanti sovrastanti un laboratorio di panificazione

/, Corte di Cassazione, Diritto Penale e Procedura Penale, Sentenze - Ordinanze, Sezioni Diritto/In tema di immissioni, non può ritenersi escluso il disturbo della quiete pubblica, in un immobile condominiale, nell’ipotesi in cui abbia interessato esclusivamente gli abitanti sovrastanti un laboratorio di panificazione

In tema di immissioni, non può ritenersi escluso il disturbo della quiete pubblica, in un immobile condominiale, nell’ipotesi in cui abbia interessato esclusivamente gli abitanti sovrastanti un laboratorio di panificazione

Corte di Cassazione, sezione terza penale, Sentenza 30 agosto 2018, n. 39261.

La massima estrapolata:

In tema di immissioni, non può ritenersi escluso il disturbo della quiete pubblica, in un immobile condominiale, nell’ipotesi in cui abbia interessato esclusivamente gli abitanti sovrastanti un laboratorio di panificazione. La natura di reato di pericolo della contravvenzione prevista dall’articolo 659 cod. pen., comporta che la violazione può configurarsi anche in assenza di offesa a soggetti determinati, quando venga posta in essere una condotta idonea ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato di persone; è parimenti pacifico, che l’accertamento del disturbo è questione di fatto che, sorretta da congrua motivazione, non è sindacabile in cassazione.

Sentenza 30 agosto 2018, n. 39261

Data udienza 30 maggio 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAPALORCIA Grazia – Presidente

Dott. DI STASI Antonella – Consigliere

Dott. CORBETTA Stefano – Consigliere

Dott. GAI Emanuela – rel. Consigliere

Dott. MENGONI Enrico – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
Procuratore della Repubblica di Firenze;
nel procedimento nei confronti di:
(OMISSIS), nata a (OMISSIS);
avverso l’ordinanza del 30/11/2017 del Tribunale di Firenze;
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Emanuela Gai;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Cuomo Luigi, che ha concluso chiedendo l’annullamento con rinvio;
udito per l’indagata l’avv. (OMISSIS) che ha concluso chiedendo l’inammissibilita’/rigetto del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1.- Il Procuratore della Repubblica di Firenze ricorre per l’annullamento dell’ordinanza del Tribunale di Firenze, in data 30 novembre 2017, con la quale e’ stato annullato il decreto di sequestro preventivo relativo alla sede secondaria della societa’ ” (OMISSIS) srl”, sita in (OMISSIS), nell’ambito di indagini svolte nei confronti di (OMISSIS), legale rappresentante della societa’, per i reati di cui all’articolo 659 c.p., commi 1 e 2 (capo A), articolo 674 cod. pen. (capo B), Decreto Legislativo n. 152 del 2005, articolo 279 (capo C), reati peri quali ha escluso la sussistenza del fumus commissi delicti e il periculum in mora.
1.1 Secondo il Tribunale cautelare, quanto all’articolo 659 cod. pen. (capo A), il requisito del fumus commissi delicti non era sussistente sul rilievo che, ferma la contestazione di entrambi i commi del citato articolo 659 cod. pen., le attivita’ rumorose non avevano avuto idoneita’, come imposto dalla norma, a disturbare un numero indeterminato di persone e, trattandosi di stabile condominiale, non era configurabile la contravvenzione de qua, che richiede che i rumori siano idonei ad arrecare disturbo ad una piu’ consistente parte degli occupanti l’immobile e non solo all’abitante del piano sovrastante o sottostante, risultando dalle deposizionq testimoniali che i rumori avevano arrecato disturbo solamente alle famiglie immediatamente sovrastanti al laboratorio di panificazione. Quanto all’ipotesi di cui al comma 2, ferma l’applicazione della sola sanzione amministrativa con riferimento al mero superamento dei limiti di emissione, occorreva, comunque, la prova del pericolo concreto di diffusione, situazione quantomeno dubbia tenuto conto della risalenza dell’annotazione di PG rispetto a quanto dedotto nella relazione prodotta dalla difesa.
Quanto ai restanti capi di incolpazione provvisoria, il dato formale della mancata redazione della valutazione di impatto acustico (c.d. VIAC) non assumeva rilievo e, quanto al profilo della configurabilita’ dell’articolo 674 cod. pen.) decisivo appariva il rilievo, secondo il Tribunale, che l’assunto sul quale fonda la contestazione, ovvero la necessaria autorizzazione Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 279 era basato solo su una ricostruzione ipotetica desunta dai quantitativi di farina acquistati senza tenere conto di eventuali giacenze e/o vendite di farina.
Infine, non era sussistente, stante l’esigenza di un approfondimento investigativo sul fumus dei reati, il periculum in mora avuto riguardo agli elementi di valutazione emersi nei tempi piu’ recenti e al comportamento ampiamente collaborativo mostrato dell’indagata nel corso delle indagini.
2. – Per l’annullamento della ordinanza, il Pubblico Ministero ricorrente deduce i seguenti motivi enunciati nei limiti di cui all’articolo 173 disp. att. cod. proc. pen..
2.1. Con il primo motivo deduce la violazione di cui all’articolo 606 c.p.p., comma 1, lettera b) in relazione all’erronea applicazione dell’articolo 659 cod. pen..
Il Tribunale avrebbe erroneamente escluso il fumus del reato di cui all’articolo 659 c.p., comma 2 sulla scorta di una errata interpretazione della legge penale. Il Tribunale avrebbe escluso il reato sul rilievo che era stato arrecato disturbo solo ad alcuni condomini, laddove, invece, la norma punirebbe, nel caso di svolgimento di attivita’ rumorosa, la violazione di specifiche disposizioni di legge dalle quali deriverebbe il pericolo concreto di cui al comma 1 (disturbo dell’occupazione e del riposo delle persone).
2.2. Con il secondo motivo deduce la violazione di legge in relazione all’articolo 125 c.p., comma 3 e vizio di illogicita’ della motivazione con riferimento ai capi B) e C). Il Tribunale avrebbe affermato l’insussistenza dell’obbligo di richiedere l’apposita autorizzazione alle emissioni di cui all’articolo 279 cit. sulla scorta di una motivazione illogica/contradditoria, apodittica e contraria alla ricostruzione fattuale operata dalla Guardia di Finanza, sulla scorta di dati documentali, sul quantitativo di farina utilizzata quotidianamente, disattesa con motivazione illogica e priva di aggancio con elementi concreti e dunque con motivazione mancante.
In data 16 maggio 2018, il difensore dell’indagata ha depositato memoria con cui, con ampio e diffuso richiamo ai precedenti di legittimita’ in tema, ha chiesto l’inammissibilita’/rigetto del ricorso del Pubblico Ministero in presenza di motivazione congrua in punto assenza di fumus commissi delitti con riferimento all’articolo 659 cod. pen. e Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 279.
3. Il Procuratore generale ha chiesto l’annullamento con rinvio.

CONSIDERATO IN DIRITTO

4. Il ricorso e’ inammissibile in forza delle seguenti ragioni.
Deve premettersi che in tema di ricorso per cassazione proposto avverso provvedimenti cautelari reali, l’articolo 325 cod. proc. pen. consente il sindacato di legittimita’ soltanto per motivi attinenti alla violazione di legge nella cui nozione rientrano, oltre agli “errores in iudicando” o “in procedendo”, anche i vizi della motivazione cosi’ radicali da rendere l’apparato argomentativo a sostegno del provvedimento del tutto mancante o privo dei requisiti minimi di coerenza, completezza e ragionevolezza, come tale apparente e, pertanto, inidoneo a rendere comprensibile l’itinerario logico seguito dal Giudice (Sez. 6, n. 6589 del 10/01/2013, Gabriele, Rv. 254893; Sez. 5, n. 43068 del 13/10/2009, Bosi, Rv. 245093).
5. Cosi’ specificato l’ambito del sindacato del giudice di legittimita’ in materia cautelare, non e’ proponibile in questa sede il secondo motivo di ricorso, pur rubricato quale violazione dell’articolo 125 c.p.p., comma 3, con cui il Pubblico Ministero deduce l’illogicita’ della motivazione in relazione al presupposto del fumus con riguardo alla contravvenzione di cui al Decreto Legislativo n. 152 del 2006, articolo 279, comma 1 e articolo 674 cod. pen. (cfr. pag. 6).
Quanto al reato di cui all’articolo 659 cod. pen., deve rilevarsi che la giurisprudenza di legittimita’ ha, con orientamento che puo’ dirsi ormai consolidato, affermato il principio di diritto secondo cui secondo l’ambito di operativita’ dell’articolo 659 cod. pen., con riferimento ad attivita’ o mestieri rumorosi, deve essere individuato nel senso che, qualora si verifichi esclusivamente il mero superamento dei limiti di emissione fissati secondo i criteri di cui alla L. n. 447 del 1995, mediante impiego o esercizio delle sorgenti individuate dalla legge medesima, si configura il solo illecito amministrativo di cui all’articolo 10, comma 2 della legge quadro; quando, invece, la condotta si sia concretata nella violazione di disposizioni di legge o prescrizioni dell’autorita’ che regolano l’esercizio del mestiere o dell’attivita’, sara’ applicabile la contravvenzione sanzionata dall’articolo 659 c.p., comma 2, mentre, nel caso in cui l’attivita’ ed il mestiere vengano svolti eccedendo dalle normali modalita’ di esercizio, ponendo cosi’ in essere una condotta idonea a turbare la pubblica quiete, sara’ configurabile la violazione sanzionata dall’articolo 659 c.p., comma 1 indipendentemente dalla fonte sonora dalla quale i rumori provengono, quindi anche nel caso in cui l’abuso si concretizzi in un uso smodato dei mezzi tipici di esercizio della professione o del mestiere rumoroso (da ultimo Sez. 3, n. 25424 del 5/6/2015 (dep. 20/6/2016), Pastore, non massimata).
In tale ambito si e’ poi precisato che l’effettiva idoneita’ delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone costituisce un accertamento di fatto rimesso all’apprezzamento del giudice di merito, il quale non e’ tenuto a basarsi esclusivamente sull’espletamento di specifiche indagini tecniche, ben potendo fondare il proprio convincimento su altri elementi probatori in grado di dimostrare la sussistenza di un fenomeno in grado di arrecare oggettivamente disturbo della pubblica quiete (Sez. 3, n. 11031 del 05/02/2015, Montoli, Rv. 263433).
Nel dare continuita’ a tali principil deve condividersi l’osservazione del Pubblico Ministero come non possa ritenersi escluso il disturbo della quiete pubblica, nel caso di immobile condominiale, nel caso in cui abbia interessato esclusivamente gli abitanti sovrastanti il laboratorio di panificazione. Ed infatti, secondo la giurisprudenza di questa Corte, e’ pacifica la natura di reato di pericolo della contravvenzione prevista dall’articolo 659 cod. pen., tanto che la violazione puo’ configurarsi anche in assenza di offesa a soggetti determinati, quando venga posta in essere una condotta idonea ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato di persone (cfr. Sez. 1, n. 7748, del 28/02/2012; Sez. 1 n. 44905, del 02/12/2011; Sez. 1, n. 246, del 07/01/2008; Sez. 1, n. 40393, del 14/10/2004; Sez. 3, n. 27366, del 06/07/2001); non di meno, e’ parimenti pacifico, che l’accertamento del disturbo e’ questione di fatto che sorretta da congrua motivazione non e’ sindacabile in questa sede.
6. Infine, il ricorso del Pubblico Ministero non contiene alcuna censura sull’esclusione del periculum in mora, situazione che, unitamente alla manifesta infondatezza dei motivi in punto fumus commissi delitti, conduce alla dichiarazione di inammissibilita’ del ricorso.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Lascia un commento