Per l’indagine in ordine alla individuazione dei parametri per il licenziamento per giusta causa

/, Corte di Cassazione, Diritto Civile e Procedura Civile, Diritto del Lavoro e della Previdenza sociale, Sentenze - Ordinanze, Sezioni Diritto/Per l’indagine in ordine alla individuazione dei parametri per il licenziamento per giusta causa

Per l’indagine in ordine alla individuazione dei parametri per il licenziamento per giusta causa

Corte di Cassazione, sezione sesta lavoro, Ordinanza 24 maggio 2018, n. 12916.

La massima estrapolata:

Per l’indagine in ordine alla individuazione dei parametri per il licenziamento per giusta causa, quanto per l’indagine in ordine alla sussistenza delle ipotesi di licenziamento contemplate dai contratti collettivi rileva l’accertamento in concreto circa la reale entita’ e gravita’ del fatto, anche sotto il profilo soggettivo della colpa e del dolo.

Ordinanza 24 maggio 2018, n. 12916

Data udienza 7 marzo 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere

Dott. SPENA Francesca – Consigliere

Dott. DE MARINIS Nicola – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA
sul ricorso 3920/2017 proposto da:
(OMISSIS) COOP SOL SOC ONLUS, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
(OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS);
– controricorrente –
avverso la sentenza n. 1011/2016 della CORTE D’APPELLO di CATANIA, depositata il 19/10/2016;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 07/03/2018 dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO.
RILEVATO
che la Corte di Appello di Catania confermava la sentenza di primo grado che aveva dichiarato l’illegittimita’ per mancanza di giusta causa e giustificato motivo del licenziamento intimato da (OMISSIS) Coop nei confronti di (OMISSIS), condannando la societa’ alla reintegra della lavoratrice nel posto di lavoro;
che la contestazione riguardava il comportamento scorretto tenuto dalla lavoratrice verso gli utenti, minori in eta’ prescolare, della cooperativa sociale, nonche’ verso i colleghi e verso soggetti esterni, essendosi ella resa protagonista di ingiurie e rissa sul posto di lavoro, con assunzione di condotta in contrasto con i principi della cooperativa e lesiva della dignita’ della persona;
che la Corte territoriale, precisato che l’onere probatorio in ordine alla legittimita’ del licenziamento era a carico di parte datoriale e dato atto delle contrastanti versioni rese dai testi escussi, ha ritenuto provato che vi era stata una discussione piuttosto animata tra la lavoratrice e (OMISSIS), altra dipendente piu’ anziana, ma che non era stata provata una vera e propria investitura formale del ruolo di coordinatrice in capo a quest’ultima, talche’ l’alterco intercorso non poteva qualificarsi come insubordinazione, tanto meno grave, con la conseguenza che la condotta addebitata alla lavoratrice non era assimilabile per gravita’ ad alcuna delle ipotesi tipizzate dal CCNL quale giusta causa di licenziamento;
che avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione la societa’ sulla base di tre motivi, illustrati mediante memoria;
che la (OMISSIS) ha resistito con controricorso;
che la proposta del relatore, ai sensi dell’articolo 380 bis c.p.c., e’ stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata;
che il collegio ha autorizzato la redazione del provvedimento in forma semplificata.

CONSIDERATO

Che con il primo motivo la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione dell’articolo 2119 c.c., e L. n. 604 del 1966, articolo 1, in relazione al CCNL cooperative sociali e alla Legge Regionale Sicilia 9 maggio n. 22 e regolamento DPR Sicilia del 29 giugno 1988, osservando che il giudizio di gravita’ dell’episodio deve essere rapportato alla delicatezza del contesto lavorativo in relazione sia all’utenza che ai controlli effettuati dall’assessorato comunale alle politiche sociali, avuto riguardo alle rimostranze dei genitori;
che con il secondo motivo deduce violazione dell’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5, omessa insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia in relazione alla sussistenza di giusta causa di licenziamento per l’inadempimento contrattuale;
che con il terzo motivo deduce erronea applicazione del CCNL cooperative sociali ex articolo 42 lettera E punti 11 e 12 – proporzionalita’ della sanzione alla gravita’ dell’infrazione, osservando che l’articolo 42 CCNL di settore contempla come sanzione per il licenziamento la grave insubordinazione verso i superiori ovvero i casi di litigi di particolare gravita’ e che i connotati di gravita’ erano ravvisabili perche’ la condotta si era realizzata al cospetto dei piccoli ospiti che ne avevano risentito sul piano emotivo;
che i motivi di ricorso possono essere valutati congiuntamente in ragione dell’intima connessione, considerato che tanto per l’indagine in ordine alla individuazione dei parametri per il licenziamento per giusta causa, quanto per l’indagine in ordine alla sussistenza delle ipotesi di licenziamento contemplate dai contratti collettivi rileva l’accertamento in concreto circa la reale entita’ e gravita’ del fatto, anche sotto il profilo soggettivo della colpa e del dolo (Cass. n. 8826 del 5/4/2017);
che in proposito la Corte d’appello ha accertato che era intervenuta una discussione animata sul luogo di lavoro, ma che la stessa, ancorche’ accompagnata da termini non consoni all’ambiente lavorativo, non poteva qualificarsi come insubordinazione, stante la mancanza di una vera e propria investitura formale in capo alla (OMISSIS), ne’ configurava un rifiuto ad eseguire una direttiva del superiore, mentre, per altro verso, il fatto non rivestiva carattere di particolare gravita’ ove raffrontato con alcune condotte, connotate da ben maggior disvalore, sanzionate solo con la sospensione dal CCNL, tenuto anche conto dell’unicita’ dell’episodio, rimasto del tutto isolato;
che parte ricorrente con i motivi di ricorso non identifica i parametri integrativi della clausola generale che sarebbero stati violati dai giudici di merito, limitandosi esclusivamente a ribadire che, secondo la sua valutazione, il fatto addebitato costituirebbe giusta causa di licenziamento, anche sotto il profilo della proporzionalita’ della sanzione, con la conseguenza che la decisione non risulta congruamente censurata sotto il profilo della denunciata violazione di legge e del rispetto della contrattazione collettiva (Cass. 18715 del 10 maggio 2016);
che la stessa parte neppure indica la violazione del criterio di sussunzione della fattispecie, in relazione ai fatti come accertati, limitandosi piuttosto a criticare il giudizio formulato dalla Corte territoriale in ragione degli elementi di fatto in precedenza riportati, in tal modo proponendo una rivalutazione del merito non consentita in sede di legittimita’ (cfr. sentenza citata);
che, pertanto, in base alle svolte argomentazioni, il ricorso va rigettato, con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita’.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita’ liquidate in complessivi Euro 3.500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da’ atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

Lascia un commento